Il CME sorpassa Binance nel mercato dei futures su Bitcoin

Gaia Rossi
| 3 min read

BinanceIl Chicago Mercantile Exchange (CME), mercato regolamentato di derivati, è riuscito a detronizzare Binance dalla sua posizione di principale exchange di futures su Bitcoin.

Si tratta della prima volta in due anni che il CME riconquista la vetta, indicando un segnale di interesse sempre più marcato da parte degli operatori istituzionali verso le crypto.

Secondo i dati di CoinGlass, il CME si trova ora al primo posto tra gli exchange di futures e perpetual futures, con un open interest (OI) che si attesta a circa 4,07 miliardi di dollari.

Questo rappresenta un aumento del 4% in un solo giorno, che cattura una quota notevole di mercato del 24,7%.

L’open interest rappresenta l’ammontare totale di contratti futures su un asset che sono attualmente aperti e non stati ancora liquidati.

Invece l’Open Interest di Binance è sceso a 3,8 miliardi di dollari, registrando un calo del 7,8% nello stesso periodo di tempo.

Mentre il CME offre il trading di contratti futures tradizionali con date di scadenza predeterminate, Binance e altri exchange offrono sia futures tradizionali sia contratti perpetui senza scadenza.

Come ha fatto il CME a detronizzare Binance?


Questo cambiamento nelle classifiche è stato innescato da un grande fuga di capitale dal mercato crypto, scaturita da una forte volatilità.

La volatilità ha provocato un calo di 2 miliardi di dollari nell’open interest di Bitcoin, che in precedenza era di 12 miliardi di dollari.

In particolare, la diminuzione ha colpito in modo più evidente i trader di Binance rispetto ai partecipanti al mercato del CME.

Nel frattempo Bitcoin ha registrato un’impennata fino a toccare un massimo di 18 mesi a quasi 38.000 dollari, seguito da un forte ribasso verso i 36.000 dollari, dopo che Blackrock ha registrato l’ETF Spot su ETH.

Questo era già successo quando BlackRock aveva depositato la sua domanda per l’ETF Spot su Bitcoin durante il mese di giugno.

Maggiore interesse istituzionale


La quota di mercato in ascesa di CME indica un crescente interesse da parte dei partecipanti al mercato istituzionale che cercano di negoziare la crypto di maggior valore.

Un report pubblicato da Bitwise Asset Management nel 2020 ha rivelato che il mercato dei futures su Bitcoin al Chicago Mercantile Exchange (CME) sta rimanendo in testa rispetto al mercato spot in modo significativo.

David Lawant, responsabile della ricerca presso la piattaforma di trading FalconX, ha osservato che il CME ha guadagnato costantemente quote di mercato per tutto l’anno.

Inoltre ha riferito che questi guadagni sono aumentati nelle ultime settimane a causa del crescente entusiasmo del mercato per la possibile approvazione dell’ETF Spot su Bitcoin.

Lawant ha anche sottolineato che il dominio del CME tra le grandi istituzioni finanziarie tradizionali sottolinea il notevole interesse per le crypto.

Appena 10 giorni fa il CME è balzato dalla quarta posizione diventando l’exchange più grande di futures su Bitcoin.

In quell’occasione, André Dragosch, responsabile della ricerca presso Deutsche Digital Assets, ha spiegato che il progresso del CME è dovuto alla chiusura delle posizioni al ribasso sugli exchange offshore, piuttosto che essere motivato dalle posizioni al rialzo sui futures.

Secondo Dragosch, anche se la quota del CME dell’Open Interest sui futures su BTC è aumentata rispetto ad altri exchange, l’ammontare dell’OI sui futures e sui perpetuals su BTC non ha registrato una crescita significativa.

Questo perché probabilmente la recente impennata dei prezzi è stata indotta da una compressione delle posizioni al ribasso e da una riduzione dell’open interest totale.

Progetti ispirati a Bitcoin


Nel frattempo nel mercato continuano a spuntare nuovi progetti ispirati a Bitcoin.

Uno di questi è Bitcoin Minetrix e presenta un modello innovativo denominato Stake- to- Mine, che combina i potenziali guadagni dello staking e del mining.

Bitcoin Minetrix

Una volta messo in staking il token nativo $BTCMTX, sarà possibile ricevere i crediti convertibili per acquistare la potenza di hashing da dedicare al mining di BTC.

In questo modo, il mining di Bitcoin (sempre più centralizzato) diventa accessibile a tutti e torna a essere redditizio anche per i piccoli investitori, che non dovranno investire grossi capitali in hardware per iniziare.

Inoltre, Bitcoin Minetrix contribuisce a rafforzare la sicurezza della rete e promuove la decentralizzazione.

Il progetto è basato sulla blockchain di Ethereum e questo assicura un alto livello di sicurezza, oltre al fatto che grazie agli smart contract i titolari di $BTCMTX potranno variare a piacimento il periodo desiderato per il mining.

 

Il progetto sta tenendo la sua prevendita e al momento il token $BTCMTX è venduto al prezzo di 0,0115 dollari, ma aumenterà notevolmente una volta listato negli exchange.

È disponibile la guida passo passo con le informazioni su come acquistarlo.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

 

Segui Cryptonews Italia sui canali social