06 set 2021 · 4 min read

Il New York Times fa arrabbiare la comunità Crypto

Un articolo sulla prima pagina del New York Times (NYT) ha affermato che un "boom nelle società che offrono prestiti in criptovaluta e conti di deposito ad alto rendimento" sta "sconvolgendo il settore bancario" ed ha lasciato ai regolatori "problemi per rimanere al passo". " Ma è un articolo che ha già ricevuto non poche critiche dalla comunità crypto, che ha rimproverato "errori" fattuali e altri problemi percepiti con il suo approccio "semplicistico" al settore.

New York Times

Fonte: Adobe/vacant

"Crypto è il nuovo sistema bancario ombra.."

Nel pezzo, gli autori Eric Lipton e Ephrat Livni hanno spiegato che negli ultimi mesi "i massimi funzionari della Federal Reserve e di altri regolatori bancari hanno iniziato con urgenza quello che chiamano uno 'sprint crypto' per cercare di mettersi al passo con i rapidi cambiamenti".

Questi regolatori, hanno aggiunto, stanno cercando di "capire come frenare i potenziali pericoli di un'industria emergente la cui breve storia è stata segnata tanto da speculazioni ad alto rischio quanto dai progressi tecnologici".

Gli autori hanno citato la senatrice Elizabeth Warren che ha affermato:

“Crypto è il nuovo sistema bancario ombra. Fornisce molti degli stessi servizi, ma senza la tutele dei consumatori o la stabilità finanziaria che supportano il sistema tradizionale. È come trasformare la paglia in oro".

Hanno continuato sottolineando che politici e regolatori sono preoccupati che i consumatori "non siano sempre pienamente consapevoli dei potenziali pericoli dei nuovi servizi crypto simili alle banche e delle piattaforme di finanza decentralizzata (DeFi)".

E hanno avvertito che "i conti di deposito in criptovaluta non sono assicurati a livello federale e le partecipazioni potrebbero non essere garantite se i mercati vanno in tilt. Le persone che ottengono un prestito dando in garanzia le loro criptovalute potrebbero affrontare [la] liquidazione delle loro partecipazioni, a volte in mercati completamente automatizzati che non sono regolamentati".

Sui social media, la comunità cripto ha dato all'articolo una reazione tiepida, con Caitlin Long, fondatrice e CEO di Avanti Financial Group, che ha scritto che il NYT aveva dipinto un'immagine "in bianco e nero", con "forze anti-cripto che cercavano di fare" di tutti i giocatori di criptovalute "un fascio".

Ha scritto:

“I malintenzionati meritano di essere chiamati in causa, ma l'articolo ignora il fatto che esistono aziende conformi alle normative. L'articolo ignora il fatto che i regolatori hanno approvato alcune banche in carica per entrare [nello spazio crypto]. [...] Questo può essere pericoloso per un paio di ragioni. La frontiera della conoscenza nelle criptovalute non è nelle banche tradizionali. Rifletti, quanti dei migliori sviluppatori di criptovalute lavorano per le banche tradizionali?"

Long ha aggiunto che l'articolo conteneva alcuni errori fattuali sulla natura dei servizi offerti in alcune aree ed ha concluso con un avvertimento:

"Man mano che il nostro settore diventa più grande e ha più successo, e mentre alcuni di noi si avvicinano all'approvazione normativa sottoponendosi alle stesse regole delle banche tradizionali (oltre a regole più severe per le criptovalute), tutti dovrebbero aspettarsi ancora più respingimenti dagli operatori storici".

BlockFi e la licenza da banco dei pegni

Il pezzo conteneva anche un commento di Flori Marquez, il cofondatore di BlockFi, il quale ha spiegato che le offerte di prestito crypto di BlockFi "sono preoccupanti e lasciano perplessi" i regolatori, tanto che "in California, dove BlockFi ha cercato per la prima volta di ottenere la licenza di finanziatore", gli è stato detto per la prima volta di "richiedere una licenza di banco dei pegni".

Marquez ha spiegato che quando ha contattato l'ufficio dello sceriffo a San Francisco per chiedere informazioni, le è stato detto:

“No, le licenze per il banco dei pegni sono solo per i beni fisici. E poiché la criptovaluta è una risorsa virtuale, questa licenza in realtà non può essere applicata a te".

Alla fine, BlockFi è tornato dai regolatori bancari ed ha finalmente ricevuto la certificazione appropriata, ha spiegato Marquez.

Ai regolatori questa confusione potrebbe piacere, hanno insinuato gli autori.

Warren ha anche aggiunto che "un'opzione" che potrebbe aiutare a mettere sotto scacco la DeFi e altri giocatori "è vietare alle banche negli Stati Uniti di detenere depositi in contanti a sostegno di stablecoin", una mossa che "potrebbe effettivamente porre fine al mercato in crescita".

Il lancio di un dollaro digitale gestito dalla Fed, ancora poco più di un sogno irrealizzabile, è stato proposto come un'altra soluzione.

La comunità cripto non è stata adeguatamente impressionata.

Zhu Su, il co-fondatore e CEO di Three Arrows Capital, ha scherzato sul fatto che "questo essere anti-cripto da parte del NYT è in realtà uno dei più grandi casi di bullismo", anche se "sicuramente non ci crederebbero".

Anche gli avvocati americani specializzati in criptovalute hanno pesato sul dibattito, con Carol Van Cleef che ha sottolineato che non c'era "niente di nuovo" nel pezzo del NYT, il quale era "un po' distorto, non eccessivamente perspicace e gravemente privo di esperienza".

Il collega avvocato Lewis Cohen era d'accordo, ed ha scritto che il pezzo era "leggero" sulla "ricerca", "ha fatto errori su alcuni fatti chiave e generalmente non ha aggiunto molto alla discussione".

Cohen ha concluso, forse pertinentemente,

"Quando la stampa crypto sta facendo un lavoro migliore nel giornalismo rispetto al [NYT], [è] tempo per un ripensamento".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- No all'accesso delle società cripto al sistema pagamenti FED
- CBDC: A Solution in Search of a Problem?

- Presidente SEC: La DeFi non è decentralizzata e va regolata
- Congressional Researchers Remind Of Crypto Regulations Risks