Home NewsBitcoin News

Google si unisce alla corsa delle nuove banche, sottolineando l'importanza di Bitcoin

Di Sead Fadilpašić
  • "Ogni azienda tecnologica vuole essere una banca e, idealmente, una banca centrale".
  • "Bitcoin e oro non sono mai stati così importanti nella storia monetaria".
Google si unisce alla corsa delle nuove banche, sottolineando l'importanza di Bitcoin 101
Source: iStock/georgeclerk

Il mondo finanziario, di cui le criptovalute stanno cercando di cambiare le regole, sta diventando ancora più interessante e dinamico. Dopo che il gigante dei social media Facebook ha lanciato martedì il suo servizio di pagamento unificato, il mondo della finanza personale e delle banche accoglierà presumibilmente un altro gigante della tecnologia - Google. Mentre le preoccupazioni vengono sollevate ancora una volta sulla centralizzazione, la privacy dei dati e la sorveglianza, il mondo cripto ricorda che questo può essere risolto da criptovalute decentralizzate, come Bitcoin.

Il motore di ricerca più famoso al mondo prevede di collaborare con banche e cooperative di credito per il suo nuovo progetto, denominato "Cache", per offrire conti correnti ai clienti, scrive il Wall Street Journal. Si presume che il nuovo servizio decollerà l'anno prossimo. Comprenderà vantaggi come i programmi di fidelizzazione, ma è ancora in discussione la necessità o meno di addebitare commissioni.

Caesar Sengupta, direttore generale e vicepresidente dei pagamenti di Google, è citato dal comunicato stampa affermando che l'approccio della società "sarà di collaborare profondamente con le banche e il sistema finanziario", che "potrebbe essere il percorso leggermente più lungo , ma è il più sostenibile. "

Sta diventando sempre più evidente che le aziende tecnologiche stanno entrando nello spazio finanziario personale a un ritmo crescente. Alcuni lo fanno per usare blockchain e criptovalute, altri per fargli concorrenza, forse vogliono diventare le banche stesse. Tuttavia, un altro motivo potrebbe essere quello di ottenere informazioni dettagliate sui preziosi dati personali. Nel caso di Google, i conti saranno gestiti dalla banca di investimento internazionale con sede a New York e corporation di servizi finanziari Citigroup Inc e dalla Stanford Federal Credit Union. Le banche tradizionali saranno quelle responsabili degli aspetti finanziari e della conformità dei conti, non di Google. Tuttavia, gli scettici potrebbero ancora lamentarsi del fatto che la società avrà probabilmente la capacità di osservare i conti correnti dei clienti, e quindi le loro finanze e comportamenti complessivi.

“Se possiamo aiutare più persone a fare più cose in modo digitale online, è un bene per Internet e per noi", ha detto Sengupta, affermando che Google non ha intenzione di vendere i dati dei propri clienti.

Tuttavia, un recente articolo del Guardian non aiuta il caso di Google. L'organo di stampa riferisce che un informatore avrebbe fatto presente che Google ha una deposito segreto di dati sanitari, inclusi nomi e dettagli completi di milioni di utenti. Questa persona afferma che stanno lavorando al cosiddetto Project Nightingale - il trasferimento segreto dei dati medici personali di un massimo di 50 milioni di americani da uno dei maggiori fornitori di servizi sanitari statunitensi a Google, afferma l'articolo.

'Vogliono tutti essere come Tencent'

In entrambi i casi, le notizie dei giganti della tecnologia che si muovono nel settore finanziario non sfuggono all'occhio vigile del mondo cripto. Mentre commenta i mercati tradizionali e cripto, Mati Greenspan, Senior Market Analyst presso eToro, ha dichiarato nella sua newsletter quotidiana che "ora che Apple Pay sembra essere in acque bollenti a causa delle accuse sui suoi algoritmi, in perfetto tempismo due dei suoi rivali storici sono saltati nel settore dei pagamenti proprio oggi", questi sono Facebook e Google. I loro annunci, trova Greenspan, "significano che sono pronti a portare la guerra per i pagamenti al livello successivo".

Nel caso di Facebook, ciò che non è ancora chiaro è se Facebook Pay "sia un pilota di Libra o una sua completa sostituzione." Nel caso di Google, commenta Greenspan, "ovviamente hanno in programma di lasciare i dettagli tanto chiacchierati alla gente della finanza tradizionale".

