05 maggio 2021 · 10 min read

L'Economia Ethereum è un castello di carte

In base alla crescita delle varie metriche riguardanti l'adozione, come indirizzi attivi e valore giornaliero trasferito, la rete Ethereum (ETH) sta andando alla grande nell'ultimo anno circa. Varie applicazioni nell'area della finanza decentralizzata (DeFi) sono state i principali motori di questa crescita, poiché coloro che sono nuovi nello spazio delle criptovalute sono stati disorientati dai rendimenti possibili con l'emergere di queste nuove piattaforme.

Fonte: Adobe/Syda Productions

Ma una critica persistente intorno a tutto il recente successo di Ethereum è che tutto questo potrebbe essere nient'altro che un castello di carte. Prima di tutto, ci sono una miriade di preoccupazioni intorno a Ethereum al livello base in termini di questioni relative alla centralizzazione. Esempi di questa critica specifica includono: gran parte dell'attività su Ethereum viene effettivamente instradata attraverso un'entità centralizzata nota come Infura, sta diventando sempre più difficile eseguire un nodo completo di Ethereum man mano che l'attività aumenta sulla rete e c'è un imminente passaggio a un meccanismo di consenso completamente diverso sotto forma di proof-of-stake (PoS).

Inoltre, ci sono anche rischi a livello di applicazione in termini di dipendenza da stablecoin centralizzate, uso di backdoor per sviluppatori in progetti che dovrebbero essere decentralizzati e trustless, i Ponzinomics attorno a molti dei token ERC-20 emessi sulla piattaforma, contratti intelligenti con bug, criptoeconomia discutibile, token di governance DeFi centralizzati nelle mani di poche entità e il problema dell'oracolo, solo per citarne alcuni.

Per riassumere, la critica qui è che la comunità di Ethereum sta effettivamente prendendo scorciatoie per l'adozione che alla fine torneranno a perseguitarli quando uno o più di questi pezzi di Jenga verranno rimossi e l'economia di Ethereum crollerà.

Diamo uno sguardo più da vicino ad alcuni degli aspetti più insostenibili dell'economia di Ethereum e vediamo se ci sono elementi costitutivi fondamentali che potrebbero fornire utilità agli utenti a lungo termine dopo che tutta la schiuma è stata rimossa.

Stablecoin centralizzati, giochi ponzi e "DeFi"

Secondo ETHGasStation, due dei quattro principali utilizzi delle risorse di calcolo sulla rete Ethereum negli ultimi 30 giorni (almeno al momento della stesura di questo documento) sono stati per il trasferimento delle stablecoin USDT e USDC , che sono ancorate al valore del Dollaro Americano. La crescita del volume di trasferimento di questi tipi di stablecoin centralizzati su Ethereum è spesso citata come un'illustrazione della proposta di valore sottostante della rete e molti credono che l'uso di queste stablecoin sulla rete Ethereum dovrebbe portare ad un prezzo ETH più elevato. In effetti, bruciare ETH per pagare le transazioni di stablecoin è un principio chiave del meme "denaro ad ultrasuoni" che è apparso recentemente nei circoli di Ethereum.

Tuttavia, ci sono almeno due rischi chiave correlati associati all'uso massiccio di stablecoin su Ethereum. Una cosa ovvia è che le autorità di regolamentazione del governo o i legislatori possono decidere di non volere che le persone effettuino transazioni pseudonime con dollari Americani su Internet.

Ciò porterebbe a una crisi di identità per Ethereum nel suo insieme, poiché gran parte dei presunti vantaggi della piattaforma sono costruiti attorno all'uso di una varietà di risorse e valute diverse piuttosto che solo lo stesso ETH.

Per ora, i regolatori potrebbero non essere troppo preoccupati per l'uso di stablecoin su Ethereum a causa dei gravi problemi di privacy riscontrati con la rete e altre reti compatibili con Ethereum Virtual Machine (EVM).

Aziende come Chainalysis possono probabilmente aiutare le forze dell'ordine a identificare gli utenti del mondo reale dietro un account Ethereum pseudonimo con un saldo di stablecoin, quindi non è che queste stablecoin rendano facile farla franca facendo cose illegali con dollari Americani su Internet.

Ci sono anche rischi da esplorare in una situazione in cui le autorità di regolamentazione non reprimono l'uso di stablecoin su blockchain pubbliche. Dopotutto, se queste monete centralizzate hanno l'approvazione dei regolatori, qual è l'utilità di emetterle su blockchain pubbliche? La necessità di una blockchain pubblica diventa un po' oscura quando non stai cercando un arbitraggio normativo, quindi i concorrenti più efficienti di Ethereum potrebbero essere in grado di offrire un servizio più economico aggiungendo ancora più centralizzazione al back-end.

