21 febbraio 2020 · 4 min read

Bitcoin può davvero essere censurato, controllato e sottoposto a controllo di massa?

Un recente dibattito nel Cryptoverso ha portato ancora una volta una serie di domande vitali riguardanti la base stessa di Bitcoin (BTC) - e delle criptovalute in generale: quanto è sicuro BTC dalla censura, dal controllo e dalla sorveglianza?

Source: iStock/baloon111

I partecipanti a questo dibattito sono Kevin Sekniqi, cofondatore e Chief Protocol Architect alla startup blockchain AVA Labs , ex ingegnere software di Microsoft da un lato, e dall'altro , Alex Gladstein, Chief Strategy Officer presso Human Rights Foundation (HRF), Vice President of Strategy per l' Oslo Freedom Forum , e un consulente della società di capitali di rischio Blockchain Capital .

L'intera discussione è iniziata con Gladstein che ha affrontato i vantaggi di Bitcoin, una risorsa come nessuna prima, come ha detto, twittando un elenco il 18 febbraio:

Non tutti sono d'accordo con tutti i punti di questo elenco, con i commentatori sottolineando casi di censura, interferenza e sorveglianza da parte di agenzie governative, centralizzazione delle risorse per il mining, ecc.

Una delle persone in disaccordo è Sekniqi, che prontamente ha lanciato una serie di "attacchi" a quella che lui chiama "una sfortunata serie di narrazioni Bitcoin". Aggiunge: "Bitcoin è un progresso tecnologico, ma non vive al di fuori del nostro universo ed è quindi fragile". Ha sostenuto che Bitcoin può essere effettivamente chiuso:

  • a livello di rete, poiché è come tutti gli altri protocolli che sfruttano la comune rete Internet;
  • a livello di protocollo, in quanto libro mastro "synchronous Byzantine fault-toleran" e i governi possono "affrontare" la sua proof-of-work per censurare qualsiasi cosa;
  • a livello legale, poiché un divieto coordinato multi-governo distruggerebbe la capitalizzazione di mercato di Bitcoin e avrebbe un effetto a cascata globale;
  • Bitcoin non è privato, tutto ciò che è stato fatto su di esso è pubblico, come può ed è sottoposto a controllo di massa;
  • Bitcoin può essere monopolizzato dalle corporations.

Ed eccoci qui: i due campi di opinione con i commentatori che cadono nell'uno o nell'altro, e ovunque nel mezzo, portando l'argomento al giorno successivo. Le persone iniziarono rapidamente a schierarsi, e presto sia l'onestà di Sekniqi che quella di Gladstein vengono messe in discussione e sorgono conflitti di interesse. Il secondo sostiene che il primo stia "spingendo un concorrente shitcoin" contro Bitcoin, dato che i laboratori AVA sono dietro Athereum , una testnet Ethereum sperimentale, con il token nativo ATH, e afferma che il progetto di Sekniqi non possa competere con BTC. Tuttavia, Tim Swanson, capo delle informazioni di mercato presso il costruttore di blockchain Clearmatics, si è unito alla discussione per sottolineare l'"ipocrisia" di Gladstein mentre anche lui promuove una moneta.

Gladstein ha risposto oggi con la promessa di video, per difendere la sua posizione, contrastare gli argomenti di Sekniqi e invitare una conversazione su questi temi. Anche lui scopre che l'altra parte sta promuovendo false narrative non basate nel mondo reale e conclude che:

  • sebbene l'accesso delle persone alla rete Bitcoin possa teoricamente essere bloccato, al momento non sta avvenendo nel mondo reale, nemmeno dai regimi di controllo, come la Cina;
  • anche se l'accesso dovesse essere bloccato, esiste una tecnologia esistente e in via di sviluppo che è un modo per aggirare il blocco (come il Blockstream Satellite);
  • le persone che si concentrano sulla privacy tendono a perdere quanto sia potente la natura pseudonima e senza autorizzazione di BTC; salvo gli scenari molto estremi di costosi attacchi del governo, anche se tutti i minatori sono controllati dal governo che vuole censurare qualcuno e anche con le misure KYC (conosci il tuo cliente), sarebbe molto difficile ottenere le informazioni su quali indirizzi appartengono a chi - ed è altamente improbabile che tali informazioni vengano condivise, ad esempio, tra Stati Uniti e Cina; inoltre ci sono i coin mixers per migliorare la privacy; (Per saperne di più: What a CEO’s Arrest Tells Us of Coin Mixers' Present and Future)
  • le persone reagiscono con un crescente interesse per le cose bandite da un governo, mentre l'applicazione di un divieto è estremamente difficile - e vietare una risorsa open source senza autorizzazioni è inverosimile e una fantasia;
  • Bitcoin può essere sottoposto a monitoraggio di massa, ma non facilmente , quindi implicherebbe una serie di passaggi difficili, quindi l'affermazione di Sekniqi secondo cui ciò che si fa su Bitcoin è pubblico è disonesto;
  • L'affermazione di Sekniqi secondo cui le corporations possano controllare BTC è falsa, come avevano già fatto in passato i minatori e gli exchange provando ad apportare modifiche alle regole e fallendo (questo ha portato alla creazione di Bitcoin Cash).

Questo è stato l'ultimo episodio finora in questa serie di discussioni, ma il dibattito che in generale sta permeando il criptoverso, continuerà sicuramente, data la sua natura complessa.

Da che parte stai? Quali dettagli importanti mancavano a Sekniqi e Gladstein nei loro argomenti? Facci sapere nella sezione commenti qui sotto.
___
Per saperne di più:
What Could Kill Bitcoin and How Possible it is
Hey, Gov’t Officials! Do You Still Think You Can Ban Bitcoin?
Bitcoin Perhaps More Dependent on Governments than Many Think
7 Biggest Misconceptions About Bitcoin, Picked by 6 Crypto Experts
Bitcoin Price Might Hit USD 1M Sooner Than a Quantum Computer Attacks