Home In EsclusivaIn Primo Piano

La medicina basata su Blockchain è proprio ciò che ha prescritto il medico?

Di Tim Alper
La medicina basata su Blockchain è proprio ciò che ha prescritto il medico? 101
Fonte: iStock/Savushkin

Quasi tutte le principali aree di business che ti interessano - dal settore finanziario a quello alimentare - sembrano aver investito molto in tecnologia fintech e tecnologia decentralizzata. Ma molti professionisti medici vogliono ancora mantenere la blockchain a debita distanza. Perché?

"Gli operatori sanitari hanno naturalmente paura di condividere i dati", racconta a Cryptonews.com il dott. Kho Woo-kyun, co-fondatore di MediBloc, una piattaforma di dati sanitari con sede in Corea del Sud, "Ma le attuali tendenze sanitarie sono sempre più incentrate sul paziente. I pazienti stanno iniziando a ottenere un maggiore controllo negli ambienti clinici, principalmente perché ora possiedono più conoscenze che mai. E questo sta cambiando il modo in cui pazienti e professionisti medici osservano il modo in cui i dati vengono condivisi".

Il Dr. Kho, come suggerisce il suo titolo, non è il classico guru della blockchain sudcoreano. È anche un dentista qualificato, così come il collega co-fondatore di MediBloc, il dott. Lee Eun-sol. Ma né Kho né Lee sono ciò che ci si potrebbe aspettare: medici che hanno voltato le spalle al lavoro clinico per concentrarsi sulla tecnologia.

Infatti Kho ha prima studiato informatica, continuando a lavorare presso Samsung per circa tre anni prima di formarsi per diventare un chirurgo dentista qualificato. "Volevo acquisire entrambe le competenze", spiega.

E forse la capacità di avvicinarsi sia ai professionisti medici che agli specialisti tecnici ha dato a Kho e Lee una sorta di vantaggio in più in questa nascente nicchia della blockchain.

La medicina basata sulla blockchain è ancora agli inizi, ma MediBloc ha già fatto un nome per sé, sia a livello nazionale che internazionale - con partner come Samsung, i principali ospedali e organi governativi della Corea del Sud, nonché ospedali in Cina e negli Stati Uniti.

Blockchain e criptovalute potrebbero finire per svolgere una vasta gamma di ruoli nel mondo sanitario del futuro. Ma per ora, le iniziative tecnologiche sembrano centrare il modo in cui i dati vengono raccolti, condivisi e utilizzati - e tokenizzare l'intero processo.

Sforzo collaborativo

Kho spiega che uno dei più grandi progetti attuali di MediBloc prevede una partnership con il dipartimento di odontoiatria dell'Università Kyung Hee. Kyung Hee, con sede a Seoul, vanta una delle cliniche dentali più avanzate del paese e ha investito in una vasta gamma di apparecchiature ad alta tecnologia.

Ma l'utilizzo di questa apparecchiatura per effettuare diagnosi dentali più veloci e incentrate sul paziente si è rivelato complicato. MediBloc afferma di aver equipaggiato Kyung Hee con una piattaforma di diagnosi dentale, ch permetterà alla società blockchain di gestire il lato della condivisione dei dati.

Ai futuri pazienti che utilizzeranno il sistema verrà presentato con un report dettagliato e basato su blockchain dopo i loro controlli, che possono quindi digerire da soli o presentare al chirurgo di loro scelta.

Durante la visita al Secondo ospedale affiliato dell'Università medica di Harbin ad Harbin, in Cina, dei funzionari videro ciò che Kyung Hee aveva e decisero di seguire l'esempio. I lavori sono ora iniziati sulla piattaforma diagnostica dell'ospedale cinese.

Più di recente, MediBloc sembra aver compiuto il passo logico successivo: creare una piattaforma per la condivisione delle cartelle cliniche, processo che una volta, quando era manuale, era carico di inefficienze. La società ha concordato di costruire un sistema di registrazione elettronica dell'ospedale alimentato da blockchain e un sistema di cartelle cliniche personali per due filiali dell'ospedale pediatrico Woorisoa.

