Home News

Il GAFI decide di inasprire la regolamentazione delle cripto

Di Linas KmieliauskasSead Fadilpašić
Il GAFI decide di inasprire la regolamentazione delle cripto 101
Marshall Billingslea, Presidente del FATF. Fonte: Twitter, the FATF

La Financial Action Task Force (FATF o GAFI), un organismo multi-governativo, ha accettato di attuare le sue precedenti raccomandazioni che avrebbero costretto i governi a rafforzare la supervisione del business cripto.

Inoltre, i paesi saranno obbligati a registrare e supervisionare tutte le attività connesse alle cripto, compresi gli hedge fund, gli exchange, i servizi di custodia, i quali dovranno controllare i loro clienti e segnalare le transazioni. Il GAFI monitorerà l'attuazione dei nuovi requisiti da parte di paesi e fornitori di servizi e condurrà una revisione di 12 mesi a giugno 2020.

Come riportato, il mondo cripto ha già sostenuto con forza che ciò avrà un grosso impatto e ha ritenuto queste raccomandazioni come 'draconiane'.

Alcune dei punti fondamentali estratti dalle raccomandazioni della FATF che sono state confermate:

  • Le istituzioni finanziarie, inclusi i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP), dovranno adottare misure di "Customer Due Diligence (CDD)" quando si tratta di effettuare transazioni occasionali al di sopra della soglia designata di USD/EUR 1.000.
  • Inoltre, sin da ora, i VASP sono obbligati a mettere in atto procedure CDD che implementano e utilizzano in modo efficace per identificare e verificare l'identità di un cliente su una base di rischio.
  • In genere, le informazioni di identificazione del cliente richieste includono informazioni sul nome del cliente e ulteriori identificativi come indirizzo fisico, data di nascita e un numero identificativo nazionale univoco (ad es. Numero di identità nazionale o numero di passaporto). Tuttavia, i VASP sono anche incoraggiati a raccogliere informazioni aggiuntive come un indirizzo IP con un timestamp associato, dati di geolocalizzazione, identificatori di dispositivo, indirizzi di portafoglio e hash di transazione.
  • I VASP dovrebbero essere in grado di preparare un profilo di rischio del cliente nei casi appropriati.
  • Se un VASP trovasse un "indirizzo di asset virtuali" sospetto, "dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di rendere disponibile" il proprio elenco degli "indirizzi di portafogli nella lista nera" alle autorità locali. Inoltre, un VASP dovrebbe controllare, come parte del suo monitoraggio continuo, se gli indirizzi di wallet del suo cliente e della sua controparte siano tra quelli nella lista nera.
  • I VASP devono esaminare le transazioni per determinare se esse siano coerenti con le informazioni del VASP sul cliente. Il monitoraggio delle transazioni comporta anche l'identificazione delle modifiche al profilo del cliente.

"Adottando gli standard e le linee guida concordati per questa settimana, il GAFI si assicurerà che i fornitori di servizi patrimoniali virtuali non operino nell'oscurità, consentendo al settore emergente del settore FinTech di rimanere un passo avanti ai regimi disonesti e ai simpatizzanti degli illeciti alla ricerca di strade per raccogliere e trasferire fondi senza essere intercettati", ha detto il segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin dopo la Plenaria del FATF per il 2019 tenutasi ad Orlando lo scorso venerdì.

"Negli Stati Uniti, ho convocato un gruppo di lavoro con la Federal Reserve e altri regolatori per garantire che continuiamo a utilizzare le risorse digitali esclusivamente per uso legittimo", ha aggiunto..

La Global Digital Finance, un ente del settore che rappresenta aziende cripto in tutto il mondo, ha detto che ha accolto con favore le regole del GAFI, secondo la Reuters. Tuttavia, Teana Baker-Taylor, il suo direttore esecutivo, ha dichiarato che le raccomandazioni del GAFI di costringere le società ad includere nelle transazioni cripto i dettagli dei mittenti e dei beneficiari potrebbero essere difficili da soddisfare. Nel frattempo, Megan Gordon, partner dello studio legale Clifford Chance, ha detto a Reuters che le regole potrebbero innescare il consolidamento nel settore delle criptovalute a causa degli alti costi di implementazione dei controlli anti-riciclaggio per le piccole imprese.
___________________________________

Tuttavia, come riportato, i dirigenti di grandi aziende cripto come Circle, Coinbase, bitFlyer, Kraken e Huobi sono tra quelle che incontreranno i rappresentanti del Gruppo dei 20 (G20) per difendere la loro attività commerciale da nuove regole di raccolta dati.

Come promemoria, il GAFI è un organismo multi-governativo con 38 membri e vari osservatori, fondato nel 1989 dai ministri delle giurisdizioni dei suoi membri. Presentarono una serie di misure dettagliate per combattere il riciclaggio di denaro sporco, il finanziamento del terrorismo e la proliferazione delle armi di distruzione di massa. Le raccomandazioni del GAFI sono seguite da duecento paesi.

Più Articoli