17 mar 2022 · 4 min read

Le crypto possono "potenziare e proteggere gli innocenti"

crypto
Michael Mosier. Fonte: uno screenshot del video 

 

Oggi i senatori degli Stati Uniti ascolteranno una testimonianza sulle crypto e sul suo ruolo nel mondo del crimine, ma un ex funzionario  esperto dell’ente regolatore ha avvertito che i politici che attaccano troppo duramente il settore delle criptovalute rischiano di non valutare gli aspetti positivi.

La commissione per le banche, l'edilizia abitativa e gli affari urbani del Senato si riunisce oggi in una "sessione aperta, formato ibrido", per un'audizione intitolata "Capire il ruolo degli asset digitali nella finanza illecita".

In una testimonianza scritta pre-presentata al comitato, Michael Mosier, l'ex vicedirettore e responsabile dell'innovazione digitale dell'ufficio del Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) del Dipartimento del Tesoro ha avvertito i responsabili politici che "la chiave" era "trovare un [ normativo] che non si limiti a inseguire i cattivi attori, ma prevenga anche lo sfruttamento dei più vulnerabili fin dall'inizio".

Ha ammesso che mentre le criptovalute hanno indubbiamente trovato molti usi nel mondo del crimine, "saremmo ingenui pensare che non siano anche potenti strumenti per potenziare e proteggere gli innocenti".

Ad esempio, ha osservato che nelle ultime settimane "decine di milioni di dollari di criptovalute sono state donate dal pubblico all'Ucraina", aggiungendo che ciò è stato fatto "più velocemente e più aiuti di quelli forniti dalle Nazioni Unite".

"Inoltre", ha affermato Mosier, "la trasparenza dei wallet identificati dal governo su un registro pubblico" aveva fornito quello che ha definito "un sostanziale miglioramento della responsabilità dagli aiuti delle Nazioni Unite attraverso le banche tradizionali".

Ha anche notato:

"L'eccessiva attribuzione della criminalità informatica alle criptovalute manca di modelli operativi significativi e misure preventive che possono essere adottate".

L'ex regolatore, ora consulente legale della società di analisi blockchain Chainalysis, ha affermato che "la criptovaluta è diventata il recente pagamento preferito a causa della velocità e del suo anonimato percepito". La parola in corsivo era cruciale, tuttavia, poiché Mosier affermava che la maggior parte delle transazioni non erano così discrete come presumevano molti aspiranti criminali.

Indipendentemente da ciò, ha notato che "semplifica notevolmente la questione incolpare le criptovalute" per "pagamenti in aumento" in sfere come il ransomware.

Ha osservato che i regolatori farebbero bene a prendere un foglio dal libro dei loro predecessori. Sebbene Internet abbia anche aperto nuove strade per criminali di ogni tipo, ha suggerito, le autorità di regolamentazione si sono mosse con attenzione con le loro risposte.

Ha scritto:

“Non abbiamo deciso di chiudere Internet. Lavoriamo costantemente per trovare l'equilibrio e dare priorità ai rischi".

Non tutti sembrano disposti ad adottare un approccio "equilibrato" verso le crypto

Shane T. Stansbury, il Robinson Everett Distinguished Fellow presso la Duke University School of Law, ha affermato che la combinazione di monete concatenate e l'uso di monete per la privacy, come monero (XMR), erano davvero potenti strumenti di anonimato, che venivano utilizzati dai criminali digitali.

Nella sua stessa testimonianza scritta, Stansbury ha spiegato che "questi e altri metodi di offuscamento" rendono le criptovalute attraenti per l'effettiva esecuzione di crimini come il ransomware, così come "per il riciclaggio di denaro e altri sforzi per nascondere e promuovere la condotta criminale".

Inoltre ha affermato che "il fatto che i criminali adottano questo nuovo strumento non è sorprendente".

Inoltre, l'accademico ha affermato che "la stessa criptovaluta può creare strade completamente nuove per l'attività criminale" - sotto forma di frodi e truffe a base di criptovalute.

Ha spiegato:

“La minaccia non è solo dei criminali ordinari. Gli stati-nazione canaglia si sono rivolti al furto di criptovaluta e ad altri crimini per finanziare i loro regimi, come testimonia il furto di centinaia di milioni di dollari in criptovaluta da parte della Corea del Nord".

Anche Michael Chobanian, presidente della Blockchain Association of Ukraine e fondatore dell'exchange di criptovalute Kuna, è stato invitato a presentare una testimonianza e ha colto l'occasione per chiedere piattaforme di trading di criptovalute per sostenere la causa ucraina nella lotta militare con la Russia.

Nella sua stessa testimonianza, il capo Kuna ha scritto:

“Per fermare la Russia sul suo cammino e realizzare un mondo più democratico con libertà personale attraverso la criptovaluta, facciamo appello agli exchange di criptovalute in tutto il mondo, incluso Binance, per bloccare qualsiasi interazione con individui sanzionati fino alla caduta del regime [del presidente russo Vladimir] Putin e [la] fine dell'aggressione contro l'Ucraina".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- La Fed aumenta il tasso di interesse di 25 punti base
- Nuovi strumenti di screening delle sanzioni per le crypto
- Sanzioni russe: più paesi potrebbero considerare le CBDC
- Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin
- Ucraina lancia una raccolta fondi crypto con l'exchange FTX
- Elliptic identifica indirizzi crypto dei russi sanzionati