28 dic 2021 · 2 min read

Corea del Nord hackera 1,7 miliardi USD di criptovalute

Corea del Nord
Fonte: iStock/pawel.gaul

 

La Corea del Nord "ha hackerato 1,7 miliardi di dollari di criptovalute dagli exchange", affermano i rapporti, e gli esperti dicono che Pyongyang vuole mantenere i token, piuttosto che scambiarli immediatamente con denaro contante.

Secondo Newsis e Chosun, citando dichiarazioni rilasciate dal procuratore federale degli Stati Uniti, gli hacker nordcoreani hanno "cospirato con altri criminali del riciclaggio di denaro" per "rubare crypto" da almeno "tre exchange di asset virtuali", prima di "riciclare i proventi".

Citando i dati della società americana di analisi blockchain Chainalysis e dell'Asan Institute for Policy Studies (un importante think-tank di politica internazionale) con sede in Corea del Sud, i rapporti hanno spiegato che almeno tre casi notevoli di hack di exchange di criptovalute sono stati direttamente collegati alla Corea del Nord – vale a dire un hack su una piattaforma slovena nel 2017, un raid in Indonesia nel 2018 e un hack a New York nel 2020.

Le autorità sudcoreane hanno anche accusato Pyongyang di un attacco del 2017 alla piattaforma nazionale Bithumb. Esperti americani hanno anche accusato Pyongyang di un attacco da 281 milioni di dollari a KuCoin, mentre Seoul afferma che il Nord ha avuto due attacchi nel 2017 all'exchange di criptovalute YouBit con sede in Corea del Sud, che è stato costretto a chiudere dopo il secondo attacco.

Esperti con sede a Seoul e Washington hanno affermato nel 2018 che Pyongyang ha addestrato un gruppo di almeno 20-30 "cyber guerrieri" d'élite, istruendoli ad attaccare impunemente obiettivi crypto occidentali e alleati dell'Occidente.

Alcuni hanno accusato la Corea del Nord di utilizzare i suoi presunti fondi crypto mal generati per pagare programmi di armi, altri invece non ne sono così sicuri e suggeriscono che il Nord potrebbe effettivamente trattenere i suoi fondi, almeno per ora.

Il ricercatore senior dell'Asan Institute for Policy Studies Koh Myung-hyun ha affermato:

"Considerando il fatto che il prezzo di bitcoin (BTC) è aumentato di oltre 60 volte dal 2017, quando gli hacker nordcoreani hanno iniziato a violare seriamente gli exchange di criptovalute, la Corea del Nord sta utilizzando le criptovalute rubate dal punto di vista dell'investimento a lungo termine. Per la Corea del Nord, le criptovalute sono diventate gli unici asset finanziari che possono essere acquisiti, mentre sono soggette a severe sanzioni economiche e [riconosce il suo valore] per scopi legati all'evasione delle sanzioni”.

Tuttavia, il Nord non è disposto a mantenere per sempre la sua scorta di criptovalute, con gli esperti della Corea del Sud che affermano che la "sfida finale per gli hacker nordcoreani" è quella di liquidare le sue "criptovalute rubate".

Dopo aver finalmente convertito i token in denaro, hanno affermato, la Corea del Nord vuole usare i soldi per costruire un'attrazione turistica costiera tanto attesa - la pianificata area turistica di Wonsan-Kalma (i cui dettagli sono stati svelati per la prima volta nel 2014) - così come un nuovo ospedale generale di punta della capitale.
 

____

 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Sicurezza delle criptovalute: previsioni 2022
- North Korea Is Targeting Crypto Users with Spear-Phishing Attacks, Says UN
- North Korean Crypto Hackers Now Target Russian Defense Firms – Report
- Small Crypto Exchanges ‘Low-hanging Fruit’ for North Korean Hackers