Questo ha già iniziato a verificarsi un po' nel mondo reale, poiché il volume delle transazioni USDT su Tron (TRX) ha superato il volume della stablecoin su Ethereum all'inizio di aprile (sebbene Ethereum da allora abbia riguadagnato un vantaggio su Tron a questo proposito). Inoltre, gran parte dell'attività Ponzi su Ethereum ha iniziato a migrare su Binance Smart Chain, dove ora ci sono più indirizzi e transazioni attivi al giorno rispetto a quelli che si trovano su Ethereum. C'è anche il sidechain RSK  per Bitcoin (BTC), che potrebbe essere preferito da coloro che sono interessati a utilizzare bitcoin come garanzia e unità di conto quando operano nel mondo DeFi, poiché un token separato non è necessario per i pagamenti del gas.

Come accennato in precedenza, USDT e USDC sono due dei maggiori consumatori di gas sulla rete Ethereum. Ma è anche importante notare quanto siano importanti per l'economia di Ethereum nel suo complesso. Se guardi una delle popolari applicazioni DeFi su Ethereum, queste stablecoin centralizzate rappresentano una grande percentuale dell'attività in quelle app.

Questo non è affatto un dato nascosto ed è visualizzabile nelle pagine delle statistiche per le app DeFi più popolari tra cui Uniswap, Sushiswap, Compound e altre. Ovviamente, un'altra grande fetta del volume sugli scambi DeFi è costituita da giochi Ponzi veri e propri, esempi recenti sono ELON e SHIB, che non possono essere elencati su exchange più centralizzati e conformi alle normative.

Per essere chiari, questa forte dipendenza dalle stablecoin centralizzate e dai giochi Ponzi per l'adozione si trova in tutte le principali app DeFi su Ethereum. In effetti, Curve Finance è effettivamente costruita interamente attorno a questo concetto.

Al di fuori delle stablecoin centralizzate e dei giochi Ponzi espliciti, ci sono alcuni token ERC-20 che agiscono più come azioni tradizionali pagando dividendi ai possessori in base alle entrate generate da una specifica applicazione DeFi. Ma ovviamente, questi token fanno affidamento su stablecoin centralizzate e giochi Ponzi per generare gran parte delle loro entrate. E quale sarebbe il valore di Uniswap, ad esempio, se non ci fossero utility token da scambiare contro ETH?

Un rischio aggiuntivo con queste "azioni DeFi" è che un nuovo sviluppatore potrebbe entrare e sborsare la necessità di pagare commissioni aggiuntive al progetto DeFi invece delle sole commissioni di base necessarie per inviare transazioni sulla rete Ethereum di base (come è successo con il protocollo 0x). In alternativa, uno sviluppatore potrebbe copiare la base di codice di un progetto DeFi e modificarla per creare un progetto concorrente migliorato senza troppi sforzi (come è successo quando Sushiswap ha biforcato da Uniswap).

E perché le persone usano queste app DeFi in primo luogo? È dovuto all'attrattiva degli alti rendimenti che possono essere generati sui loro stablecoin, ETH e altri token ERC-20.

Da dove vengono questi rendimenti? È quasi sempre una delle tre seguenti fonti:

  • un prestito in eccesso di garanzia,
  • i suddetti dividendi per i detentori di azioni DeFi,
  • o stampare nuovi token da regalare come incentivi per gli utenti a utilizzare una particolare app DeFi.

La terza di queste tre potenziali fonti di rendimento DeFi è forse la meno sostenibile, poiché gonfiare l'offerta di token di un progetto DeFi per acquisire nuovi utenti può funzionare solo a breve termine.

In effetti, questo è esattamente il problema (perdita di risparmi a causa dell'inflazione) che bitcoin intende risolvere in primo luogo! In molti casi, questi token appena creati vengono poi messi in staking da soli nel tentativo di generare ancora più rendimento.

C'è qualche utilità fondamentale qui?

Una notevole eccezione al punto riguardante il pesante utilizzo di stablecoin centralizzati nelle app DeFi è MakerDAO, che è anche la più grande app DeFi in termini di valore totale bloccato (TVL). Detto questo, ci sono anche una serie di problemi con questa piattaforma. Per prima cosa, i requisiti di ipercollateralizzazione per la creazione di DAI significano che il sistema non è scalabile. Questo è il motivo per cui vari token ERC-20, comprese le stablecoin centralizzate, sono stati aggiunti come opzioni collaterali alternative a ETH.

