Home NewsBitcoin News

I bancomat Bitcoin sono più di 6 mila ... e il fisco prende nota

Di Tim Alper
I bancomat Bitcoin sono più di 6 mila ... e il fisco prende nota 101
Fonte: screenshot di un video.

Ci sono oramai più di 6,000 ATM (bancomat) di Bitcoin nel mondo – e man mano che diventano più diffusi, sembra che anche le autorità fiscali stiano iniziando a prestare maggiore attenzione a questi dispositivi.

Secondo i dati del sito di monitoraggio Coin ATM Radar, ci sono attualmente 6.003 sportelli automatici Bitcoin in funzione - con l'enorme fetta di 3.923 solo negli Stati Uniti, seguito da poco più di 700 in Canada.

Più di 100 nuovi dispositivi sono stati installati a livello globale a novembre 2019 e i dati del sito Web mostrano che la percentuale di nuove installazioni di bancomat Bitcoin ora è di 9,3 al giorno.

Tuttavia, il tasso di crescita è rallentato nel 2019, sia in termini assoluti sia in termini percentuali. In dodici mesi da novembre 2017, sono stati installati 2.115 nuovi bancomat Bitcoin, rispetto ai 1.982 dispositivi installati in dodici mesi prima di novembre 2019. Il tasso di crescita annuale è rallentato dal 117% al 51%.

I bancomat Bitcoin sono più di 6 mila ... e il fisco prende nota 102
Fonte: Coin ATM Radar

Tuttavia, Bloomberg Tax afferma che la massima autorità fiscale americana, l' Internal Revenue Service (IRS) sta lavorando con la polizia per bloccare "attività illecite" relative ai bancomat Bitcoin. il team è “molto concentrato” su questioni fiscali legate ai bancomat Bitcoin.

Fort ha dichiarato,

“Stiamo esaminando gli sportelli automatici Bitcoin e quelli che possono o meno essere collegati ai conti bancari. In altre parole, se puoi entrare, mettere soldi e estrarre Bitcoin, siamo potenzialmente interessati alla persona che utilizza il chiosco e quale sia l'origine dei fondi, ma anche agli operatori dei chioschi.”

Fort ha aggiunto: "Sono tenuti ad attenersi alle stesse normative antiriciclaggio 'know-your-customer' e riteniamo che alcuni abbiano livelli diversi di aderenza a tali normative".

Come precedentemente riportato, l'IRS ha annunciato che negli ultimi mesi sta dando un giro di vite alla politica fiscale relativa alle criptovalute, con alcune (spesso confuse) nuove linee guida già in atto . E ora l'agenzia sembra aver avvertito i cittadini americani che spostare le loro criptovalute negli exchange all'estero non aiuterà i potenziali evasori fiscali.

Fort ha dichiarato,

“Temiamo che mano a mano che le cose diventano più restrittive qui negli Stati Uniti, stiamo spingendo le persone verso gli exchange all'estero. Dobbiamo concentrarci anche su questo problema.”

Più Articoli