29 apr 2021 · 7 min read

3 motivi per cui Facebook dovrebbe comprare e tenere Bitcoin

Nei giorni scorsi, uno dei migliori soggetti della conversazione relativa a Bitcoin su Twitter è stato avviato quando l'investitore Alistair Milne ha affermato che si vocifera che Facebook annuncerà mercoledì di tenere bitcoin (BTC). C'è una lunga storia di voci e rapporti ingannevoli quando si tratta di enormi annunci che potrebbero influenzare il prezzo di Bitcoin. Ciò potrebbe anche essere il motivo per cui l'asset cripto non si è mosso molto dopo che Milne ha condiviso queste voci sui social media.

Fonte: Adobe/natanaelginting

Mentre non ha molto senso  speculare sul fatto se la voce sia vera o meno, occorre però sottolineare i vari motivi per cui avrebbe senso per Facebook fare questa mossa.

In particolare, ci sono tre motivi chiave per cui Facebook dovrebbe considerare di adottare Bitcoin: può aiutarli con le loro questioni di reputazione attorno ai dati dell'utente e alla privacy. L'integrazione di Bitcoin in Facebook ha più senso del loro progetto Diem, e potrebbero guadagnare un profitto acquistando Bitcoin e quindi dando all'asset il proprio timbro di approvazione rivelando pubblicamente l'acquisto.

1. Facebook ha un problema di reputazione

Secondo Statista, Facebook è l'applicazione dei social media più utilizzata nel mondo, ma c'è una certa parte della popolazione che detesta assolutamente questo gigante tecnologico. E succede così che ci sia un sacco di sovrapposizione tra i critici di Facebook e gli appassionati di Bitcoin. Questa sovrapposizione ha senso perché le critiche di Facebook sembrano spesso abbastanza simili alle critiche degli utenti Bitcoin relatice al sistema bancario. Gli utenti di Bitcoin amano la capacità di prendere piena custodia e responsabilità dei loro soldi e di rimuovere la necessità di intermediari nel mondo digitale. Allo stesso modo, i critici di Facebook preferirebbero avere un controllo completo sui loro dati piuttosto che vengano raccolti, immagazzinati e venduti da una terza parte centralizzata.

In altre parole, i sostenitori di Bitcoin e i detrattori di Facebook hanno un terreno comune nel desiderio di mantenere l'auto-sovranità su Internet.

I problemi di Facebook attorno alla privacy e al controllo sui dati dell'utente si sono rivelati attraverso un numero di scandali e controversie nel corso degli anni. Inoltre, il CEO Mark Zuckerberg si è riferito ai suoi utenti come "stupidi coglioni" per aver consegnato i loro dati personali a lui quando la piattaforma era ancora solo un sito web noto come Facebook. Ci sono stati molti altri problemi di privacy dell'utente che sono saltati fuori per il gigante dei social media nel corso degli anni, ma il punto è che tutti questi problemi riguardano i dati personali nelle mani di una terza parte fidata, Facebook, che è un problema che i sostenitori di Bitcoin capiscono abbastanza bene.

Facebook sembra avere una spinta rinnovata per la privacy degli utenti e la sicurezza dei dati ogni pochi anni, ma acquistare, usare e promuovere Bitcoin potrebbe fare delle meraviglie per la loro credibilità quando si tratta delle loro affermazioni relative alla sovranità dell'utente sulle piattaforme di Facebook. Anche la pressione su Facebook relativa a tali questioni è probabilmente in aumento grazie ad Apple, che ha lanciato una vasta gamma di funzionalità di miglioramento della privacy negli ultimi due anni che consentono agli utenti di dispositivi Apple di avere più controllo sui loro dati. Naturalmente, la risposta ufficiale di Facebook ai miglioramenti della privacy di Apple è stata quella di rivendicare che la mossa danneggerà le piccole imprese, quindi forse dobbiamo ancora aspettare il momento in cui Zuckerberg si redima.

2. Bitcoin ha più senso di Diem

Facebook è già collegato ai concetti di criptovalute e tecnologia Blockchain attraverso la sua iniziativa Diem, originariamente conosciuta come Libra. Tuttavia, Diem non è niente in contronto a Bitcoin.

Prima di tutto, non avrebbe senso riferirsi a Diem come a una pura criptovaluta, che si basa su un blocco autorizzato. L'innovazione chiave con Bitcoin era quella di consentire a operatori dinamici e potenzialmente anonimi di risolvere i problemi di spesa e le transazioni d'ordine. Con Diem, il sistema è controllato da una federazione di entità note ed affidabili. Inoltre, Diem è destinato a rintracciare il valore del dollaro USA, il che significa che è abbastanza simile a molti dei vari strumenti per i pagamenti online che esistono già negli Stati Uniti. In effetti, il livello di centralizzazione coinvolto in questo progetto ha già abilitato una serie di ritardi e cambiamenti strutturali a causa delle preoccupazioni dei regolatori.

Se Facebook vuole veramente dare ai propri utenti più sovranità e controllo sui loro dati e denaro, allora avrebbe più senso semplicemente integrare Bitcoin nelle loro applicazioni esistenti piuttosto che ricreare efficacemente Paypal o APP di denaro in cima a una blockchain autorizzata.

Anche il congressista americano Warren Davidson (R-OH) ha suggerito che Facebook dovrebbe optare per Bitcoin invece di creare Diem.

