06 set 2022 · 4 min read

Bitcoin subirà un declino dopo il Merge di Ethereum?

Bitcoin
Bitcoin sarà meno rilevante dopo il Merge di Ethereum?

Con l'avvicinarsi della tanto atteso Merge di  Ethereum, uno dei fatti più interessanti sul mercato ribassista del 2022 è che ethereum (ETH) ha sovraperformato bitcoin (BTC) praticamente in ogni periodo di tempo.

Aumento di Ethereum

Al momento della scrittura, ETH è aumentato di più nelle ultime 24 ore (6% vs 1%), nell'ultima settimana (7% vs -2%), nell'ultimo mese (-1,8% vs -13%), nel negli ultimi 90 giorni (-8% vs -34%) e nell'ultimo anno (-57,9% vs -61,5%). Con il Merge ancora all'orizzonte – e in arrivo dal 13 al 15 settembre – è molto probabile che ethereum supererà ulteriormente bitcoin nelle prossime settimane.

Un rally a breve termine significa che ETH supererà BTC per sempre, o addirittura lo manderà in un declino a lungo termine? Ciò dipende in gran parte dal fatto che ethereum diventerà davvero una criptovaluta deflazionistica dopo il Merge, cosa che molti osservatori contestano.

Come il Merge di Ethereum ridurrà l'emissione di ETH

L'ultimo aggiornamento di Vitalik Buterin suggerisce che il Merge di Ethereum avrà luogo tra il 13 e il 15 settembre, con l'aggiornamento di Bellatrix, l'ultimo prima del Merge, in arrivo oggi. Ciò che ciò significa in definitiva è che Ethereum diventerà una criptovaluta proof-of-stake, con i validatori che confermeranno nuovi blocchi e transazioni puntando lo stesso ETH (piuttosto che spendere energia).

Per estensione, il passaggio a PoS significa anche che una percentuale significativa di ETH sarà bloccata nel nuovo smart contract di Beacon Chain. In effetti, un impressionante 13,398 milioni di ETH è già bloccato al momento della scrittura, con maggiori probabilità di essere puntato una volta che il Merge avrà avuto successo.

13,389 milioni di ETH sono attualmente l'11,13% della fornitura complessiva di Ethereum in circolazione (di 120,4 milioni di ETH).

Inoltre, il passaggio a PoS significa anche la fine delle ricompense di mining, che saranno sostituite da ricompense di staking più piccole. Secondo ethereum.org, ciò comporterà un calo del 90% del suo nuovo tasso di emissione, passando da circa 13.000 ETH al giorno a 1.600 ETH al giorno.

Se ciò non bastasse, l'aggiornamento di Londra dello scorso anno (e EIP 1559) ha comportato la bruciatura di circa 1.600 ETH ogni giorno. In altre parole, l'emissione netta sarà effettivamente piatta, a parità di tutte le altre condizioni.

Supponendo che la domanda di mercato di ETH aumenti dopo The Merge, questa emissione netta potrebbe di fatto diventare deflazionistica, a seconda di quanto cresce la domanda. Ethereum non sarebbe quindi solo la più grande blockchain di utility nell'ecosistema delle criptovalute (in termini di valore totale bloccato), ma diventerebbe anche una riserva di valore in stile Bitcoin.

Questa combinazione, almeno per alcune persone, renderebbe Bitcoin superfluo, dato che quest'ultimo viene utilizzato quasi esclusivamente come riserva di valore/attività speculativa, con un minimo utilizzo secondario come mezzo di pagamento.

Bitcoin subirà un calo significativo?

Con la dominance di BTC come quota della capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute in calo al 36,6% all'ultimo conteggio, alcuni osservatori hanno già iniziato a prevedere che non tornerà mai (o supererà) il suo massimo storico attuale di 69.044 USD, arretrato a novembre dell'anno scorso.

Uno dei motivi principali di questa argomentazione è che il passaggio di Ethereum al proof-of-stake screditerà il proof-of-work, che Bitcoin utilizza ancora. Cioè, le autorità di regolamentazione potrebbero finire per prendere di mira PoW in qualche modo, minando la proposta di valore di Bitcoin.

Questo, tuttavia, è profondamente speculativo.

Gran parte del settore dei servizi finanziari ha investito in Bitcoin in un modo o nell'altro, principalmente attraverso il lancio di servizi di custodia e intermediazione relativi a bitcoin. Più di recente, BlackRock, il più grande asset manager del mondo, ha lanciato il proprio trust privato su Bitcoin.

Per questo motivo, è improbabile che le autorità di regolamentazione nella maggior parte dei paesi sviluppati abbandonino Bitcoin in modo significativo.

Inoltre, un numero significativo di persone contesta che Ethereum diventerà una criptovaluta veramente deflazionistica dopo il Merge. Uno dei migliori argomenti in questo senso è che ETH può diventare deflazionistico solo con gas fees particolarmente elevate, cosa che allontanerebbe gli utenti (e probabilmente una riduzione delle gas fees).

Allo stesso tempo, molti sostenitori di Bitcoin sostengono che Ethereum diventerà più centralizzato dopo il Merge, cosa che lo renderà meno attraente rispetto al Bitcoin proof-of-work.

Ancora una volta, il tempo dirà quale di queste valutazioni è la più accurata. Basti dire che ETH sta attualmente sovraperformando BTC e probabilmente continuerà a farlo per le prossime settimane, almeno.

 

___________

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
___