24 marzo 2021 · 1 min read

Mitsubishi, giganti bancari e delle telecomunicazioni investono 62 milioni di dollari in un exchange cripto

L'exchange di criptovalute giapponese DeCurret ha ricevuto un forte impulso con le principali banche, conglomerati come Mitsubishi e altri che hanno partecipato al round di finanziamento di 62 milioni di dollari per la piattaforma in rapida crescita.

La società con sede a Tokyo utilizzerà il denaro per creare una nuova piattaforma di "valuta digitale" e uno smartphone, hanno riferito Nikkei e TechCrunch Japan.

Il pacchetto vedrà anche Toshihide Endo, l'ex capo del principale regolatore finanziario e crittografico del paese, la Financial Services Agency (FSA), entrare a far parte della società come consulente speciale da aprile. Endo è stato commissario della FSA dal 2018 al 2020, periodo durante il quale la FSA ha completamente rinnovato le sue politiche crittografiche sulla scia del devastante hack di Coincheck all'inizio del 2018.

Endo è anche consulente di Sony e Fukoku Mutual Life Insurance.

Il finanziamento ha coinvolto un accordo di assegnazione di azioni di terzi che è stato sottoscritto dal suo principale azionista, il provider di servizi Internet Internet Initiative Japan, che ha fornito il 30% del finanziamento.

Partecipare è stato un vero e proprio who's-who delle imprese giapponesi di alto livello, inclusi i giganti delle telecomunicazioni KDDI e Nippon Telegraph and Telephone (NTT), nonché le banche Sumitomo Mitsui Banking Corporation, Mitsubishi UFJ Bank e Japan Post Bank. Hanno partecipato anche le società di sicurezza Sohgo Security Services (ALSOK) e Secom, così come la monolitica Mitsubishi Corporation. Un altro investitore era SBI Holdings, la holding del gruppo SBI e l'operatore di due exchange di criptovaluta rivali.

DeCurret non ha rivelato quanto ciascuna società avesse investito, nè quante azioni fossero state assegnate in ciascun caso.

La società non è entrata nei dettagli sui suoi piani per gli smartphone, ma ha spiegato che avrebbe cercato di costruire una "piattaforma di valuta digitale con struttura a due strati" che consente l'uso della tecnologia blockchain per creare "valute digitali emesse privatamente" e "implementare" la società - contratti intelligenti specifici. "

L'anno scorso DeCurret ha formato un nuovo "gruppo di studio" che include molti dei suoi nuovi investitori, con il gruppo che spera di creare una piattaforma che l'intera comunità imprenditoriale giapponese sarà in grado di utilizzare per i pagamenti digitali.