13 giugno 2021 · 4 min read

L'ipocrisia del G7: critica il mining di bitcoin ma protegge l'industria dei combustibili fossili

George Ferns, Docente in Management, Employment and Organization, Cardiff University, Marcus Gomes, Docente in Organization Studies and Sustainability, Cardiff University.
_____

G7

I leader del G7 si sono riuniti per una foto di famiglia a Carbis Bay Beach, in vista della prima riunione del vertice del G7. Fonte: G7

La crisi climatica sarà sicuramente un tema caldo al vertice del G7 in Cornovaglia. Mentre i leader dei paesi più ricchi del mondo concordano in teoria sulla necessità di raggiungere entro il 2050 le emissioni nette pari a zero e rimangono fedeli all'industria dei combustibili fossili, riluttante a cambiare sostanzialmente il proprio modello di business.

Un recente rapporto dell'Agenzia internazionale per l'energia, un organo consultivo tipicamente conservatore, ha sostenuto un divieto immediato di nuovi progetti di combustibili fossili. Ma gli investimenti delle compagnie petrolifere, del gas e del carbone continuano nella ricerca di nuove fonti, così come opera la lobby dell'industria al fine di minare la regolamentazione.

I ministri dell'ambiente dei paesi del G7 si sono impegnati a porre fine ai finanziamenti per nuovi progetti di carbone all'estero, entro la fine del 2021. Ma il 51% dei loro fondi per la ripresa economica COVID-19 - per un totale di 189 miliardi di dollari - pagati tra gennaio 2020 e marzo 2021, sono stati stanziati come aiuti finanziari all'industria dei combustibili fossili. Peggio ancora, 8 USD su 10 USD, dedicati all'energia non rinnovabile, sono stati concessi senza condizioni a queste società per ridurre le proprie emissioni.

Perché sembra così difficile per i leader del G7 abbinare le loro parole ai fatti, quando si tratta dell'industria dei combustibili fossili?

Scommettere sul business a lungo termine

Nonostante le battute d'arresto nei mercati volatili e i rischi di eccesso di offerta, c'è ancora molto da guadagnare dall'estrazione, produzione e vendita di idrocarburi. La domanda di carbone si è stabilizzata, ma si prevede che la domanda di petrolio e gas aumenterà almeno per i prossimi 15-20 anni, in particolare nelle economie emergenti, come Cina e India.

Ciò mette i leader del G7 in una posizione imbarazzante. Da un lato, i governi devono riavviare la crescita economica dopo il rallentamento della pandemia: un settore energetico redditizio alimentato dalla crescente domanda all'estero è visto positivamente, anche se l'estrazione di idrocarburi può essere particolarmente inquinante nei paesi in via di sviluppo.

Il sostegno governativo all'industria, sotto forma di sussidi o agevolazioni fiscali, gonfia artificialmente la redditività dei combustibili fossili, rendendo a sua volta le rinnovabili un investimento meno attraente. In parole povere, è meno rischioso e più redditizio – almeno per ora – investire in petrolio e gas.

Per saperne di più: Shell ha ordinato di tagliare le sue emissioni: perché questa sentenza potrebbe influenzare quasi tutte le principali aziende del mondo

Carbon lock-in

L'industria dei combustibili fossili continua a ricevere sostegno pubblico, ma può fare affidamento sul fatto che è integrata in un sistema complesso di consumatori, fornitori e appaltatori, politici e media. Le relazioni causa-effetto, che definiscono un sistema così intricato, spesso producono risultati non voluti.

Questa interdipendenza viene definita carbon lock-in. Le economie si sono evolute in modo tale da perpetuare un panorama energetico dominato dai combustibili fossili e afflitto dall'incapacità di cambiare radicalmente.

Non solo il carbon Lock-in provoca inerzia, ma provoca un dramma relativo ad un problema di tipo comune. È improbabile che le grandi compagnie petrolifere come BP, Exxon Mobil e Shell apporteranno cambiamenti significativi finché il resto del sistema non agirà all'unisono. Le compagnie petrolifere nazionali e le società private di combustibili fossili più piccole costituiscono la maggior parte delle riserve conosciute di combustibili fossili. Ma spesso sfuggono ai riflettori e quindi possono operare con maggiore libertà. Per una grande compagnia petrolifera apportare modifiche ad alto rischio al proprio modello di business, mentre altri si godono un "giro gratis", sarebbe visto come una cattiva decisione commerciale.

Gas tanks and flare tower owned by Petrobas in Brazil.

Le entità di proprietà statale tendono a scivolare sotto il radar. Paralaxis/Shutterstock

Il lock-in, come suggerisce il nome, è molto difficile da rompere. Detto questo, i membri del G7 sono nodi potenti all'interno di questa complessa rete. Una leadership forte – come il disinvestimento dai combustibili fossili e il forte sostegno alle energie rinnovabili – causerebbe riverberi in tutto il sistema. Ma gli impegni forti, abbinati a politiche controintuitive, inviano solo il segnale che non stanno arrivando cambiamenti significativi.

Crisi d'identità

Le persone che lavorano nell'industria dei combustibili fossili rimangono spesso nel settore per tutta la loro carriera, iniziando come studenti di ingegneria o geoscienze in dipartimenti finanziati dall'industria, lavorando in tutto il mondo e poi avanzando verso posizioni dirigenziali.

L'identità del settore si basa su alcuni valori che sono esistiti sin dai primi giorni dell'esplorazione degli idrocarburi, tra cui, come ha rilevato uno studio, una profonda fiducia nel potenziale della scienza e della tecnologia, per favorire il controllo dell'umanità sulla natura e guidare il progresso e lo sviluppo economico.

Gli impegni ideologici dei leader nel settore dei combustibili fossili richiederanno una forte sfida da parte dei governi per essere superati. È chiaro dalle decisioni finanziarie in vista del vertice che i leader del G7 non sono ancora all'altezza di quel test. Ma l'incontro in Cornovaglia è la loro opportunità per segnalare che quella relazione intima sta finalmente giungendo al termine.

The Conversation

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   
______

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

 

Per saperne di più:
- Moving to Green Bitcoin May be Moving To a Two-Tier Bitcoin
- Green Investments Help Bitcoin Miners Amid Possible Regulatory Crackdown

- Proof-Of-Bitcoin Needed As Critics & Competitors Unite To Play Climate Card
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining

- Rainy Season Will Test Just How Watertight China’s Bitcoin Mining Ban Is
- 'Fiat-Like' Proof-of-Stake Chains Favor Centralization & Rich Players