29 ago 2021 · 5 min read

L'ID digitale rende facile l'esclusione dei più vulnerabili

Fonte: Adobe/fgnopporn

Il mondo è diventato interconnesso ad un livello che non avremmo mai immaginato possibile. Stati, banche, comunicazioni, trasporti, tecnologia e organizzazioni di sviluppo internazionale hanno abbracciato l'identificazione digitale. L'attuale conversazione spinge sulla necessità di accelerare le registrazioni per garantire che ogni persona su questo pianeta abbia il proprio ID digitale.

Non siamo incappati in questa nuova era della gestione dei dati digitali inconsapevolmente. Organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale e l'ONU hanno attivamente incoraggiato gli Stati a fornire ai cittadini la prova della loro esistenza legale nel tentativo di combattere la povertà strutturale, l'apolidia e l'esclusione sociale.

Per raggiungere questo obiettivo, la politica sociale ha deliberatamente preso di mira le popolazioni povere e vulnerabili, comprese le persone e le donne indigene e afro-discendenti, per assicurarsi che ottengano una carta d'identità per ricevere i pagamenti del welfare. Mirando a includere le popolazioni emarginate, prendono di mira gruppi che storicamente hanno affrontato l'esclusione sistematica e sono stati esclusi dal riconoscimento formale come cittadini.

l'identificazione digitale

Lorena Espinoza Peña, Autore fornito

La mia ricerca ha rivelato come gli stati possono rendere i sistemi di identificazione sponsorizzati a livello internazionale un'arma. Il libro uscito da questo lavoro – Identità Legale, Razza e Appartenenza nella Repubblica Dominicana: da Cittadino a Straniero – evidenzia come, parallelamente ai programmi della Banca Mondiale che forniscono ai cittadini la prova della loro esistenza legale, il governo ha introdotto meccanismi di esclusione che hanno impedito sistematicamente alle popolazioni nere di origine haitiana di accedere e rinnovare la propria Carta d'Identità Dominicana.

Per anni, le persone di origine haitiana nate nella Repubblica Dominicana si sono trovate in una feroce battaglia per (ri)ottenere la loro carta d'identità. I funzionari hanno affermato che per oltre 80 anni avevano fornito erroneamente alle persone nate da migranti haitiani documenti dominicani e ora avevano bisogno di correggere questo errore. Queste persone dicono di essere dominicane. Hanno anche i documenti per dimostrarlo. Ma lo Stato non è d'accordo.

Queste pratiche sono culminate in una sentenza storica nel 2013 la quale ha privato le persone di origine haitiana nate nella Repubblica Domenicana della loro nazionalità, rendendole così apolidi. In risposta, una campagna per controbattere ha chiesto al registro civile di fornire a tutte le persone di origine haitiana i documenti di identità rilasciati dallo stato come dominicani.

In una critica schiacciante delle pratiche di identificazione globale, la mia ricerca ha rivelato come le organizzazioni internazionali dell'epoca "guardassero dall'altra parte" quando lo stato iniziò a eliminare e poi a impedire deliberatamente alle persone di origine haitiana di accedere alla loro documentazione.

Chi dovesse essere ritenuto idoneo per l'inclusione nel registro civile (che significa cittadini dominicani) e chi dovesse essere escluso in quanto straniero (il discendente di Haiti) è stata considerata una questione sovrana da affrontare per lo stato. Di conseguenza, decine di migliaia di persone si sono trovate prive di documentazione e successivamente escluse dai servizi essenziali, quali quelli sanitari, assistenziali ed educativi.

Colmare il divario di identità globale

Stiamo assistendo a casi simili di questo tipo di esclusione in tutto il mondo. Nel giugno 2021 ho organizzato una conferenza all'Università di Londra chiamata (Re)Immaginare di Appartenere all'America Latina e oltre: Accesso alla Cittadinanza, all'Identità Digitale e ai Diritti. In collaborazione con l'Istituto olandese sull'Apolidia e l'Inclusione, l'evento ha esplorato le connessioni tra identità e appartenenza, ID digitale e diritti di cittadinanza.

Comprendeva un articolo sui cittadini francesi coinvolti in BUMIDOM, noto come Windrush di Francia. Abbiamo anche sentito delle sfide legali presentate da persone in Perù, delle esperienze di cubani non domiciliati resi apolidi e del dibattito sui "bambini àncora" che riguarda la possibilità o meno di concedere automaticamente l'accesso automatico alla cittadinanza statunitense ai bambini nati da migranti privi di documenti.

L'evento si è concluso con una tavola rotonda internazionale che ha esaminato l'uso delle registrazioni di ID digitali a fini discriminatori in altre parti del mondo. Ciò ha incluso discussioni su popolazioni vulnerabili come la gente di Assam in India, i Rohingya in Myanmar e i somali in Kenya.

Dibattiti come questi diventeranno sempre più frequenti nei prossimi 10 anni: un senzatetto che non può più viaggiare sui mezzi pubblici perché la compagnia di autobus accetta solo pagamenti con carta, non in contanti; un'anziana donna afroamericana a cui è stato impedito di votare perché non è in grado di fornire un documento d'identità rilasciato dal governo federale; o una donna a cui è stato detto che deve smettere di lavorare perché il sistema l'ha segnalata come immigrata "illegale".

Per le persone che si trovano escluse da questa nuova era digitale, la vita quotidiana non è solo difficile, è quasi impossibile.

E mentre la necessità di accelerare le registrazioni degli ID digitali è pressante, in questo mondo post-pandemia dobbiamo fare un passo indietro e riflettere. Le richieste di passaporti digitali COVID, carte d'identità biometriche e sistemi di tracciabilità e condivisione dei dati stanno facilitando il controllo non solo delle persone che attraversano le frontiere ma anche, sempre più, delle popolazioni che vivono al loro interno.

È giunto il momento di discutere seriamente delle potenziali insidie ​​dei sistemi di identificazione digitale e del loro impatto di vasta portata che altera la vita.

The Conversation

Eve Hayes de Kalaf, Ricercatrice Associata, CLACS Università di Londra, e Scuola di Lingua, Letteratura, Musica and Cultura Visiva, Università di Aberdeen.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

 

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

 

____
Scopri di più:
- Perché gli NFT non servono solo per oggetti d'arte e da collezione
- In che modo il servizio di identità di Microsoft su Bitcoin ti dà il controllo

- Commissione europea: i trasferimenti sospetti a un "wallet unhosted" richiedono la KYC

- Nuova proposta di legge su asset digitali: pro e contro
- Taproot, CoinSwap, Mercury Wallet e lo stato della Privacy di Bitcoin nel 2021