20 dic 2021 · 10 min read

Sicurezza delle criptovalute: previsioni 2022

criptovalute
Fonte: Adobe/emretopdemir

_____

_____

  • "La DeFi è ancora un gigantesco laboratorio virtuale di esperimenti in cui muoversi velocemente e rompere le cose nel mondo della finanza è ancora la regola."
  • "Troppe persone non apprezzano la sicurezza" o sono disposte a investire ingenti somme di denaro in piattaforme DeFi non testate.
  • "È molto rischioso mantenere una posizione con leva finanziaria durante tali interruzioni, in quanto tali posizioni possono essere liquidate rapidamente".
  • "Una delle maggiori aree di sicurezza rimane quella della gestione delle private key".

La sicurezza è parte integrante delle criptovalute. Questo forse non è sorprendente per qualcosa che si basa fortemente sulla crittografia, ma con i crypto asset, che ora superano una capitalizzazione di mercato totale di 2 trilioni di dollari, la sicurezza deve essere un problema chiave per ogni exchange, wallet, piattaforma, utente e investitore nel settore.

Tuttavia, troppo spesso questo non sembra essere il caso, con il numero di attacchi hacker nella finanza decentralizzata (DeFi), negli exchange di criptovalute e attacchi ransomware a cui abbiamo assistito quest'anno. Purtroppo, gli operatori del settore, che parlano con Cryptonews.com, prevedono che le cose peggioreranno prima di migliorare, con DeFi, exchange centralizzati, criptovalute e gli stessi utenti che dovranno affrontare molte sfide nel prossimo anno.

Allo stesso tempo, con la maturazione del mercato e l'emergere di nuovi strumenti, la sicurezza offerta da molte piattaforme potrebbe vedere un miglioramento entro la fine del 2022.

Problemi di sicurezza della DeFi

Praticamente tutti i commentatori con cui abbiamo parlato affermano che i problemi di sicurezza della DeFi continueranno a essere una tendenza fino al 2022.

“Non per sembrare troppo drammatico, ma la DeFi è ancora un gigantesco laboratorio virtuale di esperimenti in cui muoversi velocemente e rompere le cose nel mondo della finanza è ancora la regola. Il livello di complessità della modalità "Lego" integrata dei nuovi servizi DeFi consente più spazio per attacchi dannosi o errori umani", Ouriel Ohayon, co-fondatore e CEO del portafoglio crittografico mobile ZenGo.

La DeFi ha numerose caratteristiche interne e stranezze che la rendono matura per problemi di sicurezza o vulnerabilità, e queste probabilmente rimarranno in vigore nel 2022.

David Emm, il principale ricercatore di sicurezza del Global Research and Analysis Team di Kaspersky, ha affermato che “uno dei potenziali problemi con la finanza decentralizzata, in termini di attacchi informatici, deriva dal fatto che, per definizione, non è regolamentata come lo sono le istituzioni finanziarie tradizionali. Il fatto che ci siano organizzazioni con poca esperienza o conoscenza nell'affrontare i problemi di sicurezza informatica aggrava il problema".

Emm spiega che tale inesperienza e sottoregolamentazione lasciano spazio ai criminali informatici per sfruttare la situazione.Inoltre ha aggiunto che "per questo continueremo a vedere attacchi al settore".

I commentatori sono divisi sul fatto che la situazione della sicurezza della DeFi migliorerà o peggiorerà l'anno prossimo. Per Trezor e il Brand Ambassador di SatoshiLabs Josef Tětek, le app DeFi rimarranno soggette a bug ed exploit di vario genere.

Inoltre ha detto a Cryptonews.com che “ciò è dovuto alla tendenza degli sviluppatori DeFi a muoversi velocemente e ad attirare più capitale possibile, sia di tipo investito che a valore bloccato. Inoltre, abbiamo riscontrato bug anche in app di lunga durata come Compound: la complessa architettura dello smart contract offre semplicemente una superficie di attacco troppo ampio".

Allo stesso modo, Paul Sibenik di CipherBlade non è particolarmente fiducioso che le criptovalute vedranno un miglioramento quando si tratta dei problemi di sicurezza della DeFi.

“Non ci aspettiamo che migliori, semmai il contrario. Troppe persone non apprezzano la sicurezza o sono disposte a investire ingenti somme di denaro in piattaforme DeFi che non hanno un ampio track record testato, in particolare per quanto riguarda la sicurezza", ha detto a Cryptonews.com.

All'estremo opposto, alcuni dati del settore sperano che il 2022 assisterà a un graduale miglioramento, con le vulnerabilità della DeFi che diventeranno meno importanti.