Ci sono anche problemi di centralizzazione attorno alla federazione degli oracoli che alimentano i feed di prezzo utilizzati nel sistema MakerDAO e preoccupazioni per quanto riguarda la concentrazione dei token di governance del progetto MKR in poche mani. Il modello di sicurezza federato viene spesso sollevato come una critica alle sidechain di Bitcoin come RSK e Liquid, ma per qualche motivo è raramente menzionato come un potenziale rischio nei circoli di Ethereum in relazione alle loro app DeFi.

Il problema dell'oracolo è un problema che potrebbe essere irrisolvibile in termini di ottenere lo stesso tipo di assicurazioni che si ottengono quando si tiene bitcoin sulla blockchain di base Bitcoin, quindi non è chiaro se una stablecoin veramente decentralizzata per i consumatori sarà mai una possibilità (o anche solo desiderabile).

Inoltre, esiste già una stablecoin garantita da bitcoin sulla sidechain RSK sotto forma di Dollar on Chain (DOC) come parte della più ampia piattaforma Money on Chain. A causa dei rischi di controparte che sembrano essere inerenti ai sistemi stablecoin, non è chiaro se ci sia molto da guadagnare dall'avere un decentramento più forte al livello base rispetto a quello disponibile con RSK, soprattutto considerando i compromessi in termini di efficienza e la mancanza di necessità di un nuovo token per i pagamenti del gas.

Molte delle app Ethereum DeFi più interessanti implicano la creazione di questo tipo di asset derivati ​​basati su garanzie detenute in ETH, alcuni token ERC-20 o una combinazione dei due. Synthetix (SNX) è un altro esempio di ciò, sebbene non sia attualmente tra i primi dieci in base all'utilizzo del gas o TVL. L'idea di base è creare versioni sintetiche di asset del mondo reale come l'oro o le azioni Apple attraverso derivati ​​supportati dal token SNX sottostante del protocollo. Tuttavia, questa piattaforma ha un problema ancora più grande con l'eccesso di garanzia, che richiede 7,5 volte il collaterale per sostenere le sue risorse sintetiche.

Ovviamente, questo è un caso d'uso che coinvolge anche il problema dell'oracolo. Inoltre, l'uso di SNX invece di ETH come garanzia per queste risorse indica incentivi disallineati per gli sviluppatori che stanno costruendo su Ethereum. L'incentivo è pompare il valore della propria moneta piuttosto che di ETH. Un fenomeno simile può essere osservato con il token Chainlink’s LINK.

Quindi, le app di Ethereum più utili sembrano essere quelle che prevedono l'assunzione di prestiti a fronte di alcune garanzie, che potrebbero non essere nemmeno denominate in ETH.

Questo tipo di funzionalità è già disponibile anche sulle sidechains di Bitcoin Liquid (tramite Hodl Hodl Lend) e RSK (tramite Sovryn e Money on Chain). Ci sono exchange completamente centralizzati che offrono anche questo servizio finanziario. Va anche notato che c'è già molta più liquidità in BTC rispetto a ETH, e se togli tutta la peluria delle stablecoin centralizzate e dei giochi Ponzi, questo vantaggio di liquidità per BTC dovrebbe espandersi notevolmente, il che significa che è il caso di utilizzare ETH come garanzia su BTC in questi tipi di sistemi DeFi si indebolisce.

Alla fine della giornata, tutta questa incertezza sulla possibilità che le stablecoin diventino fuorilegge, iniziative yield-farming insostenibili alimentate dalla stampa di token, rischiosità degli smart contract, rischio dell'Oracolo, utilità delle app DeFi, maggiore concorrenza da EVM-compatibile catene come Binance Smart Chain e RSK, e molti altri aspetti dell'economia di Ethereum, ricadono sul sottostante asset ETH, che ha l'impatto composito di rendere ETH meno utile come denaro e, quindi, meno utile come garanzia.

Il passaggio dall'identificare ETH come gas al chiamarlo denaro è probabilmente la mossa corretta per i sostenitori di ETH; tuttavia, questo cambiamento potrebbe arrivare troppo tardi, poiché Bitcoin ora ha anche una varietà di strade grazie a Lightning Network, Liquid e RSK per fare cose DeFi senza la necessità di introdurre un nuovo token.
_____
Per saperne di più:
- DeFi On Bitcoin To Grow In The Shadow Of Ethereum
- Ethereum Shortly Flips Bitcoin on Google Amid USD 5,000 Per ETH Forecasts
- Decentralized Exchange on Ethereum Is Not Sustainable - FTX CEO

- Bitcoin’s Correlation with Altcoins is Declining Again. What Does it Mean?
- Ethereum Exchange Inflows More Concentrated, Fewer Insiders Dominate

- Ethereum Won't Hide From Quantum Computers Behind PoS Shield
- Bitcoin Is Better Than Ethereum At These Four Things