Home In EsclusivaSondaggio

Ehi, funzionari di governo! Pensate ancora di poter vietare il Bitcoin?

Di Juan M. Villaverde
Ehi, funzionari di governo! Pensate ancora di poter vietare il Bitcoin? 101
Source: iStock/jallfree
Ehi, funzionari di governo! Pensate ancora di poter vietare il Bitcoin? 102

Juan Villaverde è un econometrico e matematico dedito all'analisi delle criptovalute dal 2012. Guida la Weiss Ratings team di analisti e programmatori di computer che hanno creato i Weiss cryptocurrency rating
_____________

Caro funzionario del governo,

Se sei un membro del Congresso, del Parlamento o persino del club erudito chiamato "capi di stato del G5" ...

E se sei tra quelli che pensano ancora di poter chiudere Bitcoin, Ethereum o altre criptovalute decentralizzate ...

Allora abbiamo un semplice messaggio per te: Non puoi farlo.

Non puoi chiamare in giudizio i principali e portarli in tribunale. Né puoi razziare i loro uffici, confiscare i loro beni e gettarli in prigione.

Perché non esistono presidi, uffici o beni di questo tipo.

Una criptovaluta decentralizzata è disponibile per tutti, ma controllata da nessuno. È ovunque sul pianeta, ma da nessuna parte è possibile raggiungerla o afferrarla.

Per far crollare la criptovaluta, dovresti staccare la spina da internet.

O forse potresti farlo sabotando la rete elettrica e provocando un blackout globale.

Dico "forse" perché non appena avrai riacceso le luci, la cripto sarebbe ancora lì.

Il petto batte forte e la 'notte cripto'

Se hai cercato un po in giro, probabilmente già sai tutto questo. Sai che le cripto decentralizzate sono indistruttibili.

Quindi ricorri ad un'altra tattica.

Ti vesti da Superman. Riunisci una folla. Trasudi di immaginari poteri per uccidere le cripto. Dichiari "la Notte Cripto", la fine della crittografia. E spaventi gli investotori anche della la luce del giorno.

Bitcoin scende e tu ridacchi. Ma non è divertente. In effetti, gli investitori spaventati ci hanno ripetutamente chiesto riguardo a questo preciso problema.

Come ha scritto un lettore la scorsa settimana:

"Di recente, il presidente Trump e il Segretario di Stato americano hanno fatto alcuni commenti ostili su Bitcoin. Poco dopo, il mercato delle criptovalute è sceso a picco. Il fatto è che il governo degli Stati Uniti può fermare la criptovaluta (in particolare criptovalute monetarie come Bitcoin) in un nanosecondo.”

Non è vero. Le criptovalute come Bitcoin ed Ethereum sono uniche. Sono fondamentalmente diverse dai tradizionali soldi fiat come dollari ed euro o asset digitali presto in arrivo come Libra. Nessuno può spegnerle.

Non dimenticare mai: Bitcoin non è stato creato nel vuoto

Questa non è una nuova polemica.

Il bitcoin si è evoluto da una serie di precursori emersi negli anni '80 e negli anni '90.

Fin dall'inizio, l'obiettivo era quello di creare una rete di partecipanti in grado di scambiare informazioni su Internet con un tipo unico di trasparenza:

  • Ogni transazione tra loro verrebbe registrata.
  • Ogni account e ogni saldo in esso contenuti sarebbero visibili a tutti i partecipanti.
  • E la loro rete sarebbe resistente agli attacchi di qualsiasi estraneo.

All'inizio sembrava un sogno irrealizzabile. Come può una tecnologia aprire l'accesso a quasi tutti e, allo stesso tempo, mantenere la protezione da tutti gli altri?

Come ha potuto spalancare le porte agli addetti ai lavori, considerati "i bravi ragazzi", mentre le chiudeva agli estranei, considerati "i cattivi"?

I sostenitori si sono fatti camminare la testa. Si sono affrettati a trovare una soluzione. Ma non sono riusciti a trovare un modo per bloccare gli "attori malvagi" - figuriamoci un governo "ostile".

I primi prototipi di Bitcoin, come Bit Gold e B-Money, sono stati proposti. Ma non sono mai stati lanciati proprio a causa di questo vicolo cieco: gli sviluppatori non sono riusciti a trovare un modo per renderli sia trasparenti per il pubblico sia invulnerabili agli attacchi del governo.