Ouriel Ohayon ha affermato che "la buona notizia è che stanno arrivando sul mercato più strumenti per controllare la sicurezza dei progetti, ma anche per aiutare gli investitori a proteggersi dai propri errori".

Allo stesso modo, Chris Harding, il responsabile della conformità di Civic, dice a Cryptonews.com, che mentre la crescita della DeFi attirerà i cattivi operatori, fornirà anche alle piattaforme del settore risorse per rafforzare i loro sistemi.

“Mentre [gli hacker] diventano più scaltri con i loro approcci, anche i team del progetto DeFi lo stanno facendo! I team stanno imparando ogni giorno e la comunità sta collaborando su come proteggersi meglio dai cattivi operatori", ha affermato.

Harding sospetta inoltre che il coinvolgimento dei regolatori possa avere l'effetto positivo di migliorare la sicurezza all'interno della DeFi, nel senso di costringere le piattaforme a introdurre migliori protezioni per gli utenti.

Inoltre ha aggiunto che "di recente, abbiamo visto le linee guida del GAFI sui [fornitori di servizi di asset virtuali] pubblicate, quindi mentre gli Stati Uniti e altri paesi determinano come implementare tali linee guida nella legge, vedremo molti operatori iniziare a dedicare molto tempo ed energie a questioni legali e la conformità è importante".

Exchange continuano a sperimentare interruzioni e problemi tecnici

Alcuni exchange di criptovalute hanno subito attacchi hacker nel 2021, mentre un altro problema di sicurezza comune (almeno per quanto riguarda la protezione del valore delle tue partecipazioni) sono state le interruzioni del servizio, che anche le piattaforme più grandi, come Binance e Coinbase, hanno sperimentato in numerose occasioni quest'anno.

Matt Cutler, CEO e co-fondatore del fornitore di dati blockchain Blocknative ha affermato che “le interruzioni nei principali exchange attestano la crescita quasi esponenziale del volume di trading che abbiamo visto nel corso del 2021, che continuerà ad espandersi solo nel 2022. Questa rapida crescita del volume delle transazioni dovrebbe essere vista come un importante punto di convalida per l'industria delle criptovalute, sebbene i picchi di transazioni drammatici presentino sfide operative per gli exchange e le applicazioni decentralizzate".

Gli osservatori del settore prevedono che le interruzioni degli exchange continueranno a essere una tendenza nel 2022 e, come per i problemi della DeFi, potrebbero vedere solo miglioramenti incrementali nella migliore delle ipotesi.

“Credo che gli exchange continueranno a subire interruzioni nei periodi di forte aumento dei prezzi, semplicemente perché i picchi della domanda possono superare ogni aspettativa. È molto rischioso mantenere una posizione con leva finanziaria durante tali interruzioni poiché tali posizioni possono essere liquidate rapidamente", ha affermato Josef Tětek.

Detto questo, poiché l'industria continua a crescere e maturare (e a mano a mano che la regolamentazione entra in vigore), almeno alcune persone pensano che i problemi degli exchange miglioreranno gradualmente nel corso del prossimo anno.

Ouriel Ohayon ha spiegato che “ogni interruzione è un passo necessario verso un insieme più forte di processi e infrastrutture. Riteniamo che questo ciclo sia inevitabile e persino necessario, affinché l'industria cresca verso uno stato più stabile". (Ulteriori informazioni: Gli exchange di criptovalute aumentano, ma è probabile che le interruzioni continuino)

Una cosa che potrebbe migliorare il problema, almeno in una certa misura, sono gli exchange decentralizzati (DEX), almeno secondo il CEO e co-fondatore di Futureswap Derek Alia.

“I DEX sono infallibili contro queste interruzioni di rete, perché hanno centinaia di migliaia di persone incentivate a far funzionare i nodi della rete per mantenere attivo il sistema, che è molto più resistente che tenerlo in uno o due grandi hub di rete distribuiti in una manciata di posti. Questo è uno dei motivi per cui stai vedendo applicazioni crypto con tempi di inattività quasi pari a zero", ha detto a Cryptonews.com.

Problemi iniziali della piattaforma

Le interruzioni degli exchange sono i tipi di problemi che hanno colpito le piattaforme nascenti come Solana (SOL) e Arbitrum quest'anno. È probabile che questa sia un'altra tendenza importante nel 2022, in particolare quando emergono e si sviluppano nuove reti.

Paul Sibenik ha affermato che "gli investitori continuano a mostrare la volontà di investire significative somme di denaro in progetti relativamente nuovi e/o non sufficientemente collaudati quando pensano che il prezzo aumenterà".

