11 set 2021 · 8 min read

Come si misura la decentralizzazione nelle criptovalute?

crypto decentralization
Fonte: Adobe/Feng Yu
  • Il decentramento è un'incapacità tecnica per una delle parti di eseguire importanti cambiamenti nel sistema.
  • Esistono altre metriche di decentralizzazione, come la distribuzione della ricchezza in un sistema.
  • Esistono diverse forme di centralizzazione che si estendono a prodotti e servizi.

Criptovalute e decentralizzazione sono quasi sinonimi, ma poche persone nel settore crypto concordano su cosa significhi esattamente essere decentralizzati. Le definizioni variano ampiamente da una persona o un'organizzazione all'altra, mentre anche le opinioni su quanto sia desiderabile o ottimale la decentralizzazione differiscono in modo significativo.

Sebbene la maggior parte delle figure all'interno del settore delle criptovalute condividano concezioni sovrapposte su cosa sia essenzialmente il decentramento a livello tecnico, tendono a non essere d'accordo sulla possibilità di misurare o quantificare tale decentralizzazione. Alcuni operatori del settore che parlano con Cryptonews.com sostengono che la decentralizzazione è più una proprietà binaria che una con dimensioni misurabili, mentre altri suggeriscono che una serie di elementi più soggettivi, come la partecipazione della comunità, contribuiscono al decentramento.

Più fondamentalmente, sembra che la "decentralizzazione" funzioni all'interno delle criptovalute come un ideale o un concetto normativo, verso cui puntano piattaforme e progetti per rendersi meno centralizzati nel tempo. Il rovescio della medaglia è che la centralizzazione, pur non essendo sempre auspicabile, può essere un necessario trampolino di lancio e una base da cui evolve il decentramento.

Definizione di decentramento

A un livello più tecnico, la definizione di decentralizzazione non è troppo complicata.

Josef Tětek, Brand Ambassador di Trezor, ha affermato: “Definirei il decentramento come un'incapacità tecnica per una delle parti di eseguire grandi cambiamenti nel sistema. In un sistema decentralizzato, è impossibile modificare i parametri critici come la politica monetaria", 

Per Tětek, questo significa che non esiste davvero alcuna criptovaluta decentralizzata oltre a Bitcoin (BTC).

"Se la tua cripto preferita subisce regolarmente un hard fork e promuove la capacità di rivedere la sua politica monetaria, non è decentralizzata", ha aggiunto.

Lex Sokolin di ConsenSys, focalizzato su Ethereum (ETH), molto probabilmente non sarebbe d'accordo sul fatto che Bitcoin sia l'unica criptovaluta decentralizzata. Detto questo, condivide l'opinione che il decentramento si riferisca all'incapacità di una parte di esercitare un potere sproporzionato su - o di minacciare la sicurezza di - una piattaforma.

Inoltre ha detto a Cryptonews.com che “il layer di base per i sistemi basati su blockchain richiede una sicurezza molto elevata. Funziona partendo dal presupposto che tutti gli operatori stiano cercando di sabotare le sue operazioni principali, e quindi modifica la teoria dei giochi delle ricompense economiche in modo tale che anche in quell'ambiente hobbesiano il calcolo sia vero".

Sokolin spiega che questa è la caratteristica dell'essere "trustless", in cui una blockchain non si affida a un provider di fiducia per dirle cosa è o non è vero.

“Chiunque può fare affidamento sui dati e sul software senza avere licenze, concessioni o altre deleghe di potere. Il decentramento in parte si riferisce al fatto che molti partecipanti diversi eseguono validatori, o miner, o svolgono attività di staking, che a loro volta contribuiscono a questi attributi fondamentali di sicurezza", ha affermato.

Secondo Sokolin, più attori partecipano alla protezione della rete, più sicura è la rete. Naturalmente, riconosce che una serie di fattori, oltre a obiettivi diversi, complicano questo quadro.

Inoltre ha affermato che “esistono altre metriche di decentralizzazione, come la distribuzione della ricchezza in un sistema. Ciò tende a seguire gli schemi regolari nelle economie umane, con la regola 80-20 e le leggi sul potere".

Anche con questo riconoscimento, Sokolin afferma che tali risultati sono "separati dal fatto che il sistema sottostante sia effettivamente coerente e possa svolgere la sua funzione senza essere dirottato".

Alcuni altri operatori del settore sembrerebbero condividere questo punto di vista. Tuttavia, alcuni hanno diverse concezioni di decentralizzazione, mentre altri sottolineano il fatto che ci sono diverse metriche e dimensioni del decentramento.

Secondo Sokolin, più attori partecipano alla protezione della rete, più sicura è la rete. Naturalmente, riconosce che una serie di fattori, oltre a obiettivi diversi, complicano questo quadro.

“Esistono altre metriche di decentralizzazione, come la distribuzione della ricchezza in un sistema. Ciò tende a seguire gli schemi regolari nelle economie umane, con la regola 80-20 e le leggi sul potere", ha affermato.

Anche con questo riconoscimento, Sokolin afferma che tali risultati sono "separati dal fatto che il sistema sottostante sia effettivamente coerente e possa svolgere la sua funzione senza essere dirottato".

Alcuni altri operatori del settore sembrerebbero condividere questo punto di vista. Tuttavia, alcuni hanno diverse concezioni di decentralizzazione, mentre altri sottolineano il fatto che ci sono diverse metriche e dimensioni del decentramento.

