2023-02-20T16:57:45+00:00 . 1 min read

I procuratori cinesi inchiodano 40 truffatori crypto – Che cosa è successo?

Cina

In Cina 40 presunti truffatori crypto stanno affrontando un processo, mentre 10 sono già in attesa di giudizio.

Secondo quanto riferito dal media Jimu News, 10 dei presunti truffatori sono stati processati presso la sede di Enshi (provincia di Hubei) della Corte del Popolo con l’accusa di frode. La procura sostiene che la “banda” di presunti truffatori ha operato negli anni 2020 e 2021.

L’agenzia ha affermato che gli ideatori della banda si chiamavano Ma e Xie. Il tribunale ha sentito che il duo ha “creato” una piattaforma di trading crypto fasulla chiamata FXcoin, usando come “esca” “alti tassi di leva” e “alti rendimenti”. Avrebbero poi detto alle vittime che potevano aspettarsi enormi guadagni “comprando” Bitcoin “ai massimi e ai minimi”.

Inoltre il tribunale ha appreso che le vittime sono state prese in giro dalla banda, che ha concesso “piccoli ribassi” per “ingannare le vittime e indurle ad aumentare il capitale”.

Un gruppo di 40 truffatori crypto diviso in “sottounità”

Inoltre i procuratori hanno affermato che la banda era divisa in tre “sottounità”. Queste hanno iniziato a operare indipendentemente l’una dall’altra e nel complesso hanno accumulato un totale di circa 1,5 milioni di dollari dalle loro vittime.

Le vittime del gruppo erano principalmente cinesi, ma sembra che anche alcuni investitori stranieri siano caduti nella presunta truffa. Il tribunale ha sentito che tra le vittime c’erano persone con sede a Hainan, nella provincia di Jiangxi, nella prefettura autonoma di Xishuangbanna Dai e in Myanmar.

I procuratori hanno fornito prove a sostegno delle loro affermazioni, tra cui le chat di gruppo della piattaforma di app di chat WeChat. Il gruppo sembra aver utilizzato anche siti web e applicazioni fasulle progettate per sembrare piattaforme di trading crypto autentiche.

Il gruppo, ad esempio, avrebbe creato siti falsi per assomigliare alla piattaforma di trading latino-americana Buda e all’exchange crypto giapponese Zaif.

Inoltre il media ha sottolineato che le tre “sottounità” sono state processate separatamente, “a causa del gran numero di persone coinvolte” e della “complessità del caso”.

Leggi anche

 

 

 

 

Segui Cryptonews Italia sui canali Social

   
20 febbraio 2023 17:57 CET

Articoli consigliati