16 luglio 2021 · 2 min read

La difficoltà di mining di Bitcoin è destinata a scendere al livello di giugno 2020 questo fine settimana

La difficoltà di mining di Bitcoin (BTC) è destinata ad un ulteriore calo questo fine settimana, che la trascinerà al livello di giugno 2020.

Mining rig di Bitcoin. Fonte: Adobe/amixstudio

La difficoltà di mining di Bitcoin, o la misura di quanto sia difficile competere per le ricompense di mining, dovrebbe scendere, in meno di due giorni, di circa il 6%, come stima il pool di mining BTC.com alle 14:27 UTC.

Questo sarebbe il quarto calo più elevato quest'anno, su sei in totale, e seguirebbe il calo storico di quasi il 28%.

Inoltre, questo cambiamento ridurrebbe il livello di difficoltà da 14,36 T a 13,48 T, o il livello simile visto l'ultima volta all'inizio di giugno 2020, aiutando ancora una volta i miner a guadagnare di più, mentre BTC è ancora bloccato in un intervallo. A giugno 2020, BTC veniva scambiato sopra i 9.000 USD. Alle 14:29 UTC di oggi, BTC veniva scambiato a 31.910 USD ed è rimasto invariato nella giornata. Il prezzo è sceso del 3% in una settimana.

In particolare, questo aggiustamento segnerebbe il quarto calo consecutivo dopo che la difficoltà di mining ha raggiunto a metà maggio il suo massimo storico (ATH) di 25,05 T. Pertanto, se dovesse scendere al livello previsto, significherebbe una diminuzione del 46% rispetto all'ATH.

Per BitInfoCharts.com, l'hashrate, o la potenza di calcolo della rete, è in aumento rispetto al precedente aggiustamento, salendo del 18% in dodici giorni fino al 15 luglio. Questo livello, tuttavia, è ancora inferiore del 45% rispetto all'ATH visto a metà maggio.

Anche la redditività del mining di Bitcoin è aumentata dalla fine di giugno.

Redditività di mining USD/giorno per 1 THash/s, media mobile semplice a 7 giorni. Fonte: Bitinfocharts.com

La difficoltà di mining di Bitcoin viene regolata ogni due settimane (o per la precisione ogni 2016 blocchi) per mantenere il normale tempo di blocco di 10 minuti. Il tempo di blocco della media mobile semplice di 7 giorni il 15 luglio è stato di 10,46 minuti, in calo rispetto agli oltre 17 minuti registrati il 2 luglio.

Nel frattempo, secondo ByteTree, nelle ultime settimane i miner hanno smesso di spendere BTC appena generati e hanno invece tenuto più monete.

Fonte: terminal.bytetree.com, 14:31 UTC

Tutto questo è successo durante il massiccio esodo dei miner dalla Cina, a causa del continuo giro di vite del governo su questa sezione dell'industria.

Tuttavia, i nuovi dati del Cambridge Center for Alternative Finance, presso la Cambridge Judge Business School, hanno suggerito che l'hashrate cinese era già in "calo significativo da qualche tempo", prima dell'effettiva repressione del settore di mining. Secondo le stime, la sua quota del potere di mining totale di Bitcoin è scesa dal 75,5% di settembre 2019 al 46% di aprile 2021. Nel frattempo, sono aumentate quelle degli Stati Uniti e del Kazakistan.

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   ___
 

 

Per saperne di più:
- Bitcoin Miners Secure Nuclear Deals
- Crypto Mining Rigs ‘Selling Like Scrap Metal’ as Mainland China Mood Darkens

- The Bitcoin Mining Council and ESG Discussion
- China Is Not Done Yet With Its Crackdown On Crypto Mining - Researcher