Home NewsBitcoin News

La più grande stazione nucleare d'Europa potrebbe fornire elettricità ai miners di Bitcoin

Di Tim Alper
La più grande stazione nucleare d'Europa potrebbe fornire elettricità ai miners di Bitcoin 101
Torri di raffreddamento alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. fonte: npp.zp.ua

Secondo il suo ministero dell'energia, il piano ucraino di compensare il caos finanziario creato dalla pandemia coronavirus potrebbe comportare il mining di criptovaluta a propulsione nucleare.

Ieri, il ministero dell'Energia e della protezione ambientale del paese ha annunciato che voleva che le quattro centrali nucleari del paese studiassero i modi per "integrare le iniziative per il mining cripto".

Il ministero ha affermato che stava lavorando all'iniziativa con Energoatom , l'agenzia statale che gestisce le quattro centrali nucleari della nazione. Le centrali nucleari hanno un totale di 15 reattori che forniscono 13,9 GWe di elettricità, il settimo tasso di generazione di energia nucleare più alto al mondo.

Il ministero ha affermato che "l'implementazione di progetti di mining di criptovaluta" potrebbe "costituire mercati aggiuntivi per l'elettricità atomica", che "aumenterebbe l'affidabilità e l'efficienza delle centrali nucleari ucraine" e che affronterebbe le eccedenze legate all'energia.

Tuttavia, in un post di Facebook pubblicato nelle prime ore del 6 maggio, il ministero ha continuato a chiarire che una centrale nucleare avvierà la "prima fase" pilota con un "centro dati" vicino alla sua centrale nucleare di Zaporizhzhia - la più grande centrale nucleare in Europa.

Il ministero afferma che il suo progetto pilota, condotto con Energoatom, potrebbe eventualmente "collegare i consumatori di [data center] con una capacità fino a 1000 MW", mentre il progetto iniziale di Zaporizhia vedrà 30 MW forniti per iniziative di mining.

Un portavoce del ministero ha detto a Cryptonews.com che questo è solo un suggerimento. Aggiorneremo l'articolo nel caso in cui il ministero fornisca ulteriori dettagli sul progetto.

Nel frattempo, nel post, il ministero ha affermato che l'iniziativa faceva parte di un allontanamento dai modelli economici "sovietici" e ha scritto:

“Un modo moderno per utilizzare l'elettricità in eccesso è indirizzarlo in criptovalute. Ciò non solo ti consente di mantenere un carico garantito per le centrali nucleari, ma offre anche alle aziende l'opportunità di raccogliere fondi aggiuntivi. "

Il ministero afferma che le misure di stimolo implicheranno inizialmente il sostegno del governo, ma che alla fine si mira a garantire che i "data center" dipendenti dall'energia nucleare diventino autosufficienti.

Più Articoli