Home NewsBitcoin News

Il dominio della Cina nell'estrazione di bitcoin è sceso per la crescente concorrenza

Di Sead Fadilpašić
Il dominio della Cina nell'estrazione di bitcoin è sceso per la crescente concorrenza 101
Fonte: Adobe/luzitanija

La percentuale dell'hashrate dei minatori cinesi di Bitcoin (BTC), o la potenza computazionale della rete, si è ridotta quest'anno quando l'hashate è balzato del 25%, mentre gli Stati Uniti sono tornati al secondo posto, secondo la Bitcoin Mining Map creata dal Cambridge Center for Alternative Finance (CCFAF) .

La mappa mostra la distribuzione geografica approssimativa dell'hashate Bitcoin globale, spiegano gli autori, con la quota media di hashrate per paese visualizzata in intervalli mensili a partire da settembre 2019. I dati sono forniti dai pool di mining BTC.com , Poolin e ViaBTC . Il CCFAF fa parte della Cambridge Judge Business School , della University of Cambridge .

I grafici mostrano che, nei primi quattro mesi di quest'anno, la Cina ha avuto di gran lunga la quota mensile media più grande di hashrate totale, con un enorme 69%. La provincia dello Xinjiang è in testa nella classifica del paese, occupando ben il 36%. Questo numero totale, tuttavia, è inferiore di quasi 5 punti percentuali rispetto ai quattro mesi precedenti (settembre-dicembre 2019), che hanno segnato il 74%. Solo ad aprile, si attestava al 65% ed era inferiore di circa 8 punti percentuali rispetto a gennaio di quest'anno.

Nel frattempo, a marzo, dopo una pausa di tre mesi, i minatori con sede negli Stati Uniti sono tornati al secondo posto con il 7% della velocità totale, spingendo i minatori in Russia un gradino più in basso.

Quota mensile di hasrate totale in aprile

Il dominio della Cina nell'estrazione di bitcoin è sceso per la crescente concorrenza 102
Fonte: The Bitcoin Mining Map

The Bitcoin mining map

Il dominio della Cina nell'estrazione di bitcoin è sceso per la crescente concorrenza 103
Fonte: The Bitcoin Mining Map

Il grafico globale mostra che l'Europa guida tra i continenti con un numero di paesi che prendono parte a questa distribuzione. Ma il solo numero di paesi conta poco. Tra questi, nei primi quattro mesi del 2020, la Norvegia ha avuto la più grande quota media mensile di hashrate con lo 0,82%. La Germania aveva lo 0,44%, l'Ucraina 0,20%, la Francia 0,18%, i Paesi Bassi lo 0,15%, il Regno Unito lo 0,10%, ecc., Con la maggior parte dei paesi che mostrava solo lo 0,01%. Complessivamente, avevano ovviamente molto meno della quota mensile media cinese del 69,3% di hashrate totale per lo stesso periodo.

Nel frattempo, l'estrazione mineraria è diventata più difficile poiché più minatori hanno acceso le loro macchine alla fine di aprile per sfruttare la loro ultima possibilità di guadagnare BTC 12,5 per blocco prima dell' halving che avverrà tra qualche giorno. Come riportato, i minatori BTC responsabili fino al 30% dell'hashrate della rete sono i più vulnerabili e potrebbero essere costretti a spegnere la maggior parte delle loro macchine dopo il dimezzamento.

Quest'anno l'hashrate di Bitcoin è aumentato di circa il 25%, a 119 TH/s.

Il dominio della Cina nell'estrazione di bitcoin è sceso per la crescente concorrenza 104
Fonte: blockchain.com

Più Articoli