10 ott 2021 · 8 min read

Bitcoin e cripto riducono la disuguaglianza di ricchezza

disuguaglianza di ricchezza
Fonte: Adobe/Kara

Si sostiene che Bitcoin, insieme alle criptovalute, offra una serie di vantaggi.

  • Quando le persone adottano Bitcoin, non possono più essere calpestate dalla "politica monetaria".
  • "Quando l'uomo nel mezzo è al comando, la stragrande maggioranza della creazione di ricchezza va all'uomo nel mezzo".
  • "La crescita delle criptovalute e della finanza decentralizzata faciliterà il trasferimento di ricchezza".
  • "Lo spazio cripto non è esente da problemi di concentrazione della ricchezza, ma è un'alternativa al sistema esistente".

Per quanto grave fosse già, la disuguaglianza di ricchezza sembra peggiorare. Che si parli di disparità di reddito o di ricchezza, il divario tra i più ricchi e i più poveri sembra aumentare nel tempo, nonostante gli sforzi apparentemente "ben intenzionati" dei governi per intervenire a favore delle persone svantaggiate.

Bitcoin (BTC) e la criptovaluta in generale possono aiutare in questo? Mentre i critici sosterrebbero che la proprietà concentrata di BTC lo rende un improbabile salvatore dei poveri, i sostenitori e i partecipanti alla criptovaluta suggerirebbero che ha un ruolo importante da svolgere almeno nel far pendere la bilancia in una direzione più equa.

In effetti, gli operatori del settore che parlano con Cryptonews.com sostengono che Bitcoin offre una serie di vantaggi, dalla rimozione degli intermediari che scremano la parte superiore alla prevenzione della stampa eccessiva di denaro e dell'inflazione. Naturalmente, non tutti coloro che lavorano all'interno delle criptovalute credono che Bitcoin arriverà al punto di "riparare" la disuguaglianza (tra gli altri problemi), ma la maggior parte dei dati del settore afferma che ha il potenziale per aiutare a trasferire ricchezza alle generazioni più giovani e per fermare gli effetti di Cantillon a beneficio esclusivo Wall Street e altri centri finanziari.

Fermare l'inflazione, contrastare gli effetti Cantillon, favorire una maggiore partecipazione

Samson Mow, Responsabile della Strategia Principale di Blockstream, non ha dubbi sul fatto che Bitcoin possa aiutare con la disuguaglianza, in gran parte a causa della sua fornitura massima fissa di 21 milioni di BTC.

“La disuguaglianza è un grosso problema e Bitcoin lo risolve. Molti paesi usano il dollaro USA come valuta, ma quando la stampante di denaro [della Federal Reserve degli Stati Uniti] fa brrrrr, quei paesi e i loro cittadini non traggono alcun vantaggio", ha detto a Cryptonews.com.

In particolare, Mow sostiene che la stampa di denaro - che è diventata sempre più comune a seguito della crisi finanziaria del 2007-8 e dell'attuale pandemia da Covid-19 - avvantaggia solo marginalmente la popolazione generale, principalmente attraverso alcuni effetti a cascata e il costruzione di infrastrutture.

"Tuttavia, poiché le persone in tutto il mondo si ritirano dal sistema monetario fiat e adottano Bitcoin, non possono più essere calpestate dalla "politica monetaria"", ha affermato.

Altre persone all'interno del settore concordano sul fatto che l'attuale politica monetaria avvantaggia in modo sproporzionato le élite e i già ricchi, e che Bitcoin può sempre più fungere da contrappeso a questo. Ad esempio, l'educatore e autore di Bitcoin Jimmy Song concorda sul fatto che la disuguaglianza di opportunità è un grosso problema nel mondo di oggi e che Bitcoin, ma non necessariamente la maggior parte delle altcoin, può servire da correttivo a questo.

