Home NewsAltcoin News

L'hack di KuCoin mostra la differenza chiave tra Altcoin e Bitcoin

Di Sead Fadilpašić
L'hack di KuCoin mostra la differenza chiave tra Altcoin e Bitcoin 101
Fonte: Adobe/Michael

Le mosse "senza precedenti" delle altcoin all'indomani dell'hack di KuCoin hanno mostrato che il vecchio adagio "senza chiavi, le monete non sono tue "potrebbe essere vero solo nel caso di criptovalute decentralizzate come bitcoin (BTC) .

Come riportato , in seguito a diverse transazioni anomale notate per la prima volta il 25 settembre, KuCoin ha subito una perdita delle sue chiavi private legate ai suoi portafogli hot, che ha provocato un attacco di milioni di dollari di fondi dei clienti. Secondo un aggiornamento del team KuCoin, con il rilascio di ulteriori indirizzi sospetti, ora sembra che ci siano stati più di 200 milioni di dollari di fondi persi e potrebbe aumentare se vengono rivelati più indirizzi di questo tipo.

Ciò che gli aggiornamenti hanno anche rivelato è che numerosi progetti sono stati scambiati, congelati, invalidati o altrimenti "interferiti" con i loro token, così come i trasferimenti di token. Tali attività includono:

"Il mercato ha mostrato una reazione senza precedenti al recente hack di KuCoin",ha commentato ICO Analytics.

Tuttavia, queste sono anche mosse che molti sostengono non possano essere eseguite con BTC.

"Se puoi bloccarlo, non è 'crypto'," ha detto Dan Held, direttore per la crescita presso il grande exchange criptoKraken . "È completamente centralizzato."

Changpeng Zhao, CEO di un altro importante exchange di criptovalute Binance , tuttavia, ha sfruttato la possibilità per ribadire le sue precedenti affermazioni secondo cui la decentralizzazione non è "binario bianco o nero", ma che la realtà è "di solito un po 'più grigia".

Dopo che Binance è stato violato nel maggio del 2019, Zhao ha anche menzionato la possibilità di annullare alcune delle transazioni BTC al fine di recuperare i fondi persi e "dare una lezione [agli hacker]". Questo ha suscitato un acceso dibattito nell'universo cripto, dimostrando che, in teoria, ciò sarebbe tecnicamente possibile ma sarebbe altrettanto probabile che "tutti i miner smettano di estrarre Bitcoin e lo lascino morire" perché "c'è un enorme incentivo collettivo a non cambiare la storia".

Inoltre, dopo il famigerato DAO hack diEthereum (ETH) nel 2016, la comunità ETH ha deciso in modo controverso di rafforzare la blockchain ETH per ripristinare praticamente tutti i fondi al contratto originale e restituire i token DAO ai detentori di ether.

Nel frattempo, i progetti sopra menzionati hanno fatto le loro mosse presumibilmente centralizzate più velocemente di quanto un'autorità centralizzata tradizionale sia spesso in grado di fare - il che parla sia della superiorità della tecnologia in un certo senso, ma anche del fatto potenzialmente preoccupante che è possibile per un individuo/team prendere queste decisioni ed esercitare questo controllo sul progetto in primo luogo. Si può quindi sostenere che l'unica cosa che si frappone tra i progetti che usano il loro potere per qualcosa che potrebbe essere interpretato come una buona causa (ad esempio fermare un hacker) e usarlo per i propri obiettivi 'non altrettanto buoni' è la benevolenza dell'autorità.

Detto questo, alcuni operatori del settore e osservatori si chiedono se alcune misure, come il congelamento dei token, potrebbero essere utili in alcune situazioni, mentre altre vedono il potere dei progetti come un male necessario, per così dire.

C'è anche una preoccupazione che questa serie di risposte senza precedenti possa diventare una base per il futuro.

Nel frattempo, l'hacker sembra essere rimasto in movimento dopo l'attacco, scambiando altre altcoin rubate con ETH sul protocollo di finanza decentralizzata (DeFi) Uniswap . Tuttavia, ciò lascerebbe ancora tracce sulla blockchain di Ethereum e gli indirizzi associati potrebbero essere potenzialmente bloccati. Tuttavia, la situazione potrebbe anche avere "ripercussioni interessanti", come ha detto Paolo Ardoino, direttore tecnico di Bitfinex e Tether.

Come detto in precedenza, in un live streaming il 26 settembre, il CEO di KuCoin Global, Johnny Lyu, ha assicurato agli utenti interessati che tutte le perdite sarebbero state coperte dalle riserve di rischio dell'exchange. Inoltre, il team ha offerto premi fino a 100.000 USD a chiunque possa fornire informazioni valide sull'hacking.
____

Altre reazioni:

__

__

____
Approfondisci:
US Banks Offering Crypto Custody is 'Insanely' Bullish and Risky
‘If DeFi Collapsed, Bitcoin Would Still Be Bitcoin’
Why DeFi Isn’t Always As Decentralized As You Might Think

Più Articoli