Home NewsBlockchain News

In una ricerca "Imparziale", Binance critica Ethereum ed elogia la propria catena

Di Sead Fadilpašić
In una ricerca "Imparziale", Binance critica Ethereum ed elogia la propria catena 101
Source: iStock/kyoshino

L'importante exchange cripto Binance ha pubblicato il suo report che confronta e analizza una serie di token standard attraverso blockchain: l'influente società sta lodando il proprio prodotto lanciato di recente, criticando molti altri".

Dopo aver discusso degli standard dei token in più di venti blockchain e architetture di secondo livello, come afferma il rapporto, si concentra quindi sulle "blockchain più grandi e più utilizzate" che supportano dapps (come classificato da DApp.Review), che sono:Ethereum, Tron, EOS, IOST, Steemit, Ontology, NEO, Tomochain, e Binance Chain, la blockchain nativa di Binance di cinque mesi. Tuttavia, l'elenco non include alcuni importanti progetti come Ethereum Classic (15° per capitalizzazione di mercato), che supporta anche dapps, ma include Tomochain (116° per capitalizzazione di mercato), che ha recentemente contribuito con 3,000 TOMO a BNB (circa USD 2,000), il token nativo di Binance, attraverso l'iniziativa Binance Charity.

Binance Research afferma di "fornire analisi approfondite e approfondimenti basati sui dati delle risorse digitali generando rapporti di ricerca imparziali e di livello istituzionale per gli investitori nello spazio cripto".

Il rapporto descrive Ethereum, con le sue "centinaia di migliaia" di token emessi e molti standard di token in corso o sviluppati, come "la blockchain attualmente più utilizzata al mondo" dagli sviluppatori che intendono emettere nuovi token. Disegna anche una linea e da un lato mette lo standard costruito, che è "una blockchain i cui token sono supportati come parte di una funzione di contratto intelligente", di cui l'"esempio più famoso" è proprio Ethereum, ma anche TRON ne è un esempio "familiare". Dall'altro lato, colloca uno standard nativo, che "supporta nativamente la creazione di token specifici sulla sua catena", "un primo esempio" di cui è Binance Chain, con lo standard BEP-2.

Il rapporto afferma che uno dei principali problemi di Ethereum è la scalabilità, che può portare a elevate tasse sul gas e rallentare le transazioni, aggiungendo che mentre "questo può essere interpretato come un segno della popolarità della blockchain, le nuove blockchain hanno iniziato a competere in diversi segmenti”. Il problema della scalabilità è anche il motivo per cui i progetti di offerta di monete iniziali del 2017, che miravano a costruire una varietà di sistemi di utilità sul livello di base di Ethereum, non sono riusciti a raggiungere tali obiettivi, afferma il rapporto, aggiungendo che “il caso d'uso più significativo” di Ethereum in questo periodo “è rimasto come l'effettiva raccolta di fondi per questi progetti”.

Nel frattempo, altre blockchain stanno lavorando su "aree più specializzate e di nicchia", con due esempi che sono stati nominati: TRON, che il rapporto rileva ha "soluzioni di archiviazione distribuite più efficienti e transazioni che portano a un migliore supporto per il gioco", e Binance Chain" con transazione velocità e corrispondenza degli ordini per trasferimenti e negoziazioni".

Mentre Ethereum ha il maggior numero di token sulla sua blockchain, "la stragrande maggioranza" di questi è "spam sulla catena", il che significa che sono privi di valore "a causa del costo di emissione limitato alla distribuzione di un contratto intelligente", e questo è il caso anche su altre blockchain concorrenti. "Al contrario", afferma il rapporto, "la catena di binance ha il secondo maggior numero di token con valore positivo, dopo Ethereum", oltre 130 token emessi come BEP-2, nonostante sia il più costoso su cui emettere un token.

Inoltre, blockchain come Steemit o EOS si basano su un modello di contributo, che necessita di risorse, e blockchain come Ethereum, Tron o Tomochain si basano sulle tariffe del gas per trasferire token, con alcune di queste commissioni su Ethereum che spesso superano lo 0,3 USD per una transazione, che può ostacolarne l'adozione. "Alla fine, alcune blockchain come Binance Chain hanno costi di transazione fissi", conclude il rapporto. Inoltre, gli utenti devono utilizzare ETH per pagare le commissioni su Ethereum, mentre blockchain come Tomochain e Binance Chain consentono agli utenti di pagare le commissioni "in qualsiasi risorsa preziosa".

Tuttavia, il rapporto rileva che una soluzione per il problema della scalabilità può essere trovata in soluzioni di ridimensionamento di livello 2, ad esempioCeler Network o Matic (entrambi i progetti hanno raccolto milioni sulla piattaforma Binance Launchpad) o l'aggiornamento Plasma di Ethereum, che consentirebbe anche agli utenti di effettuare transazioni a tariffe quasi pari a zero, mentre alcuni EIP elaborati (proposte di miglioramento di Ethereum) potrebbero consentire agli utenti di pagare le tasse sul gas in unità diverse da ETH.

In una ricerca "Imparziale", Binance critica Ethereum ed elogia la propria catena 102

COme riportato in precedenza, alcuni progetti cripto sono migrati su Binance Chain, abbandonando la blockchain Ethereum.

Le reazioni al rapporto sono state diverse, con alcune persone che l'hanno lodato, ed altre che l'hanno criticato. L'utente di Twitter Shelley ha commentato su Ethereum dicendo che mentre è "il campione indiscusso per l'emissione di utility token", manca "la roba giusta per emettere security token". E mentre alcuni si chiedono perché Stellar sia incluso nella lista, ma XRP no, altri pensano che il report sia di parte.

Nel frattempo, c'è stato un disaccordo proprio di recente sulle questioni di velocità e capacità delle blockchain esistenti tra il CEO di Binance, Changpeng Zhao (CZ) e il co-fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, con CZ che non ha più questi problemi, che sono stati "ampiamente risolti", mentre Buterin li vede ancora come un grosso problema, dicendo che "non sono affatto risolti".
_____

Leggi di più:
La rivalità Bitcoin-Ethereum ha raggiunto nuove vette di ostilità?

Più Articoli