“Gli effetti di Cantillon sono naturalmente un fattore enorme nel determinare la disuguaglianza di opportunità perché solo i connessi o i troppo-grandi-per-fallire ottengono tassi di interesse o salvataggi/sovvenzioni ultra bassi. Bitcoin rimuove gli effetti di Cantillon, quindi penso che correggerebbe almeno quell'ingiustizia", ​​ha detto a Cryptonews.com.

L'effetto significa essenzialmente che la stampa di denaro avvantaggia alcune parti mentre svantaggia altre.

Altri partecipanti al settore indicano altri meccanismi che indicano che la criptovaluta può aiutare a ridurre la disuguaglianza.

“I telefoni cellulari sono diffusi nei mercati con un numero elevato di persone non bancarie o sottobancarie. Ora che chiunque abbia uno smartphone può avere anche un portafoglio digitale, sarà molto più facile salvare, investire e costruire un portafoglio, senza dover navigare nelle complessità del sistema finanziario formale", ha affermato Yoni Assia, Amministratore Delegato e Co- fondatore di eToro.

Assia indica anche altri due fattori che potrebbero entrare in gioco nel caso in cui la criptovaluta aiuti a ridurre la disuguaglianza finanziaria, la maggior parte dei quali ruota attorno alla riduzione delle barriere alla partecipazione al sistema finanziario.

“Blockchain ha dato origine a un sistema finanziario parallelo senza confini, libero dal controllo centrale e globale. La finanza decentralizzata è disponibile per tutti, anche per coloro che non hanno mai avuto accesso ai mercati finanziari prima", ha detto a Cryptonews.com.

Nota inoltre che la criptovaluta e gli asset digitali hanno reso la finanza più attraente per le generazioni più giovani, cosa che le aiuterà a interessarsi a investire prima e a creare asset che aumenteranno di valore nel tempo.

Più in generale, Lou Kerner, analista capo di Quantum Economics, osserva che Bitcoin e criptovaluta offrono il vantaggio di rimuovere gli intermediari e di risolvere i problemi finanziari più a beneficio della comunità partecipante.

“Quando l'uomo nel mezzo è al comando, la stragrande maggioranza della creazione di ricchezza va all'uomo nel mezzo e a quelli a lui vicini (noto anche come effetto Cantillon). Ora possiamo creare collettivamente ricchezza e distribuirla in un modo più "equo"", ha detto a Cryptonews.com.

Trasferimenti di ricchezza

In una certa misura, alcuni commentatori affermano che Bitcoin e criptovaluta possono aiutare a facilitare i trasferimenti di ricchezza dai dati demografici più ricchi a quelli meno fortunati.

“Forse il modo migliore in cui Bitcoin e criptovalute hanno, e probabilmente continueranno ad alleviare la disuguaglianza, è con il loro potenziale di guadagni fuori misura senza il tipo di restrizioni e la mancanza di accessibilità che caratterizzano le opportunità di investimento tradizionali. I primi ad adottare le criptovalute hanno visto molteplici guadagni e stiamo attivamente assistendo a uno dei più grandi eventi di creazione e trasferimento di ricchezza nella storia del mondo", ha affermato Jay Hao, Amministratore Delegato di OKEx.

Tale trasferimento di ricchezza può potenzialmente avvenire in due modi:

  1. poiché le generazioni più giovani tendono ad essere le prime ad adottare le criptovalute, possono beneficiarne a spese degli investitori più anziani che vengono più tardi alla "festa" (e portano le loro borse);
  2. perché le criptovalute abbattono le barriere alla partecipazione.

Come osserva Yoni Assia, circa 1,7 miliardi della popolazione mondiale rimane senza banca, mentre 5,5 miliardi sono non bancabili, un problema che affligge sia le persone nelle economie in via di sviluppo che quelle sviluppate.

"La crescita delle criptovalute e della finanza decentralizzata faciliterà il trasferimento di ricchezza dalle nazioni ricche alle economie in via di sviluppo, così come attraverso le generazioni. I confini non contano più. Ogni persona, ovunque, indipendentemente dall'età, dallo stato o dallo stato nazionale, può detenere risorse digitali. Questo non è il caso attualmente con le valute legali e gli asset tradizionali", ha affermato.

