01 mag 2022 · 7 min read

Piazza Digitale: Cosa può cambiare se Musk acquista Twitter?

Twitter Elon Musk
Fonte: Adobe/Ascannio

 

Jean Burgess, professore e direttore associato, "ARC Centre of Excellence for Automated Decision-Making and Society", Queensland University of Technology.
_____

L'uomo più ricco del mondo, Elon Musk, sembra intenzionato ad acquistare la piattaforma di social media Twitter per circa 44 miliardi di dollari. Dice che non lo sta facendo per fare soldi (il che è un bene, perché Twitter ha raramente realizzato un profitto), ma piuttosto perché, tra le altre cose, crede nella libertà di parola.

Twitter potrebbe sembrare un posto strano per prendere posizione per la libertà di parola. Il servizio ha circa 217 milioni di utenti giornalieri, solo una frazione dei 2,8 miliardi che accedono ogni giorno a uno dei servizi della famiglia Meta (Facebook, Instagram e WhatsApp).

Ma la piattaforma gioca un ruolo sproporzionatamente grande nella nostra società. È un'infrastruttura essenziale per i giornalisti e gli accademici. È stato usato per coordinare le informazioni di emergenza, per costruire comunità di solidarietà e protesta, e per condividere eventi globali e rituali mediatici - dalle elezioni presidenziali ai lutti per le morti delle celebrità (e momenti imprevedibili agli Oscar).

Il ruolo unico di Twitter è il risultato del modo in cui combina l'uso personale dei media con il dibattito pubblico e la discussione. Ma questo è un mix fragile e volatile - e uno che è diventato sempre più difficile da gestire per la piattaforma.

Secondo Musk, "Twitter è la piazza digitale della città, dove si discutono questioni vitali per il futuro dell'umanità". Il co-fondatore di Twitter Jack Dorsey, nell'approvare l'acquisizione di Musk, è andato oltre, sostenendo che "Twitter è la cosa più vicina che abbiamo a una coscienza globale".

Hanno ragione? Ha senso pensare a Twitter come a una piazza? E se è così, vogliamo che la piazza sia controllata da miliardari libertari?

A cosa serve una piazza della città?

Come io e la mia coautrice Nancy Baym abbiamo dettagliato nel nostro libro "Twitter: A Biography", la cultura di Twitter è emersa dalle interazioni tra una piattaforma nascente e un'infrastruttura traballante, una comunità avida di utenti che l'hanno fatta funzionare per loro, e i media che hanno trovato in essa una fonte infinita di notizie e altri contenuti.

È una piazza? Quando Musk e alcuni altri commentatori usano questo termine, penso che stiano invocando l'idea tradizionale di "sfera pubblica": un luogo reale o virtuale dove tutti possono discutere razionalmente delle cose, e tutti sono messi al corrente delle discussioni degli altri.

Alcuni critici pensano che dovremmo sbarazzarci del tutto dell'idea di "piazza digitale", o almeno pensare più profondamente a come potrebbe rafforzare le divisioni e le gerarchie esistenti.

La "piazza della città" può essere molto più di un semplice palco per parlare dei problemi del giorno. Shutterstock

Penso che l'idea della "piazza digitale della città" possa essere molto più ricca e ottimistica di questa, e che il Twitter degli inizi ne sia un esempio abbastanza buono, anche se imperfetto.

Se penso alla mia "piazza cittadina" ideale, potrebbe avere bancarelle di mercato, angoli tranquilli dove si possono avere conversazioni personali con gli amici, vicoli dove si possono perseguire strani (ma legali!) interessi di nicchia, un parco giochi per i bambini, alcuni intrattenitori itineranti - e, certo, forse un'agorà centrale con un podio attorno al quale la gente può riunirsi quando c'è qualche problema che tutti abbiamo bisogno di sentire o di cui parlare. Questo, infatti, è molto simile ad un Twitter degli inizi per me e per i miei amici e colleghi.

Penso che Musk e la sua legione di fan abbiano in mente qualcosa di diverso: una libertà di parola per tutti, una piazza da incubo dove tutti urlano tutto il tempo, e chiunque non piaccia rimane a casa.

Il libero arbitrio è finito

Negli ultimi anni, la crescente prevalenza della disinformazione e degli abusi sui social media, così come il loro crescente potere sull'ambiente dei media in generale, ha spinto i governi di tutto il mondo a intervenire.