"Google è molto interessata ai tuoi dati finaziari e per questo sono sicuro che saranno disposti a sbattere sul tavolo una GUI aggressiva e forse un pò di valore aggiunto per quanto riguarda commissioni e tariffe", ha detto l'analista.

Nel frattempo, la società europea di gestione patrimoniale digitale, CoinShares Group, ha pubblicato un report sulle tendenze cripto, che include alcune conclusioni relative alle notizie di Google e Facebook. Hanno scoperto che:

  • ogni azienda tecnologica vuole essere una banca e, possibilmente, una banca centrale;
  • le banche non saranno quelle a capo della commissione per i pagamenti digitali, in quanto non dispongono di copertura o infrastruttura globale per questo;
  • i soldi per la sorveglianza saranno presto una realtà, poiché il capitalismo di sorveglianza è già parte integrante della nostra vita finanziaria;
  • sarà inarrestabile quando i pagamenti tokenizzati saranno integrati nelle piattaforme popolari;
  • man mano che i soldi della sorveglianza crescono, aumentano anche gli strumenti di resistenza, poiché molte aziende stanno lavorando per costruire strumenti per proteggere la privacy personale e la libertà di espressione in tutte le forme che utilizzano la tecnologia, afferma il rapporto.

"Quando le grandi banche, la grande tecnologia e i grandi governi uniscono le forze per il controllo del denaro, solo a quel punto uno si rende conto del vero bisogno di denaro solido. Bitcoin e l'oro non sono mai stati così importanti nella storia monetaria", ha affermato Gabor Gurbacs, direttore della strategia patrimoniale digitale presso la società di gestione degli investimenti VanEck.

Nel frattempo, Ami Ben-David, co-fondatore di Ownera, blockchain di titoli digitali istituzionali, ha dichiarato che le banche al dettaglio avranno difficoltà a competere con le startup di Google e fintech sull'esperienza complessiva dell'utente web e mobile end-to-end: "Le banche devono trasformarsi in istituzioni digitali per sopravvivere".

Simile alla conclusione di CoinShares, Greenspan afferma anche che Facebook, Google, Apple, Amazon, "vogliono solo essere come Tencent che ha dominato i pagamenti cinesi per quasi un decennio", aggiungendo: "In effetti, il rapporto sugli utili di Tencent oggi sembra contenere altrettante preziose informazioni sul consumatore cinese rispetto a quelle sulla stessa società."

Inoltre, come riportato da Cryptonews.com, un nuovo rapporto della Bank for International Settlements ha mostrato ancora una volta che le criptovalute si stanno muovendo nella giusta direzione, poiché le persone sono sempre più alla ricerca di opzioni di pagamento più rapide e convenienti.

Facebook Pay

Martedì, Facebook ha dichiarato di stare per lanciare Facebook Pay - un servizio di pagamento unificato che consente agli utenti su tutte le sue piattaforme, tra cui Messenger, WhatsApp e Instagram, di effettuare pagamenti senza dover uscire dall'app. Tuttavia, Facebook sta ancora combattendo i regolatori sul proprio patrimonio digitale Libra, anche dopo aver dichiarato che la valuta non sarà lanciata in nessuna parte del mondo senza l'approvazione normativa degli Stati Uniti.

Anche Apple ha incontrato ostacoli. A differenza di Google, hanno messo avanti il loro nome brand quando hanno creato la loro carta, apparentemente ignorando il ruolo del loro partner Goldman Sachs. Sono stati anche accusati di discriminazione sessuale, accusa che la società ha negato. Tuttavia, Apple non è estranea al mondo delle criptovalute e blockchain poichè ha pianificato il proprio CryptoKit, un framework per funzioni crittografiche, a giugno - quando un altro colosso, Microsoft, stava sviluppando uno strumento di auditing dei contratti intelligenti - ma la società si oppose a Libra in ottobre,dicendo che un progetto cripto simile a Libra non rientrasse nei piani dell'azienda. "Penso davvero che una valuta debba rimanere nelle mani dei paesi", ha affermato il CEO di Apple Tim Cook. "Non mi sento a mio agio con l'idea di un gruppo privato che istituisce una valuta in competizione."

Nel frattempo, Google ha lanciato una gamma di nuovi strumenti di ricerca come parte del suo programma BigQuery Public Dataset nel febbraio di quest'anno, che consente a qualsiasi sviluppatore, imprenditore, giornalista e membro del pubblico generale di cercare e analizzare le blockchain delle principali criptovalute. Ma già a luglio 2018, Google ha aggiunto nuove criptovalute al suo convertitore di valute.

Più Articoli