Home In EsclusivaIn Primo Piano

Come funziona lo Staking?

Di Alex Lielacher
Come funziona lo Staking? 101
Fonte: iStock/Pogonici

Oggigiorno sembra che tutti stiano parlando dello staking di criptovalute. Poiché continua a crescere in popolarità , gli exchange in tutto il mondo sembrano essere in fila per offrire ai propri clienti servizi di staking - con un buon numero di acquirenti tra la loro clientela.

In effetti, Mirko Schmiedl, CEO di StakingRewards.com afferma che una rivoluzione dello staking è ormai scritta nel destino, dicendo a Cryptonews :

“Il mercato dello staking esploderà. Verranno creati altri prodotti finanziari con staking integrato. "

Ma Schmiedl ammette che lo staking è facilmente "frainteso".

Quindi, se sei una delle tante persone là fuori che non hanno mai afferrato il concetto dello staking - o hai problemi a capire di cosa si tratta, ecco una guida di base per spiegare come funziona e alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a iniziare se decidi di iniziare a fare staking.

Che cos'è lo staking?

Staking si riferisce al "bloccare" l'asset digitale di una rete al fine di migliorare l'efficacia di una rete blockchain. Questo blocco dei fondi è ciò che dà il nome all'azione, poiché i partecipanti devono prima fare una "stake".

In cambio dello staking di fondi e dell'aiuto nel proteggere la rete, i partecipanti sono spesso autorizzati a ricevere una quota dei premi del blocco.

Gli operatori di rete blockchain utilizzano in genere lo staking in due modi.

Il primo modo è quello di sfruttarlo come meccanismo di consenso. Le reti blockchain richiedono uno strumento che consenta ai loro partecipanti di concordare lo stato finale del ledger e di coordinare le loro azioni in modo decentralizzato.

Questo meccanismo di consenso è spesso chiamato proof-of-stake (PoS). Contrariamente alla proof of work (PoW), che prevede l'uso della potenza computazionale per risolvere complesse equazioni matematiche, la PoS richiede ai partecipanti di versare una quantità minima di fondi per consentire l'aggiunta di un nuovo blocco al ledger.

I partecipanti a questo tipo di iniziativa sono chiamati validatori. In cambio dei loro sforzi nell'attestare la veridicità delle transazioni, i validatori ricevono ricompense in blocchi, simili a quelle delle PoW, quando i minatori ottengono, ad esempio, bitcoin.

La PoS si è svolta per la prima volta sulla rete Peercoin .

Peercoin è stato creato da Sunny King e Scott Nadal e ha iniziato come piattaforma ibrida blockchain, sfruttando sia PoS che PoW. La rete ha gradualmente eliminato la PoW e attualmente sfrutta solo PoS.

Lo staking come meccanismo di consenso ha iniziato ad attirare una notevole quantità di attenzione nel settore cripto quando è stato rivelato che Ethereum stava lavorando per il passaggio dal suo meccanismo di consenso PoW a quello PoS.

Quando Ethereum 2.0 verrà infine avviato, la rete Ethereum dipenderà completamente dal PoS.

Il secondo scenario in cui viene sfruttato lo staking è nei masternodes.

I Masternodes sono nodi specializzati che consentono a una rete blockchain di introdurre nuove funzionalità nella sua architettura.

I masternodes hanno fatto il loro debutto nell'ecosistema Dash , dove sono stati utilizzati per supportare le transazioni private.

Gli utenti che hanno creato 1.000 token Dash si sono guadagnati il diritto di eseguire nodi con maggiori responsabilità. Come profitto, gli operatori masternode avevano diritto a maggiori premi.

I masternode di Dash sono stati un tale successo che diverse reti blockchain rivali hanno iniziato a emulare il loro successo.

L'importanza dello staking per le reti cripto

L'uso dello staking come meccanismo di consenso è stato lodato da molti nel settore delle criptovalute grazie a una serie di fattori.

In primo luogo, la proof-of-stake è efficiente dal punto di vista energetico. Non richiede potere computazionale per risolvere equazioni matematiche. Di conseguenza, le reti PoS consumano solo una piccola percentuale dell'energia consumata da una piattaforma blockchain PoW che consuma invece energia. Nel mondo di oggi sempre più eco-consapevole, questo aspetto è un notevole vantaggio.

In secondo luogo, i sostenitori del PoS ritengono che questo meccanismo sia più sicuro di altri meccanismi di consenso, in particolare la PoW. Un certo numero di blockchain più piccole che impiegano PoW sono cadute vittima del attacchi del 51% .

