28 set 2021 · 5 min read

La Cina vieta le criptovalute ma il mercato va avanti

Cina

Mike Ermolaev, Head of PR di ChangeNOW, è l'autore ospite di questo articolo su Cryptonews.com.

La scorsa settimana la comunità crypto era tutta occhi e orecchie quando è arrivata la notizia che la PBOC (People's Bank of China) stava formalmente vietando tutte le attività legate alle criptovalute. Insieme ad altri importanti regolatori finanziari cinesi, la banca ha annunciato che tutte le transazioni crypto e le attività legate alla finanza digitale sono illegali e che il governo cinese interromperà il supporto finanziario per i progetti di valuta virtuale e taglierà l'elettricità per le operazioni di mining delle criptovalute nel paese.

La reazione del mercato alla notizia è stata rapida e pronunciata. Gli asset in generale sono diminuiti con un calo fino al dieci percento in poche ore. Da allora, il mercato si è stabilizzato e ha registrato una leggera ripresa, con la maggior parte degli asset che sono tornati al punto in cui si trovavano prima dell'annuncio del divieto.

L'ultimo di una serie di divieti sulle criptovalute

Come molti di voi probabilmente sapranno, questa non è la prima volta che la Cina dichiara che vieterà le criptovalute. La prima volta che le criptovalute sono state bandite in Cina risale al 2013. Poi di nuovo nel 2017. E ancora una volta a maggio di quest'anno. Quando è successo a maggio, ha attirato molta attenzione a causa della quantità di mining di Bitcoin che stava accadendo in Cina. Prima del divieto, era stato stimato che circa il 75% di tutto il mining globale di Bitcoin avvenisse in Cina.

All'epoca, la Cina non era l'unica a fare pressione sull'industria delle criptovalute. Come ricorderete, in quel periodo Elon Musk aveva anche deciso che Tesla non avrebbe più accettato Bitcoin come mezzo di pagamento, poiché si univa a un certo numero di altri che erano preoccupati per l'impatto ambientale che stava avendo il mining. Quel ciclo di notizie non è stato gentile con il mercato delle criptovalute e ha prodotto un'importante flessione che ha visto importanti asset come Bitcoin scendere dai massimi storici quasi a posizioni sostanzialmente più basse. Tuttavia, tale ritrazione non è stata prolungata e ha lasciato il posto a un'ulteriore crescita poiché l'integrazione delle criptovalute si è spostata ulteriormente nell'economia globale.

Questa volta anche l'industria delle criptovalute sta affrontando un attacco su due fronti, con il divieto cinese arrivato dopo una settimana in cui il mercato era teso per i timori che gli organismi di regolamentazione statunitensi intraprendessero azioni aggressive contro le principali società di criptovalute. Solo pochi giorni dopo, però, sembra che il panico abbia lasciato il posto a una fiducia rafforzata nell'industria delle criptovalute nella sua notevole capacità di resistere a quelli che sembrano essere colpi formidabili.

Il divieto per aprire la strada allo yuan digitale

Per quanto riguarda la Cina, la motivazione alla base del divieto delle valute virtuali è che, secondo i funzionari, impegnarsi nella speculazione con questo tipo di attività rappresenta una minaccia per il benessere finanziario e sociale del paese. Mentre quella linea di ragionamento sembra certamente sospetta, visti gli eventi della saga di Evergrande in corso, l'imminente lancio dello yuan digitale, la valuta digitale sostenuta dallo stato cinese sembra aver avuto un ruolo importante nella repressione. Si prevede che lo yuan digitale sarà implementato su larga scala già all'inizio del 2022 e dovrebbe essere testato alle prossime Olimpiadi invernali.

Tuttavia, per quanto ci provi, è improbabile che il tentativo della Cina di ridurre le attività delle criptovalute produca una flessione sostanziale del mercato. Questo divieto più recente potrebbe effettivamente essere meglio caratterizzato come l'attuazione di quanto promesso nel divieto emesso nel maggio di quest'anno. Quando è diventato chiaro che la Cina si stava muovendo per chiudere tutte le operazioni di mining e fermare tutti i progetti crypto, le aziende e gli operatori in Cina interessati hanno preso provvedimenti. Di conseguenza, la situazione delle criptovalute è già radicalmente diversa da quella di allora.

L'industria delle criptovalute ha sempre avuto una notevole abilità nell'adattarsi all'ambiente in evoluzione in cui si trova, e questo non ha mostrato segni di cedimento. Con la Cina che ha chiuso le attività di mining, si è aperto un vuoto che le aziende di Stati Uniti, Kazakistan, Georgia e molti altri paesi si sono affrettate a riempire. E molte di queste aziende stanno perseguendo soluzioni di energia verde e rinnovabile come parte dei loro progetti.

L'industria delle criptovalute è pronta per un'ulteriore crescita

Ciò ha attenuato il colpo del divieto cinese ed è la prova di una forza che probabilmente continuerà, indipendentemente dall'atteggiamento e dalle azioni dei singoli stati-nazione. Sebbene i prezzi di mercato siano diminuiti in generale in seguito al divieto, hanno ripreso terreno e sembrano pronti a recuperare il resto nel prossimo futuro.

Per uno stato potente come la Cina, le loro azioni qui sono controcorrente. Altrove, altri paesi stanno lavorando per incorporare le possibilità presentate dalle criptovalute nelle loro economie, con El Salvador che abbraccia completamente le criptovalute e arriva al punto di riconoscere Bitcoin come moneta a corso legale. Nel settore privato, Twitter è pronto a lanciare una funzione di pagamento crypto nel prossimo futuro, che sta già generando abbastanza buzz da minacciare di consegnare le azioni della Cina all'oblio.

Quando tutto è stato detto e fatto, è improbabile che il movimento crypto sia molto ostacolato da questo ultimo annuncio dalla Cina. Sfortunatamente, coloro che hanno maggiori probabilità di soffrire a causa di questa azione sono i cinesi che saranno privati ​​della maggiore libertà economica offerta da così tanti asset digitali.

Informazioni sull' autore

Mike Ermolaev è il responsabile delle pubbliche relazioni di ChangeNOW e co-fondatore di Tópos Digital Communications Agency. Mike lavora nelle PR dal 2010 ed è passato alle PR blockchain nel 2017, quando ha assunto la posizione di Head of PR and Content presso FutureComes, un'agenzia di analisi, sviluppo e consulenza blockchain.

Dal 2020 è co-fondatore e CCO presso Topos DC Agency. Nel 2021, ha lasciato brevemente per la stessa posizione presso la holding ADSBase prima di tornare al settore crypto e diventare il responsabile delle pubbliche relazioni di ChangeNOW.

Mike ha lavorato con numerosi progetti crypto, supervisionando oltre 800 testi pubblicati, alcuni dei quali sono apparsi nelle testate più lette e rispettate nei media cripto.

 

Dichiarazione di non responsabilità: il testo è un articolo pubblicitario che non è stato scritto dai giornalisti di Cryptonews.com.

 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT