Home NewsBitcoin News

Gli italiani credono nelle criptovalute più degli altri, gli inglesi i più scettici

Di Sead Fadilpašić
Gli italiani credono nelle criptovalute più degli altri, gli inglesi i più scettici 101
Fonte: Adobe/spyarm

La fiducia che le criptovalute continueranno ad esistere nel 2030 è in lieve aumento in Europa, con due terzi degli europei intervistati che ritengono che ciò sia il caso, così afferma un nuovo studio effettuato dall'exchange di criptovalute bitFlyer Europe . Gli italiani credono nelle criptovalute di più e gli inglesi meno.

L'exchange ha appena pubblicato i risultati dell'indice annuale Crypto-Confidence, edizione 2020, confrontandolo con i risultati del primo sondaggio condotto nel 2019. Secondo il rapporto, l'indice è stato creato da un sondaggio tra 10.000 consumatori intervistati in dieci paesi in Europa. Il suo scopo è quello di mostrare i livelli di fiducia nelle popolazioni europee riguardo l'esistenza di attività finanziarie digitali tra un decennio.

Tuttavia, dato che il sondaggio è stato condotto a marzo, quest'anno ha portato un altro fattore nel mix, che non avrebbe potuto essere previsto in precedenza: la pandemia coronavirus. Questa ha causato una grande instabilità nel valore delle risorse tradizionali e nuove.

Il sondaggio ha rivelato che i due terzi, ovvero il 66% delle 10.000 persone intervistate, ritengono che le criptovalute esisteranno ancora nel 2030. Si tratta di un aumento di 3 punti percentuali rispetto a marzo 2019. Inoltre, l'aumento è stato notato in tutti i paesi intervistati tranne due. Ciò dimostra "che la fiducia nelle criptovalute continua a crescere, nonostante l'effetto paralizzante del coronavirus sul panorama economico globale", secondo lo scambio.

Nel complesso, i risultati "indicano una progressione lenta ma costante delle criptovalute nella coscienza generale", secondo Andy Bryant, COO di bitFlyer Europe.

"Anche se potessimo considerare questo come un buon risultato per le valute digitali nonostante i tempi economici difficili che stiamo affrontando, vale anche la pena considerare che questo potrebbe essere in parte dovuto a questi tempi", ha aggiunto.

"Questo è un momento importante per l'industria delle criptovalute per dimostrare in che modo le criptovalute e i concetti associati alla finanza decentralizzata possono fornire alternative interessanti o addirittura sostituire i modelli economici storici, mentre combattiamo tempi finanziari senza precedenti a livello globale e cercano nuove soluzioni ", ha sottolineato.

Inoltre, 9% degli europei (paragonato all'8% nel 2019) credono che Bitcoin (BTC) sarà completamente integrato nella società come forma di valuta nel 2030. Lo stesso numero (rispetto al 7% nel 2019) ritiene che verrà utilizzato come titolo o investimento. Inoltre, il 25% degli intervistati - 2 punti percentuali in più rispetto al 2019 - ha risposto di essere fiducioso che le criptovalute esisteranno ancora tra un decennio, ma che non hanno idea di come verranno utilizzate.

Nel frattempo, l'Italia, un paese che ha affrontato enormi difficoltà e che ha registrato un picco di restrizioni legate alla pandemia a marzo, "è il più fiducioso", osserva il rapporto. Quasi tre quarti, ovvero il 72%, degli italiani intervistati crede "nella longevità" delle criptovalute. Non solo, ma il 12% degli italiani ha risposto che un giorno le criptovalute saranno utilizzate come valuta principale, rendendolo il paese con la maggior parte della popolazione a ritenere che ciò avvenga. Il numero segna anche un aumento di 2 punti percentuali rispetto allo scorso anno. "È interessante vedere che paesi come l'Italia che sono stati duramente colpiti dalla crisi COVID-19 stiano esprimendo più fiducia che mai nelle criptovalute", ha detto Bryant.

Dall'altra parte della classifica il rapporto ha trovato il Regno Unito. Tra i dieci paesi, è "il meno fiducioso". Delle persone intervistate in questo paese, oltre la metà crede che le criptovalute arriveranno tra dieci anni, ma il Regno Unito è uno dei due soli paesi in cui la fiducia nel futuro delle criptovalute è diminuita rispetto allo scorso anno. Detto questo, la differenza tra i due anni è solo di 1 punto percentuale. Il 56% che crede nella criptovaluta, sale allo 61% quando si guarda specificamente alla fascia di età 18-44 anni, ha osservato l'exchange. Tuttavia, solo il 5% degli intervistati nel Regno Unito pensa che le criptovalute diventeranno valute tradizionali tra dieci anni.

I Paesi Bassi e la Polonia seguono da vicino l'Italia, con il 70% della popolazione che risponde che c'è futuro per le attività finanziarie digitali. Gli intervistati polacchi sono alle spalle dell'Italia quando si tratta di criptovalute che diventano potenzialmente valute tradizionali, con il 10% che ritiene che sarà così. Nel frattempo, il paese numero uno dell'anno scorso, la Norvegia, è sceso al quarto posto, dal 73% al 67% degli intervistati, fiducioso nel futuro delle criptovalute.

La percentuale di consumatori che credono che le criptovalute esistano ancora tra 10 anni in base al sondaggio di marzo 2020 rispetto al sondaggio di marzo 2019:

Marzo 2019

Gli italiani credono nelle criptovalute più degli altri, gli inglesi i più scettici 102
Fonte: bitFlyer Europe

__
Marzo 2020

Gli italiani credono nelle criptovalute più degli altri, gli inglesi i più scettici 103
Fonte: bitFlyer Europe

__

Per saperne di più: Bitcoin Needs To Make an Effort to Not Waste This Crisis

Più Articoli