18 giugno 2021 · 4 min read

VPN e blocco geografico nel mondo delle criptovalute

Dichiarazione di non responsabilità: il seguente articolo fa parte di Cryptonews Deals Series ed è stato scritto come articolo promozionale in collaborazione con lo sponsor di questa offerta. Se la tua azienda ha una promozione esclusiva che vorresti condividere con i nostri lettori, ti invitiamo a contattarci. Costruiamo insieme.

NordVPN

Tra le altre cose, le criptovalute hanno portato alla ribalta una cosa che da tempo ossessiona lo scambio finanziario: il problema del controllo e dell'indipendenza. Le strutture finanziarie centralizzate si sono rivelate instabili e il livello di controllo che esercitano sul consumatore sembra spesso eccessivo.

Varie istituzioni governative (e private) stanno lottando per rilasciare regolamenti controllando i mercati delle criptovalute, anche se le criptovalute si stanno costantemente facendo strada nella sfera pubblica. Le restrizioni geografiche sono un modo per farlo, ovvero limitando la disponibilità dell'accesso a particolari regioni.

Ad esempio, BitMEX - Bitcoin Mercantile Exchange - piattaforma di exchange di criptovalute e di trading di derivati ​​non è disponibile negli Stati Uniti. Considerando che BitMEX ha elaborato transazioni fino a 1 milione di BTC in un volume di trading giornaliero, la negazione dell'accesso a questa piattaforma è uno svantaggio significativo per i trader di criptovalute statunitensi.

In precedenza abbiamo approfondito l'importanza di utilizzare una VPN per aggiungere ulteriore sicurezza e privacy alle tue transazioni cripto. Tuttavia, ci sono più modi per beneficiare di una VPN, come NordVPN, quando si tratta di criptovaluta, come accedere a mercati precedentemente non disponibili per tassi di cambio migliori.

Questa guida concisa si concentra sulle restrizioni geografiche imposte alle criptovalute e su come evitarle tramite una VPN.

Cosa sono le restrizioni geografiche?

Le restrizioni geografiche, o geo-blocking, sono una tecnologia che limita l'accesso ai contenuti online in base alla posizione fisica dell'utente. I servizi di streaming sono un esempio perfetto. Gli utenti di Netflix dalla Germania riceveranno una libreria di contenuti diversa (e più piccola) rispetto agli Stati Uniti e alcuni servizi, come i mercati delle criptovalute, potrebbero non essere del tutto disponibili.

Ciò si ottiene monitorando l'indirizzo IP degli utenti e misurando il ritardo end-to-end (il tempo necessario affinché un pacchetto di dati viaggi dal punto A al punto B) per ottenere la posizione geografica degli utenti. Una volta verificata la posizione geografica, una parte interessata può emettere blocchi a indirizzi IP o anche raccogliere ulteriormente le impronte digitali del dispositivo e seguire la limitazione dell'accesso online dell'utente.

In che modo le VPN aggirano le restrizioni geografiche?

Le VPN sono considerate il software numero uno per le restrizioni geografiche e risolvono il problema in modo molto efficiente.

Innanzitutto, la VPN offusca l'indirizzo IP originale degli utenti, collegato alla posizione geografica effettiva e lo sostituisce con uno alternativo. Quindi il monitoraggio di una persona online tramite l'indirizzo IP diventa notevolmente problematico. Lo fanno reindirizzando il traffico di dati online attraverso uno dei suoi server invece di lasciarlo passare attraverso il provider di servizi Internet, il che è anche un eccellente impulso alla privacy online.

Anche il ritardo end-to-end viene risolto perché il server VPN diventa una posizione di misurazione iniziale e il tempo di ritardo viene ridotto a seconda della distanza del server dalla destinazione di traguardo.

Quando si tratta di offuscare le impronte digitali del browser, la VPN è solo una parte di un più ampio software di protezione della privacy, come spoofer di fuso orario, commutatori di agenti utente del browser e così via, ma questo è un argomento che tratteremo un'altra volta. Diamo un'occhiata alla situazione dei blocchi geografici nei mercati delle criptovalute.

Blocchi geografici che interessano l'industria delle criptovalute

Come accennato in precedenza, le restrizioni di BitMEX USA sono uno dei migliori esempi di blocco geografico delle criptovalute negli Stati Uniti, ma non è l'unico.

Un altro noto esempio è Coinbase, la più grande piattaforma di exchange di criptovalute negli Stati Uniti. Quando la società è diventata pubblica, ha riportato 43 milioni di utenti verificati e un fatturato netto di 1,14 miliardi di dollari USA nel 2020. Puoi trovare l'elenco dei paesi supportati da Coinbase qui.

Come puoi vedere, mancano alcuni mercati importanti, come Russia e Cina. Non siamo qui per discutere la legittimità della politica internazionale, ma questo assomiglia a un tentativo di controllare e regolare i mercati delle cripto dal punto di vista delle criptovalute.

E la centralizzazione e le normative sono ciò che la criptovaluta cerca di evitare. Inoltre, le VPN affrontano questa sfida nel settore della sicurezza informatica. Fornire un accesso a Internet sicuro e più aperto è l'obiettivo delle VPN incentrate sul consumatore.

Un altro esempio è Kraken, una piattaforma di exchange di criptovaluta ed una banca con sede negli Stati Uniti, che fornisce trading da criptovaluta a denaro fiat. Tuttavia, ancora una volta, il servizio è geograficamente limitato e, a parte paesi come il Sudan e la Somalia, non è disponibile nemmeno nello stato di Washington e New York.

Le VPN, come NordVPN, sono un modo per raggiungere queste piattaforme e molti utenti lo fanno senza problemi. Tuttavia, è sempre meglio essere cauti e ricontrollare le recensioni degli utenti e le esperienze di prima mano della compatibilità di un mercato o di un altro con una VPN.

A partire dal 15 Giugno, il prezzo per il piano biennale di NordVPN sarà di $3,30 al mese (prezzo totale: $89,00), offrendo agli utenti un enorme sconto del 72%.

Gli utenti ottengono un'offerta limitata nel tempo: piano di 2 anni con il 72% di sconto + 3 mesi EXTRA di abbonamento a NordVPN.

NordVPN

 

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT