28 gen 2022 · 8 min read

Come la crisi ucraina potrebbe influenzare Bitcoin e crypto

Russia Ucraina
Un soldato ucraino in trincea. Fonte: Uno screenshot del video, Youtube/BBC News

 

Ecco come la crisi ucraina potrebbe influenzare il Bitcoin e il mercato delle criptovalute.

  • Il ribasso che abbiamo visto nelle ultime settimane è in gran parte il risultato di altri fattori oltre alle tensioni tra Russia e Ucraina.
  • Gli analisti tendono a pensare che il conflitto armato tra Russia e Ucraina (e forse i loro alleati) farà sicuramente sentire il suo impatto.
  • Tuttavia, anche se potenzialmente sostanziale, la maggior parte degli impatti potrebbe essere relativamente a breve termine nella loro portata.
  • La minaccia di un conflitto armato è una possibilità, ma almeno non dovrebbe essere temuta dai possessori di BTC, secondo gli analisti.

Una crisi è alle porte. Mentre scriviamo queste parole, la Russia sta conducendo esercitazioni militari lungo il suo confine con l'Ucraina, mentre gli Stati Uniti hanno messo in allerta circa 8.500 delle loro truppe, nel caso scoppiasse una guerra nell'Europa orientale.

La tensione tra Russia e Ucraina sulla possibile adesione di quest'ultima alla NATO ha raggiunto nuove vette negli ultimi giorni, e mentre sono in corso colloqui tra i rappresentanti delle due nazioni, la situazione rimane decisamente incerta. E dato quanto il mondo sia diventato interconnesso negli ultimi decenni, la situazione rimane incerta anche per i mercati finanziari, cripto comprese.

Ebbene, secondo una vasta gamma di analisti che parlano con Cryptonews.com, l'impatto della crisi Ucraina-Russia - e il suo potenziale peggioramento - sul mercato delle criptovalute potrebbe non essere così drammatico come si teme. Tuttavia, questo è in gran parte dovuto al fatto che altri fattori, soprattutto macroeconomici, stanno appesantendo il mercato al momento.

L'impatto limitato della crisi ucraina sulle criptovalute

Fino ad ora, la crisi ha avuto un certo impatto sui mercati finanziari, compreso il mercato crypto. Detto questo, la maggior parte degli osservatori dicono che il ribasso che abbiamo visto nelle ultime settimane è in gran parte il risultato di altri fattori oltre alle tensioni Russia-Ucraina.

"Mentre la crisi in Ucraina ha certamente un impatto sui mercati azionari, è importante notare la confluenza di molteplici fattori che attualmente influenzano l'economia globale. Questi includono la continua diffusione del COVID-19, lo shock negativo del lavoro e della catena di approvvigionamento, le preoccupazioni per l'inflazione, la Federal Reserve (Fed) che annuncia la sua intenzione di aumentare i tassi di interesse, e la persistente disuguaglianza economica", dice Mark Elenowitz, il presidente della società fintech Horizon con sede a Zugo.

Egli suggerisce che, mentre la crisi ucraina può causare qualche preoccupazione tra gli investitori, l'attuale ribasso trova probabilmente le sue cause primarie in tendenze molto più profonde e sistemiche. Questa è anche l'opinione di Marc Chandler, amministratore delegato di Bannockburn Global Forex, che dice che a parte le obbligazioni russe e ucraine (e il rublo russo), l'impatto è "secondario al massimo".

"Due ragioni, penso: in primo luogo ci sono problemi immediati più grandi per gli investitori come la riunione della Fed e l'inasprimento aggressivo che molti anticipano; in più il mercato era sopravvalutato dalla maggior parte delle stime. In secondo luogo, guardate cosa è successo nel febbraio e marzo 2014 quando la Russia ha invaso l'Ucraina, preso e annesso la Crimea", ha detto a Cryptonews.com.

Nel 2014, l'annessione della Crimea da parte della Russia e le incursioni in Ucraina hanno effettivamente avuto un effetto negativo sui mercati azionari di tutto il mondo, con i mercati europei e quelli russi in particolare più colpiti. Tuttavia, l'effetto è stato relativamente breve, soprattutto negli Stati Uniti, dove l'S&P 500 ha chiuso l'anno ai massimi storici.

Infatti, la maggior parte degli analisti dice che il mercato delle crypto dovrebbe preoccuparsi di altre cose in questo momento.

"I mercati azionari e le criptovalute stanno scendendo principalmente perché sono saliti molto, in particolare il mercato azionario statunitense", ha detto Mike McGlone, analista di Bloomberg Intelligence. "Penso che la Fed abbia raggiunto i suoi limiti, come indicato dal 13% degli Stati Uniti [indice dei prezzi alla produzione] che ha raggiunto un massimo da 40 anni a questa parte".

McGlone osserva che la Federal Reserve ha il mandato di combattere l'inflazione e che "le criptovalute sono tra i beni più speculativi e gonfiati" là fuori, il che significa che sono destinate a soffrire in caso di un forte aumento dei tassi di interesse. D'altra parte, egli sostiene che bitcoin è "la crypto meno rischiosa" e che potrebbe alla fine sostituire l'oro come asset privo di rischio.

McGlone accetta anche che la crisi ucraina ha avuto un certo impatto sulle criptovalute, anche se non è stato il fattore principale delle recenti scivolate. Questo è anche il punto di vista dell'analista e autore Glen Goodman, che fa notare che da molti mesi il mercato delle criptovalute è fortemente correlato con le azioni americane più piccole.

"Durante il ribasso di gennaio, bitcoin si muoveva quasi di pari passo con le azioni small-cap americane. La crisi ucraina sta pesando sulle valutazioni della maggior parte degli asset considerati nella categoria 'rischiosa', che include molte azioni e quasi tutte le criptovalute", ha detto Glen Goodman a Cryptonews.com.

E se ci fosse una guerra?

Ma mentre la maggior parte degli analisti ritiene che la crisi ucraina fino ad ora non ha avuto un impatto sostanziale sulle criptovalute, tendono anche a pensare che un conflitto armato diretto tra Russia e Ucraina (e forse i loro alleati) farà sicuramente sentire il suo impatto.

"Se dovesse verificarsi un conflitto armato, i mercati delle criptovalute potrebbero certamente vedere un calo significativo, anche se, a mio parere, è probabile che questo sia causato indirettamente attraverso l'impatto del conflitto sui mercati del petrolio e del cibo. Un conflitto armato causerebbe probabilmente carenze di cibo attraverso interruzioni della catena di approvvigionamento", ha detto Mark Elenowitz. 

Egli suggerisce anche che le sanzioni imposte contro la Russia avrebbero probabilmente l'effetto di tagliare un importante oleodotto verso l'Europa, causando potenzialmente un aumento dei prezzi del gas e del petrolio.

"Poiché le criptovalute sono diventate molto più correlate ai mercati tradizionali negli ultimi due anni, se questi prezzi delle materie prime vengono colpiti, è probabile che anche i prezzi delle criptovalute siano influenzati a breve termine", ha aggiunto.

Altri osservatori dicono che, anche se potenzialmente sostanziale, la maggior parte degli impatti sarà relativamente a breve termine nella loro portata.

"La storia ci dice che i mercati azionari inizialmente reagiscono male ai conflitti armati che coinvolgono i paesi occidentali, e possiamo aspettarci che le crypto seguano il mercato azionario verso il basso. Ma la buona notizia è che l'impatto negativo sui mercati tende ad essere di breve durata", ha detto Glen Goodman, che ha aggiunto che i mercati tendono a recuperare rapidamente una volta che gli investitori si rendono conto che la crescita economica occidentale continua senza sosta.

Questa è una presa abbastanza ottimista, tuttavia alcuni analisti non pensano che l'attuale crisi Ucraina-Russia possa degenerare in una guerra.

"Penso che un conflitto armato in piena regola sia improbabile, però il petrolio grezzo e il grano si stanno apprezzando per i rischi di uno dei più grandi esportatori di petrolio grezzo del mondo - la Russia - che minaccia di invadere uno dei più grandi esportatori di grano del mondo - l'Ucraina", ha detto Mike McGlone.

Per il CEO di Blockchain Coinvestors, Lou Kerner, la minaccia di un conflitto armato è una possibilità, ma almeno non dovrebbe essere temuta dai possessori di BTC.

"Durante i periodi di guerra, l'oro si comporta molto bene, quindi il bitcoin dovrebbe disaccoppiare dalle azioni e scambiare al rialzo se la crisi scende in un conflitto armato", ha detto a Cryptonews.com.

Bitcoin è stato a lungo considerato come "oro digitale" da molti analisti all'interno del settore crypto, tuttavia alcuni commentatori continuano a insistere che ha più in comune con le azioni e altri asset di rischio, il che significa che gli investitori non dovrebbero essere così sicuri che rimarrà indenne se la Russia e l'Ucraina si bloccano.

"Penso che le crypto si siano mostrate più recentemente come asset di rischio piuttosto che come copertura dell'inflazione", ha detto Marc Chandler. "Forse l'asset class non è stata in giro abbastanza a lungo per vedere relazioni 'a lungo termine'".

Recupero per bitcoin e criptovalute

Supponendo che la crisi Ucraina-Russia scenda davvero in conflitto, i commentatori continuano a dire che la capacità del mercato delle criptovalute di recuperare dipenderà più da fattori macroeconomici che da un qualche tipo di accordo politico o cessate il fuoco.

"Il fattore principale che appesantisce i mercati è la prospettiva di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti e in tutto il mondo occidentale. La maggior parte delle guerre che coinvolgono i paesi occidentali hanno un impatto economico molto più piccolo dei grandi aumenti dei tassi", ha detto Glen Goodman. 

In altre parole, non aspettatevi una ripresa del mercato crypto fino a quando certe minacce macroeconomiche - inflazione, aumento dei tassi di interesse - non si saranno placate. Detto questo, Mike McGlone dice che, almeno per bitcoin, il futuro a medio-lungo termine sembra luminoso.

"Penso che il ribasso di bitcoin sia limitato sotto i 30.000 dollari e ora sta probabilmente costruendo una base per la prossima grande soglia chiave intorno ai 100.000 dollari. Bitcoin è una frazione molto piccola dei portfolio globali e la maggior parte dei gestori si sta rendendo conto dei rischi e sta rimanendo su allocazioni zero alla rivoluzionaria tecnologia/asset, in particolare rispetto alla maggior parte delle posizioni azionarie, che possono essere diventate un po' gonfie, soprattutto con le obbligazioni che forniscono poco rendimento", ha detto.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Fed conferma programma di Tapering: BTC, ETH e azioni calano
- Cosa accadrà a Bitcoin in un ambiente di aumento dei tassi?

- IMF Warns of Dangers of Fed’s Rate Rise, Brazil Says Inflation ‘Won’t Be Temporary in West’
- Putin Talks up Russia’s Crypto Credentials as Ukraine Tension Mount
- Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?

- Most Russian, Ukrainian Crypto Is Sent Abroad
- Adozione DeFi spinta da investitori in paesi ad alto reddito