No all'accesso delle società cripto al sistema pagamenti FED

Le aziende cripto stanno cercando l'accesso ai sistemi di pagamento della Federal Reserve (FED) degli Stati, che le istituzioni finanziarie usano per depositare rapidamente denaro. Tuttavia, nel tentativo di proteggere la loro posizione privilegiata nel sistema finanziario statunitense, le banche stanno protestando contro l'accesso a tale sistema da parte delle società di criptovalute.

FED

Fonte: AdobeStock / Alex

Come riportato dal Wall Street Journal, alcune delle principali società di criptovalute che mirano a prendere piede in questi sistemi di pagamento includono la banca incentrata sugli asset digitali Avanti Bank e l'exchange di criptovalute Kraken.

Le aziende affermano che l'accesso diretto ai sistemi fornirebbe loro modi più rapidi ed economici per elaborare gli ordini dei propri clienti.

Attualmente, tali società sono tenute a collaborare con banche tradizionali che mantengono conti presso la FED e che affermano che i loro concorrenti orientati alle criptovalute beneficiano di normative relativamente leggere, oltre a non disporre dei meccanismi interni necessari per prevenire il riciclaggio di denaro e altre attività illegali. Le banche sostengono inoltre che le attività in criptovalute non sono assicurate con la Federal Deposit Insurance Corp., il che rende l'utilizzo dei loro servizi più rischioso per i clienti statunitensi.

Caitlin Long, CEO e fondatrice di Avanti, ha confermato che la sua azienda ha recentemente presentato domanda per diventare una banca membro della Federal Reserve, aprendo potenzialmente la strada all'accesso diretto di Avanti ai sistemi di pagamento.

Avanti ha "formalmente richiesto ciò che era già stato accettato in modo informale, vale a dire l'utilizzo degli stessi standard di capitale regolamentare, conformità e esame di vigilanza che si applicano alle banche tradizionali", ha affermato prima di dare un'occhiata a quella che ha descritto come un'applicazione del doppio standard delle banche tradizionali.

Long ha aggiunto che,

"Ironicamente, i lobbisti del settore bancario continuano a dire che le criptovalute devono essere soggette a standard più elevati rispetto alle banche tradizionali. Ma ora anche le loro banche stanno entrando nel mondo delle criptovalute, quindi è davvero divertente vedere i lobbisti delle banche addentrarsi in problematiche varie".

Nel frattempo, le banche tradizionali stanno intensificando i loro sforzi di lobby per impedire ai concorrenti focalizzati sulle criptovalute di entrare nel sistema, come indicato dagli ultimi sviluppi.

La Bank Policy Institute, che rappresenta gli interessi delle principali banche e gli Independent Community Bankers of America, ha affermato in una lettera aperta alla FED, depositata il mese scorso, che "le domande su se e come le nuove attività possano avere accesso diretto ai conti e ai servizi della Reserve Bank sono in definitiva questioni fondamentali della politica dei sistemi di pagamento statunitensi", 

Secondo la lettera "è ragionevole aspettarsi che tali richiedenti pongano rischi maggiori in materia di antiriciclaggio, sicurezza informatica e protezione dei consumatori, nonché sicurezza e solidità".

 

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

 

Per saperne di più:
- Perché la valuta Fiat è più confusa delle criptovalute
- Sfatare i 4 grandi miti su bitcoin promossi dalle banche centrali nel 2021

- Con le banche che si aprono a Bitcoin, è ora di investire nei titoli bancari?
- US Banks Offering Crypto Custody is 'Insanely' Bullish and Risky