Mozilla non accetterà crypto PoW per problemi energetici

 

Fonte: AdobeStock / chrupka

Il consumo di energia delle crypto Proof-of-Work (PoW) è diventato ancora una volta un argomento caldo, poiché le aziende iniziano ad abbandonare le criptovalute che utilizzano questo meccanismo ad alta intensità energetica per convalidare le transazioni e creare nuovi token.

"Mozilla non accetterà più crypto proof-of-work"

La scorsa settimana, Mozilla, la società dietro il browser Firefox, ha condiviso un aggiornamento sulla sua politica di donazione di criptovalute a seguito della sua "discussione sull'impatto ambientale della criptovaluta" con la community.

La società ha affermato, in seguito alla sua revisione delle criptovalute PoW, che "Mozilla non accetterà più criptovalute 'proof-of-work', che sono ad alta intensità energetica", aggiungendo che queste criptovalute possono aumentare significativamente la loro emissione di CO2 a causa della loro natura ad alta intensità energetica.

D'altra parte, la società ha affermato che riprenderà ad accettare criptovalute Proof-of-Stake (PoS) per le donazioni.

"Mozilla svilupperà e condividerà un elenco di criptovalute che accetterà entro la fine del secondo trimestre del 2022", ha affermato la società.

Mozilla, che accetta le criptovalute dal 2014, ha pubblicato i suoi impegni sul clima all'inizio del 2021, impegnandosi a ridurre le sue "emissioni in modo significativo e mitigare ciò che non possiamo evitare". Per onorare il proprio impegno, la società ha interrotto le donazioni di criptovalute all'inizio di quest'anno e ha avviato una revisione degli asset digitali.

Il meccanismo PoW è ad alta intensità energetica, poiché premia i partecipanti alla rete, chiamati miner, per spendere potenza di calcolo per risolvere enigmi e mantenere la rete sicura. Il modello incentiva i miner a portare sempre più potenza di calcolo alla rete, consumando più energia.

Secondo Digiconomist, Bitcoin (BTC), la più grande criptovaluta PoW, consuma 204,50 terawattora (TWh) di energia all'anno, l'equivalente del consumo energetico della Thailandia. Inoltre, si calcola che una singola transazione di Bitcoin spenderà 2181,06 kilowattora (kWh), paragonabile al consumo energetico di una famiglia media degli Stati Uniti in 74,76 giorni.

In termini di emissione di CO2, si prevede che Bitcoin rilasci 114,06 Mt di CO2 (megatonnellate di CO2) o la stessa quantità di quella della Repubblica Ceca all'anno. Si calcola che una singola transazione di bitcoin abbia un'emissione di CO2 di 1186,88 kgCO2, che equivale all'emissione di CO2 di 2,63 milioni di transazioni VISA.

Wikipedia potrebbe seguire Mozilla

Citando queste preoccupazioni, oltre 200 editori di Wikipedia di lunga data hanno avanzato una richiesta chiedendo alla Wikimedia Foundation di interrompere tutte le forme di donazioni di criptovalute.

L'utente di Wikipedia GorillaWarfare ha scritto: "Le criptovalute sono investimenti estremamente rischiosi che stanno guadagnando popolarità solo tra gli investitori al dettaglio", che è anche l'autore originale della proposta. "Non credo che dovremmo approvarne l'uso in questo modo".

La proposta ha ricevuto circa 400 voti. Escludendo i nuovi account e gli utenti non registrati, 232 hanno votato a sostegno della proposta, mentre 94 hanno votato contro.

In un commento, la Wikimedia Foundation ha affermato di essere a conoscenza della richiesta e sta esaminando per porre fine alla loro accettazione delle donazioni di criptovalute, che l'anno scorso erano circa 130.000 USD.

Siamo consapevoli della richiesta della community che la Fondazione consideri di porre fine alla nostra accettazione delle donazioni in criptovaluta", hanno affermato. "Il nostro team di raccolta fondi sta esaminando la richiesta e le relative discussioni e forniremo ulteriori informazioni una volta completato il processo".

Nel frattempo, il CEO di MicroStrategy Michael Saylor ha affermato che l'uso totale di energia per il mining di Bitcoin è "irrilevante", che la quantità di energia utilizzata da Bitcoin non rappresenta altro che "un errore di arrotondamento" in altri importanti settori e che è trascurabile. ”Rispetto al consumo energetico mondiale totale.

Secondo la società di investimento in asset digitali CoinShares, la rete di mining di Bitcoin ha contribuito per meno dello 0,08% alle emissioni totali di anidride carbonica (CO2) del mondo.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Misleading Memo for US House Hearing on Bitcoin & Ethereum Mining Includes 'Basic Errors' 
- Regolatore dell'UE chiede di vietare il mining PoW
- Bitcoin e Mining 2022: nuove location, tecnologie e attori
- How Bitcoin Mining Might Help Nations With Domestic Energy Production
- Bitcoin & Crypto Miners Must Take Note as Davos Chiefs Say ‘Nobody Can Hide’ from ESG Standards
- Uno sguardo più da vicino sull'impatto ambientale del mining di Bitcoin
- L'UE valuta i "crypto asset rispettosi del clima"