Abbiamo visto una sfida simile all'epoca con protocolli che consentivano agli utenti di condividere musica, film e altri file su Internet.

Finché si trattava di una condivisione centralizzata dei file, basandosi su una singola entità per eseguire il sistema, è possibile metterli fuori servizio per violazione delle leggi sul copyright.

Poi è arrivato BitTorrent. La sua rete è stata istituita in modo tale che non vi fosse un singolo punto di errore. Gli utenti scaricano frammenti di ciascun file da un gran numero di utenti e ricostruiscono i file sul proprio computer.

Pertanto, protocolli decentrailzzati di condivisione dei file e criptovalute sono emersi lungo percorsi paralleli.

Entrambi i sistemi si sono evoluti negli ultimi 20 o 30 anni con lo scopo esplicito di creare una rete di transazioni peer-to-peer gratuita, aperta e resistente a qualsiasi forma di attacco da parte di un intruso esterno.

Ora torniamo al presente e affrontiamo i fatti:

Persino il governo più potente del pianeta non può frenare le risorse cripto in modo più efficace di quanto possa fare per la condivisione di file online come BitTorrent.

Il pullback dei prezzi dei bitcoin è sorprendentemente superficiale

Può essere vero che la paura dell'ostilità del governo degli Stati Uniti abbia avuto un ruolo nell'innescare il calo dei prezzi dei Bitcoin iniziato alla fine di giugno. Può anche essere vero che una maggiore ostilità possa essere associata ad una ulteriore correzione.

Ma ciò non significa che il governo sia la vera causa. Né significa che durerà molto a lungo.

A dire il vero, la recente correzione del Bitcoin è sorprendentemente insensibile secondo i nostri modelli. Lo sappiamo misurando fino a che punto è salito e confrontando il recente declino con le correzioni precedenti della storia di Bitcoin.

In effetti, la correzione del mercato cripto era già ben avviata prima che Mr. Trump o Mr. Mnuchin facessero i loro commenti leggermente anti-Bitcoin. In effetti, non vi è alcuna correlazione tra la tempistica dei loro commenti e la direzione generale dei prezzi.

E non dimentichiamo mai un'altra cosa ...

Ci siamo già passati

Sappiamo che le autorità cinesi, e la Cina in generale, hanno molta più influenza sul mercato delle criptovalute rispetto a Washington e agli Stati Uniti.

Sappiamo che, all'inizio di settembre 2017, le autorità cinesi si sono mosse per vietare il trading di criptovalute, cosa che ha innescato una correzione del Bitcoin di circa il 40%.

Ma sappiamo anche cosa è successo dopo: una volta raggiunto il minimo a metà settembre, Bitcoin ha invertito la rotta, si è lanciato e ha raggiunto il suo massimo storico di quasi $ 20.000.

Oggi, alcuni sostengono ancora che i prezzi elevati dei Bitcoin siano semplicemente il risultato di speculazioni errate.

Ma tale argomento ignora i fatti.

  • L'hashate di Bitcoin, una misura della sicurezza generale della blockchain, è ai massimi di tutti i tempi.
  • Le transazioni on-chain di Bitcoin, una misura concreta di utilizzo, sono anche esse ai massimi storici.
  • La tecnologia di Bitcoin è stata aggiornata ed è ora significativamente più efficiente rispetto alla fine del 2017.

E tutto ciò si aggiunge ad una rete che è oggi più solida che mai nella sua storia.

Le prove ci dicono che i governi non sono solo incapaci di distruggere le risorse crittografiche decentralizzate, ma sono anche incapaci di fermare la loro crescita.

Al contrario, non ci sono prove che Washington abbia intenzione di provarci. Dopotutto, perché provare a vietare qualcosa senza alcun modo fattibile per riuscirci?

Come ha affermato Andreas Antonopoulos, difensore di Bitcoin, molte volte prima ...

“Non puoi vietare il Bitcoin nel tuo paese. Puoi solamente bandire il tuo paese dal Bitcoin.”

____

Leggi di più:
Confermato: l'India prenderà in considerazione il carcere per chi detiene cripto
What Could Kill Bitcoin and How Possible it is

Più Articoli