Home NewsBitcoin News

I venezuelani usano Bitcoin come gateway per acquistare valuta straniera - Ricerca

Di Tim Alper
I venezuelani usano Bitcoin come gateway per acquistare valuta straniera - Ricerca 101
Fiat: Adobe/luzitanija

Bitcoin (BTC) continua a prosperare in Venezuela, ma solo perché sta aiutando i cittadini ad acquistare valuta fiat straniera difficila da acquistare, afferma un osservatore del settore.

Come riportato in precedenza, i volumi di trading sulla piattaforma peer-to-peer (P2P) LocalBitcoins sono aumentati di nuovo nelle ultime settimane.

In un report dalla Open Money Initiative , l'autore Matt Ahlborg ha scritto:

“Per molto tempo, la comunità bitcoin aveva ipotizzato che l'aumento del volume dei bitcoin dovesse significare che veniva usato come riserva di valore contro il bolivar svalutante. Ora possiamo affermare con certezza che questo non è il caso d'uso principale.”

Invece, i risultati dell'Open Money Initiative indicano che, anziché utilizzare il bitcoin "come riserva di valore", viene invece utilizzato "come mezzo per ottenere valute più stabili come il dollaro degli Stati Uniti, il peso colombiano, il cinese yuan e varie stablecoin".

E gli autori del rapporto affermano che un determinato gruppo demografico potrebbe essere responsabile della stragrande maggioranza degli scambi su LocalBitcoin e piattaforme simili, vale a dire i venezuelani cinesi.

Ci sono circa 450.000 persone di etnia cinese in Venezuela e Ahlborg ha scritto:

“Guardando attraverso gli annunci pubblicitari e i dati commerciali su LocalBitcoin, abbiamo scoperto che una parte considerevole di coloro che vendono bolivar per acquisire bitcoin su LocalBitcoin sono membri della comunità cinese-venezuelana. Sembra probabile che stiano incanalando i profitti delle loro attività di flusso di cassa pesante in Bolivar all'interno del Venezuela (ristoranti e grandi magazzini), convertendoli e inviandoli a conti yuan cinesi in Cina o conti in dollari USA a Panama o negli Stati Uniti per i risparmi e i pagamenti commerciali .”

In effetti, il rapporto continua osservando che "il denaro trasferito fuori dal Venezuela potrebbe essere trattenuto in una serie di applicazioni fintech" tra cui i favoriti cinesi come Alipay e WeChat Pay” – oltre che "exchange cripto come Bitfinex o Binance” erano altre destinazioni popolari.

Ahlborg ha aggiunto che i bitcoin convertiti in fiat venivano anche utilizzati online per pagare "servizi di streaming come Netflix , videogiochi su Steam o persino beni fisici su Amazon , che può essere inviato in Venezuela tramite servizi di corriere. "

Nel frattempo, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha emesso una accusa verso i leader venezuelani, incluso il presidente Nicolás Maduro, che hanno accusato di "narco-terrorismo" alimentato dalle criptovalute.

L'accusa nomina anche Joselit Ramirez, il capo di Sunacrip (agenzia di criptovaluta del Venezuela), come complice del "narco-terrorismo". L'agenzia americana afferma che Ramirez abbia aiutato Maduro e altri a evitare le sanzioni americane nel 2018.

Più Articoli