Elon Musk dice la sua sul fondatore di FTX: non mi fidavo perché...

Elon Musk. Fonte: video screenshot, Elon Musk Zone / YouTube

Il CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk, ha affermato di non essersi mai fidato del fondatore ed ex CEO di FTX, Sam Bankman-Fried.

A marzo, quando Musk stava cercando di raccogliere fondi nel tentativo di finanziare la sua acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari, Bankman-Fried ha contattato il miliardario tramite intermediari per esprimere il suo interesse a investire in Twitter.

Secondo i messaggi trapelati, Michael Grimes, il banchiere che ha supportato l'accordo per Twitter ha detto a Musk che SBF stava offrendo "almeno $ 3 miliardi" per aiutarlo ad acquistare Twitter e voleva parlare del potenziale di "integrazione della blockchain dei social media".

Musk chiese a Grimes, "Sam ha davvero $ 3 miliardi di liquidi?" mostrando scetticismo sulla capacità del CEO di FTX di preparare questa somma di denaro.

L'utente di Twitter Internal Tech Emails, che ha oltre 347.000 follower sulla piattaforma social, ha condiviso una copia dei messaggi venerdì. Musk ha risposto: "Esatto. Ha attivato il mio rilevatore di bs (bull shit), motivo per cui non pensavo avesse $ 3 miliardi".

I messaggi di testo erano stati pubblicati a settembre, nell'ambito di procedimenti legali, dimostrando che SBF era disposta a contribuire fino a 5 miliardi di dollari per l'acquisizione di Twitter.

La scorsa settimana, SBF ha dichiarato di non aver investito in Twitter a causa della differenza di visioni relative a un social network legate alle criptovalute. 

FTX dichiara fallimento dopo l'inizio delle indagini

Come riportato la settimana scorsa, la corsa disperata di FTX a cercare gli investitori che potessero riparare il dissesto di bilancio si è conclusa venerdì dopo che la società ha dichiarato bancarotta secondo il Capitolo 11, chiudendo un'improvvisa e sorprendente caduta per uno dei più grandi exchange di criptovalute al mondo.

In particolare, FTX USA, il braccio statunitense della piattaforma di scambio è stato incluso nel procedimento, nonostante le affermazioni dell'ex CEO secondo cui la filiale statunitense andava bene.

La dichiarazione di fallimento è arrivata dopo che le autorità di regolamentazione di tutto il mondo hanno iniziato a congelare i beni dell'exchange in difficoltà.

Inizialmente, è stata la Securities Commission delle Bahamas ha congelato gli asset di FTX Digital Markets Ltd, la sussidiaria bahamiana della piattaforma. L'agenzia ha affermato che il congelamento sia "la linea d'azione prudente" e abbia lo scopo di stabilizzare la società e proteggere i beni.

Poco dopo, la Securities and Exchange Commission (SEC) e il Dipartimento di giustizia (DOJ), due agenzie di regolamentazione USA di alto livello, hanno rivelato di aver avviato delle indagini su FTX dopo la sua implosione della scorsa settimana.

Anche il Kanto Local Finance Bureau giapponese, responsabile della regolamentazione degli exchange di criptovalute nel paese, ha vietato a FTX di prelevare i depositi dei clienti. Anche l'autorità di regolamentazione finanziaria australiana ha seguito, mettendo sotto controllo amministrativo FTX Australia, ha riferito l'Australian Financial Review.

Nel frattempo, in mezzo a tutto il caos, voci sul fatto che i wallet FTX venivano prosciugati in una serie di misteriose transazioni hanno iniziato a circolare venerdì sera. Gli osservatori hanno concluso che FTX era stato hackerato o che gli addetti ai lavori stavano rubando i fondi dei clienti, come beffa finale sul crollo di FTX.

Segui Cryptonews Italia sui canali Social