Home NewsAltcoin News

L'Associazione Bancaria Italiana dà il via libera all' Euro Digitale

Di Sead Fadilpašić
L'Associazione Bancaria Italiana dà il via libera all' Euro Digitale 101
Fonte: Adobe/Maksim Kabakou

Il Comitato Esecutivo dell'Associazione bancaria italiana (ABI) ha approvato dieci criteri per una valuta digitale della Banca centrale (CBDC), portando l'Italia ad un passo dall'accordo di principio sul possibile lancio dell'euro digitale.

L'Associazione Bancaria Italiana è l'associazione commerciale delle banche italiane, fondata nel 1919,e comprende 707 membri. Mentre continuano le discussioni in corso sull'euro digitale, l'associazione ha chiarito la sua posizione.

In una dichiarazione dell'ABI sulla "valuta digitale [CBDC]", l'organizzazione ha espresso la sua approvazione. L'associazione afferma che un CBDC europeo destinato al pubblico possa rappresentare "un'evoluzione del denaro".

L'ABI ha dichiarato che la Banca Centrale Europea (BCE) - che non ha ancora commentato l'annuncio - sarebbe responsabile del progetto sull'euro digitale. Tuttavia, l'ABI sembra desiderosa di proseguire con un lancio e si è offerta di aiutare con un pilota. L'annuncio afferma che l'associazione ha istituito un gruppo di lavoro l'anno scorso. Il suo obiettivo, afferma ABI, è quello di esplorare l'applicazione di monete digitali e criptovalute.

La prima delle 10 considerazioni dell'ABI per un'emissione di euro digitale è "la stabilità monetaria e il pieno rispetto del quadro normativo europeo devono essere preservati in via prioritaria".

La moneta digitale deve essere "pienamente fidata" dai cittadini, un criterio che richiede il rispetto dei "più alti standard di conformità normativa, sicurezza e supervisione". Inoltre, l'accento deve essere posto sulla protezione dei dati personali.

ABI afferma inoltre che "la valuta digitale programmabile rappresenta un'innovazione nel campo finanziario in grado di rivoluzionare profondamente il denaro e gli scambi", che potrebbe apportare miglioramenti significativi, in particolare per quanto riguarda l'efficienza dei processi operativi e di gestione.

L'ABI dice:

"Da qui l'importanza di dedicare attenzione ed energia allo sviluppo rapido e con la collaborazione di tutti i soggetti dell'ecosistema, strumenti utili soprattutto per lo sviluppo dell'area dell'euro."

A causa del ruolo svolto dalla BCE, un CBDC sarebbe "lo strumento" che concilia la necessità di innovazione e "interoperabilità con il mondo analogico". L'Associazione ha aggiunto che "l'esistenza di tale strumento potrebbe allo stesso tempo ridurre l'attrattiva di strumenti di uso comparabile ma emessi da privati ​​o (in casi di decentralizzazione completa) che non possano essere identificati, caratterizzati da un profilo di rischio intrinsecamente più elevato. "

Il ruolo della banca rimarrà cruciale, sostiene ABI, nel futuro compito di "identificazione del modello di distribuzione, conservazione e scambio delle valute digitali" che servirebbero le esigenze degli utenti finali e manterrebbero la conformità normativa.

Alcuni dei vantaggi di un CBDC includono la liquidazione di transazioni peer-to-peer transfrontaliere, l'attenuazione dei tassi di interesse e le transazioni machine-to-machine più facili.

Le banche italiane stanno già facendo uso dell'infrastruttura a tecnologia di contabilità distribuita (DLT) tramite Spunta project, che è previsto per il pieno lancio nel settore bancario nazionale nel marzo 2020. Le banche "sono destinate a far parte del cambiamento determinato da un'importante innovazione come le monete digitali", ha aggiunto l'ABI.

Come in precedenza riportato, la banca centrale francese, la Banque de France , ha dichiarato di aver già avuto successo con il test di un euro digitale, il suo CBDC, operativo su una blockchain, il 14 maggio di quest'anno. La banca ha dichiarato di aver collaborato con la grande banca Société Générale Forge , con ulteriori prove pianificate in futuro in collaborazione con altri protagonisti.

__

Ulteriori informazioni:
Gli italiani credono nelle criptovalute più degli altri, gli inglesi i più scetticil
Could Central Banks’ Digital Currency Projects Be Nothing But a Big Bluff?

Più Articoli