27 gen 2022 · 4 min read

Perdite di BTC e ETH ridotte dopo la dichiarazione della Fed

 

Fed
Fonte: AdobeStock / SecondSide

 

Le principali criptovalute, tra cui bitcoin (BTC) ed ethereum (ETH), hanno ridotto alcune delle loro perdite a seguito della dichiarazione di ieri della Federal Reserve  (Fed) statunitense, con prezzi in aumento durante le ore di trading europee di giovedì. Nel frattempo, il dollaro USA ha esteso un rally rispetto a prima, rompendo i livelli di resistenza chiave in salita.

Il prezzo di BTC e ETH

Alle 14:48 UTC, BTC si attestava a 37.029 USD, in calo del 3,2% nelle ultime 24 ore e dell'11,3% nella settimana. Allo stesso tempo, ETH è stato scambiato a 2.504 USD, in calo del 5% per la giornata e del 19% negli ultimi 7 giorni.

Prezzo BTC negli ultimi 14 giorni:

BTC
Fonte: CoinGecko

Prezzo ETH negli ultimi 14 giorni:

ETH
Fonte: CoinGecko

L'indice del dollaro USA continua a crescere

Nel frattempo, l'indice del dollaro USA (DXY) ha continuato a crescere fortemente oggi, dopo aver visto ieri significativi guadagni. L'indice, che misura il dollaro USA rispetto a un paniere di valute di altre principali economie, ha superato i massimi recenti di novembre dello scorso anno, raggiungendo il livello più alto da luglio 2020.

Indice del dollaro USA (DXY):

dollaro
Fonte: TradingView

 

Le mosse odierne nel crypto market e del forex arrivano dopo che la dichiarazione del Federal Open Market Committee (FOMC) della Fed è stata rilasciata ieri, con la banca centrale statunitense che ha confermato di essere ancora impegnata nel suo piano di aumentare i tassi di interesse a partire da marzo, oltre a iniziare a lavorare per ridurre il suo massiccio bilancio e tenere sotto controllo l'inflazione attualmente elevata.

"Il bilancio è sostanzialmente più grande di quanto dovrebbe essere e c'è una notevole quantità di contrazione che deve essere fatta", ha affermato il presidente della Fed Jerome Powell durante una conferenza stampa dopo il rilascio della dichiarazione del FOMC.

La dichiarazione di ieri era sostanzialmente in linea con quelle precedenti della Fed, mentre le speculazioni sul fatto che la banca centrale possa aumentare i tassi dello 0,5% invece dello 0,25% a marzo sono rimaste. Le speculazioni provengono principalmente da analisti che sostengono che il controllo dell'inflazione sia ora più importante per la Fed che sostenere i mercati finanziari.

"È importante sottolineare che il presidente della Fed non ha né confermato né scontato la possibilità di aumentare i tassi di 50 punti base invece di 25, il che significa che potremmo vedere aumenti di 0,50 quest'anno", ha affermato Mikkel Morch, direttore esecutivo e gestione del rischio presso l'hedge fund di criptovalute ARK36 nei commenti condivisi con Cryptonews.com.

Morch ha aggiunto che crede che questo significhi che la Fed è disposta a lasciare che le azioni scendano mentre persegue il suo mandato di tenere sotto controllo l'inflazione. Inoltre Morch ha affermato che con le azioni in calo, è probabile che anche le criptovalute scendano.

BTC tende a diventare più correlato con le azioni 

Gli asset digitali, incluso BTC, "tendono a diventare più correlati alle azioni durante i periodi di stress, quando la maggior parte dei mercati di investimento perde il rischio", ha affermato Morch. Non sorprende quindi, ha aggiunto, che le criptovalute "si siano mosse quasi in tandem" con le azioni durante e dopo la conferenza stampa di ieri con il presidente della Fed Jerome Powell.

L'opinione che bitcoin sia correlato alle azioni è stata condivisa anche da Zach Pandl, co-responsabile della strategia di cambio presso il colosso statunitense dell'investment banking Goldman Sachs, che ha dichiarato oggi al Financial Times che bitcoin ha visto aumentare la sua correlazione con altri macro asset da quando il insorgenza della pandemia di COVID-19.

"Prima della pandemia, bitcoin e altri asset digitali mostravano basse correlazioni con le tradizionali variabili del mercato finanziario: in effetti, le criptovalute si comportavano come un ecosistema completamente diverso", ha affermato Pandl, aggiungendo che la correlazione con i macro asset è aumentata negli ultimi due anni.

Commentando ieri su Twitter, il famoso economista e trader di criptovalute Alex Krüger ha definito la dichiarazione del FOMC "accomodante rispetto alle aspettative", sebbene la conferenza stampa di Powell sia apparsa "molto aggressiva".

Inoltre ha aggiunto che i grafici non sembrano più rialzisti e con "un minimo e un massimo in posizione", ci si può aspettare che i prezzi rangebound vadano avanti.

Nel frattempo, Eric Ervin, CEO dell'asset manager incentrato sulle criptovalute Blockforce Capital, ha dichiarato oggi a Bloomberg che il sell-off delle coperture contro l'inflazione percepita come bitcoin è il risultato del mercato che ora si aspetta che la Fed domi la crescita dei prezzi negli Stati Uniti .

"Il mercato sta iniziando a scontare un certo raffreddamento di quelle aspettative di inflazione e Bitcoin sta iniziando a vendere di conseguenza", ha spiegato Ervin. Ha aggiunto che se l'inflazione "continua ad andare e andare e andare" senza che la Fed sia in grado di controllarla, "ci aspetta un mondo di dolore".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?
- Due scenari in gioco per il crypto market nel 2022
- IMF Warns of Dangers of Fed’s Rate Rise, Brazil Says Inflation ‘Won’t Be Temporary in West’
- Economisti dell'FMI: le crypto non sono più ai margini
- US Community on Alert over Draft Law that Could Give Treasury Sweeping Powers over Crypto