Home News

Le aziende russe spingono il governo a legiferare su cripto e blockchain

Di Tim Alper
Le aziende russe spingono il governo a legiferare su cripto e blockchain 101
Fonte: iStock/ANGHI

L'uomo incaricato di mettere insieme il quadro giuridico per l'industria delle criptovalute e della tecnologia blockchain in Russia ha insistito che la legislazione sarà in vigore prima della fine dell'anno e ha suggerito che le aziende russe sono disposte ad iniziare con le operazioni di blockchain e criptovaluta.

In una intervista con l'organo di stampa Finversia, Anatoly Aksakov, il capo della commissione per l'economia digitale della Duma russa, ha parlato in dettaglio dell'imminente legislazione sulle criptovalute della Russia.

Il paese sta ancora aspettando regolamenti crittografici che sono stati bloccati indefinitamente dal 2018 da un lungo stallo tra lobbisti pro-cripto, il Ministero delle finanze e la banca centrale criptoscettica.

Aksakov ha detto:

“Le grandi aziende russe sono pronte ad utilizzare la blockchain per le operazioni economiche, quindi è necessario creare un quadro giuridico.”

Ha aggiunto che "gli interessi delle imprese" avrebbero "un ruolo decisivo" nella stesura della legislazione.

Il capo del comitato ha dichiarato,

“Le aziende hanno affermato di aver bisogno di questa legge e che intendono utilizzarla attivamente. Questo mi dà fiducia che quest'anno lo adotteremo sicuramente.”

Nonostante si trovasse molto nel mezzo della lotta tra regolatori e interessi commerciali pro-cripto, Aksakov sembrava escludere qualsiasi timore persistente di una repressione della crittografia in stile cinese.

Ha inoltre dichiarato:

“L'hype [sulle criptovalute] è passato e tutti concordano sul fatto che la blockchain abbia un futuro. Le criptovalute e la blockchain sono interconnesse. Penso che [la Duma] adotterà sicuramente una legge relativa alle [criptovalute] nella prossima sessione di primavera.”

Ha aggiunto che tutte le parti stessero assumendo un "atteggiamento più rilassato" nei confronti delle criptovalute, anche se ha aggiunto che "non può commentare adesso come sarà questa legislazione".

E sembra che anche i cripto-scettici della banca centrale abbiano ammorbidito la loro posizione, con Aksakov che afferma:

“Ci sono molte persone qualificate che capiscono che i progressi non possono essere fermati; che abbiamo solo bisogno di regolamenti adeguati.”

Il presidente della commissione Duma ha aggiunto che la Russia avrebbe anche portato avanti i piani per creare un sandbox normativo per i progetti blockchain e criptovaluta.

Aksakov ha dichiarato: "Il sandbox creerà uno spazio per [le aziende] per testare nuove tecnologie finanziarie e digitali".
___
Per saperne di più: Crypto 2020: What Regulators Might Bring This Year and in the Decade

Più Articoli