Home NewsBitcoin News

4 motivi per cui Bitcoin potrebbe non fare un rally subito dopo l'halving

Di Sead Fadilpašić
4 motivi per cui Bitcoin potrebbe non fare un rally subito dopo l'halving 101
Fonte: Adobe/Viktor

Rispetto ai due precedenti halving di Bitcoin (BTC) che sono stati contrassegnati da importanti rialzi del prezzo della moneta durante il periodo dell'evento, questa volta potrebbe essere diversa e BTC potrebbe non vedere un periodo rialzista nei mesi successivi all'evento, secondo CryptoCompare , un fornitore di dati di mercato crittografico.

Il terzo halving della ricompensa per il mining di Bitcoin si stima dovrebbe avvenire il 12 maggio. Anche le ricerche di Google relative al "dimezzamento di Bitcoin" sono alle stelle, con recenti ricerche che "sostanzialmente eclissano i volumi di ricerca dell'ultimo dimezzamento di luglio 2016, indicando un maggiore interesse degli investitori per l'evento", CryptoCompare afferma nel loro recente report.

E tutto ciò sta avvenendo durante pandemia COVID-19, crisi economica, e le banche centrali del mondo che stanno "avnzando con uno dei più grandi esperimenti di offerta di denaro nella storia."

La domanda è, tuttavia, se qualcuno di questi elementi possa contribuire ad un aumento dei prezzi. Sebbene la produzione in calo e il modello stock-to-flow possano prevedere un aumento dei prezzi, e sebbene i precedenti dimezzamenti della ricompensa dei minatori siano stati precedute e seguiti da aumenti dei prezzi, CryptoCompare ritiene che questa volta "potremmo assistere a un aumento dei prezzi nell'anno successivo all'halving", e ci sono diversi ragioni per cui potrebbe essere così.

1. Il mercato è diverso

Il mercato 2020 è molto diverso da quello del 2016, sostengono gli analisti. Il volume totale giornaliero degli scambi BTC sugli scambi spot è dieci volte quello di quattro anni fa, raggiungendo 21,6 miliardi di dollari il 1° marzo (e quasi 55 miliardi di dollari nelle ultime 24 ore). Inoltre, il 2020 ha visto partecipanti al mercato più diversificati e più grandi, nonché mercati degli scambi e dei derivati più consolidati e sviluppati.

2. I minatori non sono più così potenti

I minatori non hanno lo stesso impatto del 2016. All'epoca, i minatori che vendevano i loro BTC influivano maggiormente sulla sua pressione di vendita. Tuttavia, come detto, ci sono più partecipanti sul mercato, così come volumi spot e derivati più alti, quindi "il calo della pressione di vendita da parte dei minatori che vendono metà del numero di bitcoin avrà un impatto minore sulla pressione totale di vendita".

4 motivi per cui Bitcoin potrebbe non fare un rally subito dopo l'halving 102
Fonte: CryptoCompare

3. Scommesse ribassiste

Il mercato delle opzioni BTC può offrire uno sguardo su ciò che verrà, sostiene CryptoCompare e non prevede un aumento dei prezzi. In realtà, i venditori di opzioni credono che ci siano maggiori possibilità di un ribasso del prezzo di BTC, e gli acquirenti di opzioni credono che ci saranno più movimenti al ribasso a venire. Ciò vale anche "per i contratti in scadenza a giugno, settembre e persino dicembre".

4. Shock esterni

La crisi provocata dal coronavirus, così come BTC ora sembra seguire da vicino le azioni, non può essere ignorata. CryptoCompare scopre che "tali drammatici shock esterni al prezzo dei bitcoin così in prossimità dell'halving possano negare gran parte del presunto impatto di un evento di questo tipo". (Ulteriori informazioni: This Crisis Is Good For Bitcoin, But Beware of Recession - Luno CEO)
_

Nel frattempo, BTC oggi è balzato oltre il livello di 9,000 USD prima di correggere di nuovo in basso. In questo istante (12:30 PM UTC), BTC viene scambiato a 8.843 USD ed è aumentato del 9% in un giorno e del 24% in una settimana. Il prezzo è aumentato del 39% in un mese e del 64% in un anno.
____

Ulteriori informazioni:
Bitcoin Approaches Halving With Bitcoiners Still Divided Over Its Effects
How Healthy Will the Bitcoin Network Be Post-halving?

Più Articoli