Per Assia, la trasformazione facilitata dalle criptovalute "ha il potenziale per creare nuovi tipi di flussi di denaro e per consentire soluzioni alla disuguaglianza che non sono mai state possibili prima". Suggerisce anche che un reddito di base universale può diventare un concetto fattibile in un'economia decentralizzata, con eToro che sponsorizza GoodDollar.org e la sua campagna di un anno di utilizzo della tecnologia blockchain per fornire un reddito di base a 300.000 persone in oltre 180 paesi.

Concentrazioni di ricchezza, in cerca di pubblicità

Naturalmente, non tutti credono che Bitcoin aiuterà ad alleviare la disuguaglianza, mentre anche alcuni all'interno del settore consiglierebbero ai colleghi di non entusiasmarsi troppo per il potenziale della criptovaluta in questo senso.

"Sebbene Bitcoin e le criptovalute abbiano certamente il potenziale per sfidare lo status quo e scuotere le cose, è forse un approccio troppo idealistico pensare di poter "aggiustare" la disuguaglianza della ricchezza globale", ha affermato Jay Hao.

Il noto scettico sulle criptovalute David Gerard andrebbe anche oltre questa critica, suggerendo che i promotori di Bitcoin si sono attaccati al problema della disuguaglianza (così come a molti altri problemi) e hanno dichiarato allegramente che "Bitcoin risolve questo!" senza presentare alcun tipo di piano coerente su come risolvere questo problema nella pratica.

“È fondamentalmente poco plausibile che Bitcoin possa essere utile per alleviare la disuguaglianza. Bitcoin è stato creato come denaro per servire uno scopo politico: liberare denaro dal controllo dei governi, nella convinzione che il capitalismo completamente sfrenato fosse un bene per il mondo", ha affermato.

Gerard sostiene che l'assenza di restrizioni al capitalismo è convenzionalmente ritenuta la causa principale dell'aumento della disuguaglianza e che Bitcoin rimuove ancora più restrizioni.

“Bitcoin è stato espressamente progettato e sostenuto per promuovere il tipo di comportamento che peggiora la disuguaglianza. Penso che i bitcoiner che dicono questo stiano pensando principalmente alle loro partecipazioni", ha aggiunto.

Un altro problema è la concentrazione della proprietà, ma mentre le figure all'interno del settore concordano sul fatto che questo è un problema, dicono che sarà alleviato e ridotto nel tempo. Per Yoni Assia, indica un'asset class nelle prime fasi della sua vita piuttosto che un problema sistemico.

“Penso che sia più rilevante guardare la tendenza. Attualmente più di 100 milioni di persone in tutto il mondo detengono criptovalute e l'adozione sta crescendo più rapidamente nei mercati emergenti meno serviti dai servizi finanziari esistenti, inclusa gran parte dell'Africa", ha affermato.

Più in generale, Jay Hao ribadisce la possibilità che le criptovalute abbattano le barriere all'ingresso, cosa che da sola dovrebbe aiutare con la disuguaglianza, anche se solo in misura relativamente modesta.

ha concluso,

“Questo spazio non è privo di problemi di concentrazione della ricchezza, ma è un'alternativa al sistema esistente, ha meno barriere all'ingresso e livella il campo di gioco per un numero maggiore di partecipanti. Alla fine, rompe la presa monopolistica del sistema finanziario tradizionale e questo di per sé è un'impresa importante".

_________

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

__
Per saperne di più:
- CDO e la crisi finanziaria globale del 2007-09   
- Will Bitcoin End The State?

- Perché la valuta Fiat è più confusa delle criptovalute 
- Bitcoin è denaro più "pubblico" delle valute Fiat emesse dalla banca centrale
- How the Rich Get Richer