2021-03-24T08:28:00+00:00 · 3 min read

I giocatori del settore finanziario chiedono regolamenti KYC migliorati

I fornitori di servizi finanziari e bancari convenzionali hanno richiesto protocolli KYC (Know-your-costumer) migliorati nel tentativo di costruire un ambiente digitale più potente per il mondo della finanza e desiderano collaborare con partner innovativi su progetti sandbox.

Fonte: Adobe/SecondSide

Oggi, in una sessione dell’Innovation Summit 2021 della Banca per i Regolamenti Internazionali (BRI) tenutasi online e intitolata “L’attività bancaria in un nuovo ecosistema digitale: nuove opportunità, modelli di business e regolamentazione”, Noah Pepper, dell’azienda irlandese-americana di servizi finanziari e pagamenti ‘Stripe‘s Business Lead’ per la regione Asia-Pacifico, ha invitato le autorità di regolamentazione e i politici a “promuovere l’inclusione finanziaria con un KYC più trasparente, e più sicuro”.

Ha aggiunto che “una maggiore chiarezza” di reti e strutture legali e più sandbox normativi “guiderebbe l’innovazione e la velocità di sviluppo” per l’industria.

Tuttavia, Pepper ha aggiunto che nel caso di questioni come le normative relative ai dati, era lecito ritenere che le aziende più grandi avrebbero beneficiato di normative più rigorose, ma che alla fine avrebbero ostacolato i giocatori più piccoli.

I suoi pensieri sono stati ripresi da Kahina van Dyke, responsabile globale dei canali digitali e analisi dei dati dei clienti presso il gigante bancario Standard Chartered ed ex dirigente di Ripple.

Van Dyke ha fatto capire di essere d’accordo con la valutazione di Pepper sull’importanza dello sviluppo di KYC e ha aggiunto che per “innovare”, l’industria “ha bisogno di sistemi di co-creazione”, nonché di una “mentalità culturale” e di un “ecosistema collaborativo”.

Ha affermato che chiunque cerchi di esercitare il controllo sull’economia digitale avrebbe bisogno di “collaborare per controllare” e ha chiesto più “dati e sandbox normativi”, aggiungendo che “la sperimentazione sicura richiede la collaborazione come industria” – con più collaborazioni più “aggressive e mirate”.

Ma Henry Ma, un vicepresidente esecutivo e responsabile dell’informazione di WeBank, che si definisce la prima banca completamente digitale della Cina, posseduta al 30% dall’operatore di WeChat Tencent, ha invece affermato che poiché “la digitalizzazione è inevitabile” nel settore finanziario , i politici devono ritirare i loro libretti degli assegni.

Ma ha invitato le autorità di regolamentazione e i governi a “investire di più” nel tentativo di creare “più infrastrutture” per “ecosistemi di dati affidabili”. Ha aggiunto che “una maggiore coerenza sulle normative” aiuterebbe anche il settore.

Ma ha aggiunto che WeBank sta attualmente investendo nella tecnologia blockchain come parte della sua strategia per risolvere i problemi di condivisione dei dati che vedranno gli exchange “diventare sempre meno possibili” come regolatori – in particolare nell’Asia orientale cercano di spremere le aziende tecnologiche su questioni relative all’archiviazione dei dati .

Negli ultimi mesi, le questioni relative ai dati hanno già visto il governo cinese ai ferri corti con un certo numero di giganti tecnologici del Regno Unito. Si ritiene che Tencent, che gestisce WeChat Pay, sia una delle aziende in prima linea sulle sue politiche dei dati.

Ma ha affermato che “supponendo che i dati vengano silenziati a causa delle normative”, WeBank “crede nella creazione di una rete di partner” che consentirà alle parti interessate di creare sottomodelli e lavorare insieme per “costruire modelli” per iniziative come il “rilevamento delle frodi”; il tutto “senza esporre la natura dei dati”.

Pepper, nel frattempo, ha affermato che “le normative sui dati creeranno tensione laddove vi è il desiderio di mantenerli al sicuro e il desiderio di creare un accesso ai dati”, con motivazioni contrastanti che spingono i giocatori “in direzioni diverse”.

Douglas Arner, professore di giurisprudenza presso l’Università di Hong Kong e moderatore della sessione, ha aggiunto che “la finanza digitale” non può essere la stessa per tutti e in ogni luogo “, sottolineando che poiché “tutti i sistemi locali contano” potrebbe essere “difficile costruire piattaforme unificanti “.

E Van Dyke di Standard Chartered ha affermato che quando si tratta di questioni come queste “la taglia unica non sta a tutti”, sostenendo che gli operatori finanziari “devono comprendere le restrizioni locali”.

Ha concluso che la banca era “dal lato più conservatore quando si tratta di” questioni relative ai dati, ma ha affermato che la sua azienda stava “investendo nell’apprendimento automatico” e in altri progressi tecnologici dell’industria 4.0 poiché la banca “automatizza più processi” – con una serie di “investimenti anticipatori” già in atto.
____
Per saperne di più: 
Updated FATF Crypto Guidelines Still ‘Predicated on Centralized Control’
DeFi Sector May Face Threat from New EU Crypto Regulations – Survey
If a CBDC Is an ‘Instrument of Control,’ It’ll Fail – Expert
Bitcoin and Litecoin Move Closer to Their Privacy Improvements
BIS and SWIFT Intensify Race With Crypto For Cross-Border Payments


Articoli consigliati