Jay Hao, CEO di OKEx, ha affermato che “la decentralizzazione è uno spettro e un processo in evoluzione, che è supportato da reti blockchain separate e protocolli crypto. Tali algoritmi di consenso e progetti tokenomici modellano il livello di decentralizzazione e consentono transazioni dirette senza la necessità di un intermediario".

Secondo il co-fondatore di Swarm Markets Philipp Pieper, allo stesso tempo  diversi aspetti di una piattaforma possono mostrare diversi gradi di decentralizzazione (o centralizzazione per quella materia).

"Esistono diverse forme di centralizzazione che si estendono a prodotti e servizi, nonché a meccanismi di governance e consenso", ha detto a Cryptonews.com.

Pieper suggerisce che, nel caso particolare della DeFi, tutti i progetti avranno un grado di centralizzazione, almeno a un certo livello delle loro operazioni. Inoltre ha spiegato che  "ad esempio, gli oracoli dei dati richiedono una qualche forma di input esterno e rappresentano un'opportunità per gli hacker di accedere a una piattaforma".

Si può misurare il grado di   decentralizzazione di una piattaforma?

Il fatto che le piattaforme siano composte da parti diverse che mostrano diversi gradi di decentralizzazione evidenzia quanto sarebbe difficile misurare il decentramento in modo oggettivo o non controverso.

Josef Tětek ha affermato: “non credo che ci sia un grado misurabile di decentramento. Credo che il decentramento sia binario: o c'è una sorta di figura leader o di squadra (di solito con una preminente importante), oppure non c'è e sono gli operatori del nodo che alla fine decidono ".

Elaborando questa idea del decentramento come proprietà binaria, Tětek spiega che un sistema decentralizzato è uno senza pre-mine o prevendita e con la capacità di eseguire nodi completi su hardware disponibile in commercio e larghezza di banda media. 

"Fondazioni, pre-mine o nodi che richiedono un'infrastruttura di data center non sono compatibili con un sistema monetario decentralizzato", ha affermato.

Allo stesso modo, Jay Hao sostiene che, invece di misurare o quantificare il decentramento, dovremmo perseguire modi migliori di considerare il decentramento, come guardare il contributo della comunità coinvolto.

Inoltre ha affermato che “un classico esempio è Loot NFT, che ha adottato un approccio dal basso verso l'alto, liberando il potere del crowdsourcing. Il progetto è nato da transazioni open source su una piattaforma di smart contract e ora viene sviluppato e portato avanti con la comunità".

Hao ha aggiunto che apprezza la visione di trasformare una chat di gruppo in una comunità.

Inoltre ha osservato che “penso che questo sia qualcosa che dovremmo iniziare a esaminare. Guardando al futuro, in futuro potrebbe esserci una governance autonoma decentralizzata per autenticare il processo".

Il grado "ideale" di decentramento

Dato che il decentramento potrebbe non essere direttamente misurabile, anche la questione di decidere su una quantità "ideale" di decentramento diventa una questione spinosa.

Per Jay Hao, il motivo per cui questa è una domanda difficile a cui rispondere è che la quantità ottimale di decentralizzazione dipende fortemente dalla piattaforma in questione e dagli obiettivi della sua comunità.

“In base alla scala dell'ecosistema, come Ethereum e molti altri, le conversazioni avvengono e le scintille si accendono. Niente è positivo se si va negli estremi, mentre centralizzazione e decentralizzazione dovrebbero essere reciprocamente vantaggiose e trovare un equilibrio; quindi, vediamo più discussioni su questo argomento", ha affermato.

Un'eccessiva decentralizzazione può anche essere indesiderabile, in quanto può imporre alcuni aspetti negativi su una piattaforma, come un calo della sicurezza o della scalabilità.

Inoltre ha affermato che “con il livello di decentralizzazione, permangono problemi di scalabilità e sicurezza. Tra le diverse blockchain, data la crescente maturità dei mercati [layer 1] e [layer 2], il mercato sembra avanzare verso una nuova era sugli effetti di rete, e anche le applicazioni vengono prima di tutto piuttosto che guardare alla natura del decentramento".

D'altra parte, Josef Tětek non pensa che ci possa essere un "eccessivo" decentramento, poiché a suo avviso una piattaforma o è decentralizzata o non lo è.

Inoltre ha detto che “dal momento che non credo che il decentramento sia uno spettro, non credo che ci sia alcun punto di svolta nel decentramento. Ma c'è sicuramente una dipendenza dal percorso: le criptovalute centralizzate non diventeranno mai decentralizzate".

Sebbene le blockchain possano essere fondamentalmente decentralizzate (o meno), alcuni partecipanti al settore ritengono che una certa centralizzazione, almeno in determinate aree, possa essere desiderabile per determinate piattaforme. E per lo meno, alcuni utenti potrebbero preferire un sistema centralizzato efficiente a uno decentralizzato, ma con alcuni problemi di usabilità.

Dice: "La centralizzazione non è una cosa negativa per l'industria delle criptovalute, ma la cosa principale è fornire alle persone una scelta. Diversi modelli di business e proposte di valore si adatteranno a diversi partecipanti al mercato e alle loro esigenze".

___________

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 __________

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

___
Per saperne di più:
- Il Web 3.0 è in arrivo e le criptovalute saranno essenziali
- Metaverso: un piano high-tech per trasformare Facebook

- Fighting Regulation with Decentralization

- Presidente SEC: La DeFi non è decentralizzata e va regolata
- Ecco come le DAO stanno assumendo un ruolo maggiore nel settori DeFi e NFT