Un esempio: solo in Australia, abbiamo visto il "News Media Bargaining Code" e la "Digital Platform Services Inquiry" dell'ACCC fare domande più severe, fare richieste ed esercitare una maggiore pressione sulle piattaforme.

Probabilmente ancora più rilevante per gli attori globali come Twitter, l'Unione Europea sta per introdurre un "Digital Services Act" che mira a "creare uno spazio digitale più sicuro in cui i diritti fondamentali di tutti gli utenti dei servizi digitali siano protetti".

Questo proibirà la pubblicità dannosa e gli "schemi oscuri", e richiederà una moderazione dei contenuti più attenta (e complessa), in particolare nelle aziende più grandi. Richiederà anche che le piattaforme siano più trasparenti su come usano gli algoritmi per filtrare e curare i contenuti che i loro utenti vedono e ascoltano.

Queste mosse sono solo l'inizio degli Stati che impongono sia limiti che doveri positivi alle società di piattaforme.

Così, mentre Musk probabilmente spingerà al massimo i limiti di ciò che può fare, l'idea di una piattaforma globale che permette una "libertà di parola" completamente illimitata (anche entro i limiti della "legge", come ha twittato oggi) è pura fantasia.

Quali sono le alternative?

Se i servizi di social media a scopo di lucro non sono gestiti nell'interesse pubblico, ma per servire le esigenze degli inserzionisti - o, ancora peggio, i capricci dei miliardari - allora quali sono le alternative?

Piccole piattaforme alternative di social media (come Diaspora e Mastodon), costruite su infrastrutture decentralizzate e sulla proprietà collettiva, esistono da un po', ma non sono ancora decollate. Progettare e attrarre utenti verso alternative valide su scala globale è davvero difficile.

È improbabile che le proposte di piattaforme di social media completamente separate e sostenute pubblicamente, create da organizzazioni non-profit e/o governi, anche se riuscissimo a farle lavorare insieme, funzionino. Sarebbero enormemente costose, e alla fine incontrerebbero problemi di governance simili a quelli delle piattaforme esistenti, se dovessero raggiungere una qualche scala e operare oltre i confini nazionali.

Naturalmente, è ancora possibile che Musk scopra che gestire Twitter è molto più difficile di quanto sembri. L'azienda è in qualche misura responsabile di ciò che viene pubblicato sulla sua piattaforma, il che significa che non ha altra scelta che impegnarsi nel mondo disordinato della moderazione dei contenuti, e bilanciare la libertà di parola con altre preoccupazioni (e altri diritti umani).

Mentre le altre aziende di Musk (come Tesla) operano già in ambienti pesantemente regolamentati, il business della "piattaforma globale di social media" è probabile che sia molto più complesso e impegnativo.

Twitter ha già cercato modi per uscire da questa situazione. Dal 2019, sta investendo in un'iniziativa chiamata Bluesky, che mira a sviluppare uno standard aperto e decentralizzato per i social media che potrebbe essere utilizzato da più piattaforme tra cui Twitter stesso.

Il tentativo di Facebook di muoversi nel "metaverso" è una manovra simile: evitare di avere a che fare con contenuti e restrizioni costruendo l'infrastruttura (brevettata) affinché altri possano creare applicazioni e spazi sociali.

Vorrei provare un'altra idea "blue-sky" solo per un momento: se i giganti aziendali esistenti dovessero abbandonare lo spazio dei social media, questo potrebbe lasciare spazio a un'opzione finanziata e governata pubblicamente.

In un mondo ideale, le organizzazioni dei media di servizio pubblico potrebbero collaborare per costruire servizi internazionali di social media utilizzando infrastrutture e protocolli condivisi che permettono ai loro servizi di parlare e condividere contenuti tra loro. Oppure potrebbero costruire nuovi servizi di social media sulla base di internet che abbiamo ora - richiedere agli attori commerciali di assicurare che le loro piattaforme siano interoperabili sarebbe una parte essenziale di questo.

Naturalmente, in entrambi i casi, questo modello richiederebbe alla fine il sostegno dei contribuenti e un serio investimento a lungo termine. Se questo dovesse accadere, potremmo avere qualcosa di ancora meglio di una piazza digitale: un internet al servizio pubblico .

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
Elon Musk rileva Twitter e Bluesky mantiene l’indipendenza
- Jack Dorsey abbandona Twitter: poca fiducia nel futuro dei social media
- Quale sarà il controllo di Facebook sul Metaverso?
- Il Web 3.0 è in arrivo e le criptovalute saranno essenziali