. 4 min read

L’Esperto crypto ha previsto che Bitcoin chiuderà l’anno a $40.000

BTC

Markus Thielen, responsabile della ricerca presso Matrixport e fondatore di DeFi Research, prevede che Bitcoin “raggiungerà i 40.000 dollari, se non addirittura i 45.000, entro la fine dell’anno”.

La sua previsione è supportata da diversi fattori, tra cui il posizionamento del mercato delle opzioni e l’aspettativa di una politica monetaria accomodante da parte della banca centrale degli Stati Uniti, la Federal Reserve.

Il forte aumento di valore di Bitcoin di quest’anno ha attirato l’attenzione degli investitori. Solo nelle ultime quattro settimane, la crypto di maggior valore ha registrato un aumento di quasi il 40%.

Questo rally ha alimentato la domanda di opzioni call, strumenti derivati che conferiscono all’acquirente il diritto di acquistare in futuro l’asset sottostante a un prezzo prestabilito.

Markus Thielen ha notato che l’incremento nella richiesta di opzioni call ha messo i market maker in una posizione vulnerabile. Questi operatori, che solitamente agiscono da controparte nelle operazioni dei clienti, si potrebbero trovare esposti ad ulteriori rialzo nel mercato crypto.

Se i prezzi dovessero continuare a salire, è probabile che questi operatori acquistino Bitcoin per coprire le loro posizioni, contribuendo così ad aumentare la pressione rialzista sul mercato.

Opzioni, inflazione ed ETF spot spingono il rally di Bitcoin


Anche il mercato delle opzioni gioca un ruolo importante nella previsione di Thielen. L’esperto ha sottolineato la presenza di due importanti scadenze di opzioni fissate per il 24 novembre e il 29 dicembre, con un open interest rispettivamente di 3,7 miliardi e 5,4 miliardi di dollari.

La predominanza delle opzioni call rispetto alle put dell’85%, con uno strike price a 40.000 dollari, sostiene il trend al rialzo della crypto.

Lo strike price è il prezzo che gli investitori scelgono quando comprano o vendono opzioni relative ad un asset.

Quando Bitcoin si avvicinerà al livello di 40.000 dollari, un numero maggiore di partecipanti dovrà acquistare la crypto per coprire le proprie posizioni, innescando un ulteriore aumento di prezzo.

“Ci sarà molto interesse a spingere il prezzo verso il livello di 40.000 dollari. Le probabilità di raggiungere questa soglia di prezzo sono elevate”.

Un altro elemento che sostiene la previsione di Thielen riguarda la riduzione del tasso di inflazione negli Stati Uniti e la possibilità che la Federal Reserve tagli i tassi o allenti la liquidità.

La Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse di 525 punti base in un periodo di  14 mesi fino a maggio 2023 per contrastare l’aumento dell’inflazione.

Tuttavia, di recente, l’inflazione ha mostrato una decelerazione, registrando un aumento del 3,2% nell’Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) statunitense nei 12 mesi fino a ottobre.

L’IPC misura la variazione media dei prezzi di un paniere rappresentativo di beni e servizi consumati dalle famiglie, fornendo così un’indicazione dell’andamento dei costi per i consumatori.

Questa tendenza suggerisce che la Federal Reserve stia considerando la possibilità di ridurre i tassi d’interesse per stimolare l’economia e incentivare gli investimenti in asset più rischiosi.

Inoltre Thielen crede che l’attuale tasso di inflazione e i tassi di interesse indichino la possibilità di possibili tagli in futuro. Uno spread del 2,0% tra il tasso di inflazione e i tassi di interesse, potrebbe portare a un taglio dei tassi di 200 punti base l’anno prossimo, e ciò sarebbe positivo per Bitcoin.

Infine, anche l’ottimismo che circonda la possibile approvazione degli ETF Spot su Bitcoin, ovvero che replicano in maniera diretta il valore della crypto, potrebbe contribuire al rialzo del prezzo fino a 40.000 dollari.

Gli analisti di Bloomberg ritengono con una probabilità del 90% che la Securities and Exchange Commission (SEC) approvi uno o più ETF spot prima del 10 gennaio.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Progetti ispirati a Bitcoin


Se Bitcoin proseguirà lo slancio e raggiungerà il livello di 40.000 dollari, anche i token legati alla crypto ne trarranno beneficio.

Uni di questi è Bitcoin Minetrix. Il progetto si trova in fase di prevendita e sta riscontrando molto interesse. Finora ha raccolto 4 milioni di dollari e prevede di essere listato prossimante negli exchange.

 

Bitcoin Minetrix sta catturando l’attenzione degli investitori per il suo sistema innovativo, denominato Stake-to-Mine, che combina le possibilità di guadagno dello staking e del mining in un’unica soluzione.

Dopo aver messo in staking il token $BTCMTX, gli utenti potranno ricevere i crediti convertibili che possono essere utilizzati per acquistare la potenza di hashing, da dedicare all’attività di mining di Bitcoin.

In questo modo, il mining di Bitcoin (sempre più centralizzato) diventa accessibile a tutti e torna a essere redditizio anche per i piccoli investitori.

Il progetto è basato sulla blockchain di Ethereum e questo assicura un alto livello di sicurezza, oltre al fatto che grazie agli smart contract i titolari di $BTCMTX potranno variare a piacimento il periodo desiderato per il mining.

 

Al momento il token $BTCMTX è venduto al prezzo di 0,0116 dollari, ma aumenterà notevolmente una volta listato negli exchange.

È disponibile la nostra guida passo passo con le informazioni su come acquistarlo.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.