Ciò è possibile nella PoW perché il consenso viene creato attraverso una raccolta di potere computazionale. Pertanto, se il cattivo attore in questione è in grado di distribuire con successo più potenza hash rispetto alla maggior frequenza hash, egli può prendere il controllo della rete. (Tuttavia, nel caso di Bitcoin, un'ora di un attacco a questa rete costerebbe più di 800.000 USD, secondo crypto51.app, e sostanzialmente consentirebbe solo una doppia spesa, mentre non consentirebbe all'aggressore di rubare le monete di tutti.)

Con la PoS, tuttavia, funziona in modo diverso. Ciò è dovuto alle quantità proibitive di fondi che un aggressore dovrebbe mettere come stake per lanciare con successo un attacco del 51%.

Inoltre, l'aggressore penalizzerebbe il valore delle proprie stesse partecipazioni, annullando effettivamente il vantaggio stesso di condurre un attacco del 51%.

Come spiega il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin in in un post sul blog ,

La "filosofia in una singola frase" della proof-of-stake non è "la sicurezza viene dal bruciare energia ", ma piuttosto da "la sicurezza viene dall'aumentare il valore economico della perdita".

(Tuttavia, il dibattito PoW vs. PoS non finisce mai. Ulteriori informazioni: Vitalik Buterin vs. Proof of Work Camp )

Per i masternode, lo staking è vantaggioso in quanto consente alle reti blockchain di introdurre nuove caratteristiche senza eseguire complesse revisioni architettoniche.

La rete Dash precedentemente menzionata, ad esempio, ha introdotto masternodes per supportare le transazioni private. E un'altra rete blockchain, Syscoin, utilizza i masternodes per sostenere il suo mercato decentralizzato.

"Il mercato esploderà"

Le persone che scelgono di partecipare all'economia staking - attraverso una rete PoS o tramite masternodes - lo fanno di solito per motivi economici. Contrariamente alla credenza popolare, lo staking è tutt'altro che passivo. A differenza dell' HODLing, lo stake ti consente di generare un profitto da fondi che altrimenti resterebbero probabilmente inattivi.

Inoltre, i sostenitori dello staking ritengono che sia un modo sicuro per guadagnare entrate dalle partecipazioni in criptovalute.

Il proprietario non perde mai il controllo sui token accomulati per lo staking, diversamente da una serie di altre attività per fare profitti. Inoltre, è generalmente facile prelevare i fondi dello staking se e quando ne hai bisogno.

Schmiedl, lo stesso fondatore di una piattaforma di analisi dello staking, è naturalmente rialzista riguardo alle prospettive future del settore dello staking.

Dice a Cryptonews.com :

“Il mercato dello staking esploderà nei prossimi anni, poiché ogni nuova blockchain si basa senza eccezioni su Proof-of-Stake e layer-2. Vedremo sempre più prodotti finanziari creati con staking integrato e diminuirà l'attrito per gli investitori al dettaglio che vogliono mantenere la loro custodia e liquidità. "

Possibili insidie ​​

Come tutto nella vita, anche lo staking ha i suoi svantaggi.

Prima di tutto, le ricompense dello staking sono in genere pagate nel token nativo della rete blockchain in questione. Pertanto, gli individui che desiderano ottenere un profitto attraverso il gettone devono valutare l'ecosistema nel suo insieme, anziché semplicemente guardare al ritorno sugli investimenti (ROI) previsto di una staking coin.

In altre parole, se il ROI di una moneta trattabile è molto alto ma la moneta ha una capitalizzazione di mercato e volumi di trading molto bassi, probabilmente sarebbe meglio evitarla - poiché sarà difficile incassare i token che hai guadagnato senza seriamente sconvolgere il mercato.

Inoltre, se la criptovaluta con cui stai facendo staking non riesce ad aumentare di valore o perlomeno a mantenerne il valore, probabilmente perderai denaro. Questo perché l'"interesse" guadagnato sotto forma di nuovi token potrebbe non compensare il calo del valore di mercato.

In altre parole, vale la pena essere pignoli.

Sui potenziali rischi, Schmiedl dice:

“lo staking è ancora frainteso da molti utenti. È importante esaminare il rapporto rischio-rendimento della partecipazione. Ogni asset ha molte opzioni di ricompensa. "

Se riesci a scegliere il token giusto, la puntata può essere un modo eccellente per guadagnare entrate da investimenti. Tuttavia, proprio come qualsiasi tipo di investimento, i rischi abbondano, la conoscenza è regina - e gli sciocchi si precipitano a camminare dove gli angeli invece sono timorosi di passare.
____

Scopri di più:
The Top 6 Do's And Don'ts of Staking
Staking Market Growth and Dangers

Più Articoli