Sul sito ufficiale del progetto Diem, c'è un forte focus sul desiderio di portare i servizi finanziari ai non bancabili. Ma la ragione per cui gli utenti non bancabili non hanno accesso ai servizi finanziari è legato alle restrizioni relative alle normative Know Your Customer (KYC) e i regolamenti per il riciclaggio anti-denaro (AML). Se questi requisiti non esistessero, le persone avrebbero già spostato dollari, euro e altre valute Fiat in tutto il mondo con la stessa facilità di un tweet o un'e-mail. Sì, esistono già StableCoins, ma non è chiaro se i regolatori consentiranno alle transazioni digitali pseudonime di persistere in questi IUS denominati in dollari. E se sono autorizzati a persistere, allora perché è necessario una Blockchain in primo luogo?

Creare un altro sistema centralizzato come Diem non risolve questo problema perché è facilmente regolato e controllato. Con Bitcoin, qualsiasi individuo pseudonimo è in grado di ricevere pagamenti senza dover avere autorizzazioni. Questo è il differenziatore chiave con Bitcoin e il motivo per cui è in grado di operare come forma di contante digitale.

Come nota finale su Diem, avrebbe senso per Facebook acquistare e tenere un po' di bitcoin se intendessero tornare alla visione originale di Diem (a suo tempo Libra) dove la valuta digitale era stata sostenuta da un paniere di valute piuttosto che dal dollaro USA, proprio come anche Bitcoin potrebbe potenzialmente essere aggiunto alle riserve di Diem.

Se Facebook continua a perseguire Diem al posto di Bitcoin, sarà chiaro che questo passo nel regno della valuta digitale è solo un'altra presa di forza piuttosto che un nuovo modo di potenziare i propri utenti. Invece, dovrebbero tenere Bitcoin sul loro bilancio e iniziare a costruire nuovi prodotti e servizi intorno ad esso.

Per coloro che sono pronti a sottolineare che Bitcoin (anche se con lo sviluppo anticipato del Lightning Network) non può scalare per gestire ad oggi l'intera base di utenti Facebook, è importante rendersi conto che ogni utente di Facebook non inizierà immediatamente a fare pagamenti Bitcoin il giorno stesso in cui andranno in funzione. E anche se questo tipo di funzionalità è ancora lontana di qualche anno, ha ancora senso per Facebook comprare ora sanche se è ancora presto.

3. Pumponomics 101

Il terzo motivo per cui Facebook dovrebbe comprare e tenere bitcoin è piuttosto sempice: pumponomics. Se Facebook dovesse acquistare bitcoin e poi uscire con un annuncio riguardante la loro posizione di bitcoin e le loro intenzioni di costruire prodotti e servizi intorno alla criptovaluta più popolare del mondo, si troverebbe a beneficiare finanziariamente del probabile aumento del prezzo di Bitcoin dopo l'annuncio .

Il CEO di Microstrategy Michael Saylor è stato il primo dirigente di una società quotata in borsa a delineare questa semplice strategia quando l'ha consigliata al CEO di Tesla Elon Musk tramite Twitter.

E secondo Amrita Ahuja, Chief Financial Officer di Square, "è assolutamente giustificato che ogni bilancio contenga bitcoin".

Ora, alcuni potrebbero dire che avrebbe avuto più senso per Facebook adottare le Altcoin invece di Bitcoin, in quanto forse sarebbe più facile per Facebook fare  pump and dump per profitto su un asset cripto di valore inferiore.

Tuttavia, il punto non è quello di fare pump and dump. Invece, il punto è acquistare e aiutare a costruire e supportare una valuta nativa e autorizzabile per Internet.

Vale anche la pena notare che fare semplicemente pump and dump di altcoin a bassa capitalizzazione avrebbe l'effetto opposto per Facebook che vuole migliorare la sua reputazione. Inoltre, Facebook avrà bisogno che ci sia abbastanza liquidità in criptovaluta per poter eventualmente riconvertire alcuni fondi in dollari USA, se necessario. Come ha recentemente dimostrato Tesla, c'è molta liquidità in bitcoin.

La decisione di entrare in bitcoin potrebbe dipendere dalle preferenze temporali di Facebook. Il gigante dei social media può continuare ad aggrapparsi al controllo centralizzato o iniziare ad abbracciare un futuro Internet più decentralizzato e che consenta la vera sovranità degli utenti. Mentre Facebook aumenta il suo potere attraverso la centralizzazione oggi, potrebbe esserci la necessità di abbracciare la sovranità degli utenti, come Twitter ha fatto con bluesky. A lungo termine, un futuro in cui Facebook non ha abbracciato il bitcoin potrebbe sembrare piuttosto distopico, poiché potrebbe indicare che la criptovaluta ha fallito.
____

Per saperne di più:
- This is How Facebook's Novi Can Share Libra User Info With Others
- Nexon Spends USD 100M on Bitcoin Amid 'Potential Currency Debasement'
- Meitu CEO Hints More Asian Firms May Buy Bitcoin, Ethereum, As Shares Rally
- Bitcoin Snowball Is Expected To Hit More Institutions in 2021
- A Wave of Giants Rushing to Invest in Bitcoin Could Derail the Stock Market
- Norwegian Giant Aker Goes Bitcoin, Defends BTC Mining, Eyes Micropayments
- Why This Bitcoin-Believing Startup Bets on Facebook's Diem Instead
- What Might Change The Currency Composition of Central Banks’ Reserve Holdings?
- How Bitcoin and DeFi are Completely Different Phenomena