Home NewsAltcoin News

Le autorità tailandesi seguono le cripto per risalire al traffico di droga

Di Fredrik Vold
Le autorità tailandesi seguono le cripto per risalire al traffico di droga 101
Fonte: Adobe/saksuvan

Le autorità thailandesi sono determinate a dare la caccia ai signori della droga ben nascosti del paese scandagliando ogni cosa, dai negozi di oro al petrolio, alle imprese di costruzione e alla criptovaluta, secondo un nuovo rapporto dell'agenzia di stampa AFP.

Secondo il rapporto, è la recente caduta di una grande organizzazione che si occupava di metanfetamina, che presumibilmente ha riciclato decine di milioni di dollari attraverso vari settori in Thailandia, che ha reso la polizia determinata a fare tutto il possibile per rintracciare coloro che muovono i fili di tutto questo.

"Abbiamo riscontrato un flusso irregolare nelle banche di 170 miliardi di baht (5,4 miliardi di dollari) - potrebbe non essere tutto droga", ha detto il ministro della giustizia thailandese Somsak Thepsuthin nell'articolo, aggiungendo: "Ma siamo fiduciosi che almeno 12 miliardi di baht (388 milioni di USD) sono impiegati in attività legate alla droga - il denaro della droga viene trasformato in oro, zinco, barre d'acciaio e petrolio ", ha affermato il ministro.

E secondo l'articolo, le autorità tailandesi sono ora pronte a "cambiare il gioco" prendendo di mira i soldi della droga detenuti in criptovaluta e spesso riciclati attraverso industrie più tradizionali come l'edilizia e i negozi di oro.

AFP ha inoltre scritto:

"È un ciclo di produzione, traffico e riciclaggio di droghe che genera miliardi incalcolabili e che trasforma l'economia secondaria di criptovalute, supercar e lussuose proprietà all'estero."

E nonostante "milioni" di persone abbiano a che fare con la droga in Thailandia, l'articolo ha spiegato che i signori della droga del Sud Est asiatico rimangono costantemente nascosti in background, dietro un certo numero di intermediari e "complessi schemi di riciclaggio di denaro".

Secondo l'articolo, in effetti, i signori della droga spesso riemergono ancora più forti dopo le repressioni, in parte aumentando la produzione e trovando la via d'uscita dai guai; l'articolo si riferisce al "Triangolo d'oro" - una regione tra Tailandia settentrionale, Laos, Cina, e Myanmar - come ad un hotspot di laboratori che producono metanfetamine, spesso protetti da ribelli armati.

Secondo l'AFP, una donna thailandese è già sotto custodia in relazione all'ultimo fallimento dell'organizzazione, con la polizia che sostiene di aver condotto un'operazione di droga che "ha attraversato il paese dai negozi di oro e società di costruzioni".

Secondo quanto riferito, le autorità tailandesi hanno collaborato con US Drug Enforcement Agency (DEA) per seguire la pista dei soldi dopo l'ultimo fallimento. Tuttavia, il rapporto non ha rivelato se questa particolare cooperazione ha comportato un'indagine relativa alle criptovalute.

Più Articoli