La medicina basata su Blockchain è proprio ciò che ha prescritto il medico? 102
Dr Kho Woo-kyun, Fonte: MediBloc

E MediBloc fa parte di un numero crescente di aziende che tentano di tokenizzare l'assicurazione medica. Le compagnie di assicurazione che utilizzano piattaforme blockchain potrebbero finire per pagare commissioni ai fornitori di tecnologia, aiutandoli a eliminare la documentazione e assicurando che le richieste di risarcimento siano trasparenti e di alto livello.

Una grande iniziativa del settore bancario e tecnologico che include attori del calibro di Samsung, LG e Shinhan Bank sta lavorando su un sistema di autenticazione basato su blockchain che consentirà agli utenti mobile di elaborare le ricevute mediche per i reclami di assicurazione.

Ma un certo numero di aziende sta anche valutando l'idea di emettere token come ricompensa per i pazienti che condividono informazioni sulle loro piattaforme.

Bonnie Min, direttore marketing di MediBloc, spiega che l'obiettivo dell'azienda è quello di diventare il "Google della salute", sviluppando un database di ricerca, dati forniti dai pazienti e risultati di studi medici maturati da dispositivi indossabili. Aziende farmaceutiche, pazienti e ricercatori di tutto il mondo potrebbero contribuire, presumibilmente con i token MediBloc che forniscono la forza economica trainante.

Enigma politico

Naturalmente, c'è un elefante piuttosto grande nella stanza di qualsiasi azienda che cerca di "tokenizzare" qualsiasi cosa in Corea del Sud: la politica del governo.

Il governo sudcoreano non è ancora andato avanti con un giro di vite crudele alle cripto. Ma ci è arrivato abbastanza vicino. Le offerte di monete iniziali (ICO) rimangono vietate in tutte le forme. Investire direttamente in una società di criptovaluta è pieno di rughe normative.

E recentemente anche un'agenzia governativa ha bloccato il rilascio di un gioco blockchain a causa del fatto che consente ai giocatori di scambiarsi oggetti con token non fungibili di Ethereum (NFT).

In che modo esattamente Kho e compagnia immaginano di superare ostacoli come questi?

Il capo di MediBloc dice:

“L'ecosistema delle criptovalute è troppo grande per essere rimosso dalla società ora. Non andrà via presto, qualunque cosa accada. La politica cambierà probabilmente nei prossimi due o tre anni.”

(Per saperne di più: Criptovalute 2020: cosa i regolatori potrebbero fare l'anno prossimo e nel decennio)

Attendere fino al 2022-2023 per vedere se si abbattono le barriere della politica crittografica può sembrare notevolmente ottimista, soprattutto quando alcuni analisti sostengono che il mercato sudcoreano è già “morto.” Ma Kho non è l'unico professionista blockchain in Corea del Sud che ritiene inevitabile un graduale ammorbidimento della politica.

Lee Jong-cheol, un consulente aziendale blockchain, racconta a Cryptonews.com:

“Se la Cina cambiasse la sua politica sulle criptovalute, che non è impossibile, anche Seoul potrebbe farlo. La bolla speculativa di fine 2017-inizio 2018 è ormai un lontano ricordo, ed è allora che è stata formata la maggior parte della politica anti-cripto esistente. Perdere le gare tecnologiche non è qualcosa che il governo sudcoreano è abituato a fare.”

E con la crescita economica che rallenterà a un previsto -2% l'anno prossimo, un'elezione legislativa nell'aprile 2020 e decine di aziende nazionali che si sono buttate nelle criptovalute, un cambiamento di politica non va oltre i regni delle possibilità.

Ma per ora, MediBloc e società simili probabilmente continueranno a costruire partnership (la società ha attualmente 12 ospedali partner nazionali) e ad espandersi, sebbene all'interno di un quadro normativo restrittivo.

E per quanto riguarda Kho, la blockchain è l'unica via percorribile per la medicina moderna. Lui spiega:

“Fornire trasparenza aumenterà la credibilità dell'assistenza sanitaria, accelererà le procedure e ridurrà i costi per tutte le parti. Assistenza sanitaria personalizzata basata su cartelle cliniche più complete: quale paziente o fornitore non lo desidera?”

Più Articoli