Questa è una visione condivisa in larga misura da Josef Tětek, il quale afferma anche che la ricerca troppo zelante del mercato per la "prossima grande novità" porta al lancio o al rilascio di piattaforme che non sono particolarmente robuste.

“I nuovi progetti di criptovalute di solito adottano la mentalità del ‘vai veloce e rompi le cose’, che inevitabilmente porta, a far in modo che cose prima o poi si rompano. Mentre questo approccio va bene per le startup tecnologiche, è sconsiderato per le tecnologie monetarie", ha affermato.

Per quanto sconsiderato possa essere, i soldi in palio - e la sua crescita esplosiva - portano molte aziende a precipitarsi sul mercato con protocolli imprecisi e questo dovrebbe solo peggiorare (almeno per un periodo) man mano che le criptovalute incontrano più accettazione nel 2022.

Dave Bitcoin, un esperto di criptovalute che gestisce il sito Web walletrecoveryservices.com ha affermato che “investire nelle monete più richieste che sono in competizione tra loro, in particolare i concorrenti ETH come SOL, ADA, DOT, ecc. comporta un rischio aggiuntivo se devono affrontare pressioni per fornire la maggior parte delle funzionalità o la massima velocità di transazione senza dare la priorità alla stabilità. Quindi hanno maggiori possibilità di incontrare un problema di sicurezza o un problema tecnico fintanto che la velocità è al centro dell'attenzione".

Ransomware e altri problemi di sicurezza

Davide Bitcoin afferma che " è difficile indovinare se le cose miglioreranno o peggioreranno in modo significativo entro un anno, quindi immagino che continueremo a vedere occasionali lacune nella sicurezza e problemi tecnici nel 2022, poiché il mercato delle criptovalute continua a vedere molto interesse e attività".

Ci sono altri due problemi di sicurezza che continueranno a essere un problema nel 2022, dal momento che un numero maggiore di neofiti inesperti entra per la prima volta nelle criptovalute.

"Una delle maggiori aree di sicurezza rimane quella della gestione delle private key e dell'acquisizione dell'account dei sistemi basati su password", ha affermato Ouriel Ohayon.

Inoltre ha affermato: “abbiamo visto migliaia di account Coinbase rilevati da un sistema [di autenticazione a due fattori] difettoso, ogni giorno gli investitori perdono (stupidamente) i loro fondi cedendo la loro private key o seed [frase] a un attacco di phishing e in quei casi, anche i wallet hardware non possono proteggerti, gli smart contract codificati in modo dannoso (o meno) possono avere autorizzazioni abusive, che possono svuotare i tuoi wallet, anche con determinati formati NFT".

Il fatto è che il cittadino medio non è un esperto di sicurezza crypto, quindi potrebbe avere difficoltà ad adattarsi all'implacabile sicurezza delle criptovalute. Questo è sempre stato un problema con le criptovalute in una certa misura, ma con un numero maggiore di investitori che affluiscono nel mercato, il 2022 potrebbe potenzialmente vederlo peggiorare.

Un altro problema di sicurezza familiare che potrebbe peggiorare è il ransomware, che secondo David Emms potrebbe peggiorare anche se vengono intraprese azioni per prevenirlo.

“Una tendenza emergente (e preoccupante) che riguarda le criptovalute è il pagamento dei riscatti. Il ransomware è un problema che mette a dura prova le menti non solo delle organizzazioni, ma anche dei governi", ha affermato.

Emms spiega che è possibile che il 2022 possa trovare i governi che cercano di introdurre una regolamentazione relativa al ransomware, per cercare di rendere più difficile il funzionamento delle bande di ransomware. Inoltre ha osservato che "gli Stati Uniti gestiscono già un elenco di società sanzionate che le organizzazioni statunitensi non sono autorizzate a pagare".

Tuttavia, dato che le criptovalute sono ancora un settore molto nuovo, in rapida evoluzione e altamente complesso, è possibile che ci vorrà ancora del tempo per introdurre una legislazione veramente solida e completa che affronti tutte le questioni di sicurezza del settore. Pertanto, aspettati che il 2022 porti una miriade di sfide alla sicurezza, problemi e, si spera, soluzioni.
_____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Per saperne di più: 
- Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?
- Crypto Exchange 2022: più servizi, conformità e concorrenza

- 2022 Crypto Regulation Trends: Focus on DeFi, Stablecoins, NFTs, and More
- Crypto Investment Trends in 2022: Brace for More Institutions and Meme Manias

- Bitcoin e criptovalute nel 2022: aspettative e previsioni
- Temi di investimento in criptovalute nel 2022