29 giu 2021 · 4 min read

Craig Wright vince il caso di copyright sul white paper di Bitcoin per un cavillo

Craig Wright, l'informatico australiano che non riesce a dimostrare di essere il creatore di Bitcoin (BTC) Satoshi Nakamoto, ha vinto una battaglia legale con Cobra, l'operatore del sito Bitcoin.org. Wright ha vinto per un cavillo, poiché Cobra si è rifiutato di testimoniare con il suo vero nome o di fornire una testimonianza orale che compromettesse lo pseudonimo in un'udienza del tribunale britannico.

Craig Wright. Fonte: uno screenshot del video

Wright afferma di essere l'autore del white paper di Bitcoin e può quindi rivendicare il copyright sul documento. Cobra ha dichiarato su Twitter di aver partecipato all'udienza dell'Alta Corte, condotta virtualmente su Microsoft Teams, ma che la loro incapacità di fornire testimonianza ha significato che Wright vincesse il caso automaticamente.

Wright era rappresentato dallo studio legale Ontier, che ha emesso un comunicato stampa riportando le affermazioni di Wright di essere Nakamoto.

Secondo gli avvocati di Wright, il giudice ha ordinato a Cobra di "mostrare un avviso sul suo sito Web sulla sentenza, pagare almeno 48.600 dollari di spese legali e rimuovere il white paper dal sito". Cobra, hanno spiegato gli avvocati, "non ha montato alcuna difesa per preservare il suo pseudonimo".

L'avviso, ha stabilito il giudice, deve essere mantenuto per almeno sei mesi.

Simon Cohen, un Senior Associate presso l'azienda, ha affermato:

“Questo è uno sviluppo importante nella missione del Dr. Wright di rivendicare il copyright sul suo white paper. Sebbene oggi si sia assicurato la vittoria di default perché non era stata preparata alcuna difesa, è degno di nota il fatto che il tribunale inglese abbia comunque ingiunto a Cøbra di rendere il white paper inaccessibile nel Regno Unito".

L'azienda ha poi aggiunto che la sentenza è stata un "importante sviluppo" nella "ricerca di Wright di ottenere il copyright sul suo white paper".

Su Twitter, Cobra, che in precedenza aveva ammesso che le sue possibilità di vittoria senza montare una difesa orale erano scarse, era di umore abbattuto. Aveva presentato dichiarazioni scritte, ma sembra che queste non siano state abbastanza efficaci da influenzare il giudice.

Aveva scritto in attesa del verdetto:

"Se mi rifiuto di rispettare l'ordine, è probabile che ai fornitori di servizi Internet del Regno Unito verrà ordinato di bloccare parte o tutto bitcoin.org per violazione del copyright, nello stesso modo in cui Sci-Hub è stato bloccato nel Regno Unito."

Dopo che il verdetto è stato annunciato, lo sconsolato Cobra ha annunciato che "si sarebbe preso una pausa da Twitter per un po'" e che "fa schifo quando hai miliardari determinati a seppellirti in un'interminabile causa frivola". Ma ha anche offerto alcuni pensieri sulla tattica di Wright, scrivendo:

“Non credo che si potrebbe ottenere una pubblicità migliore che spieghi il motivo per cui Bitcoin è necessario rispetto a quello che è successo oggi. Le regole applicate nel mondo cripto sono di gran lunga superiori alle regole basate su chiunque possa spendere centinaia di migliaia di dollari in tribunale".

Ha aggiunto che "i beni basati sulle fiat sono in definitiva garantiti" dallo stesso sistema legale che "oggi ha reso illegale per me ospitare il whitepaper di Bitcoin perché un famigerato bugiardo ha giurato davanti a un giudice di essere Satoshi". Ha deplorato il fatto che è il "sistema in cui la 'giustizia' dipende da chi ha il portafoglio più grande" che ha determinato il verdetto.

Su Twitter non sono mancate le ire dei numerosi detrattori di Wright.

E mentre il fondatore di Ayre Group e CoinGeek Calvin Ayre (un sostenitore di Wright) ha affermato che il problema era "lontano dall'essere finito", Cobra ha risposto: "Lo so, amico, lo so meglio di te".

Wright ora spera di spostare la sua battaglia legale su un terreno nuovo: il mese scorso lui e lo stesso studio legale hanno ottenuto il permesso legale di muoversi contro 16 Bitcoin network e altri sviluppatori di reti blockchain con sede al di fuori del Regno Unito per non essere riuscito a recuperare "miliardi" di valore in dollari di BTC che Wright afferma di aver perso in un presunto hack nel 2020. Il team aveva chiesto il permesso ai tribunali nel febbraio di quest'anno.

All'epoca, Cobra ha definito la mossa "disgustosa" e "vergognosa", poiché gli sviluppatori nominati nel caso stavano lavorando a soluzioni "open source".

All'inizio di quest'anno, la Cryptocurrency Open Patent Alliance ha lanciato un'offerta nei tribunali del Regno Unito per ottenere un verdetto che stabilisse che Wright non era l'autore del white paper.

A gennaio, decine di siti, inclusi alcuni gestiti dai governi, hanno pubblicato il white paper sulle proprie piattaforme in un atto di sfida.
___
Per saperne di più:
- Satoshi-era Bitcoin Miner Calls Craig Wright a Fraud Using "His" BTC Addresses
- Bitcoiners Strike Back At Craig Wright & His Lawyers

- Gli avvocati hanno intentato una causa contro Ledger e Shopify 
- DeFi, DEXs, Stablecoins, Chainlink - All Scam, Says Craig Wright

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN