. 4 min read

Previsioni Bitcoin: Il calo provoca le maggiori liquidazioni in tre mesi

Nelle ultime ore Bitcoin (BTC) ha subito una forte fluttuazione e il recente calo ha innescato la maggiore liquidazione in tre mesi. Tutto sommato, però, mostra segni di resilienza.

Oggi è scambiato a 36.596$ in calo dello 0,25% nelle 24 ore. Il resto del mercato è stato travolto da notizie importanti, come il rinvio della decisione della SEC sull’approvazione dell’ETF di Global X e l’improvviso licenziamento di Sam Altman dal ruolo di CEO della nota compagnia di intelligenza artificiale OpenAI.

Questi eventi possono avere un effetto sul prezzo di Bitcoin? C’è chi ritiene si stia per avvicinare un rimbalzo.

Le whale stanno accumulando e i saldi di BTC toccano livelli record


Secondo la startup di analisi on-chain IntoTheBlock, le whale di Bitcoin che possiedono un patrimonio di oltre 1.000 BTC hanno raggiunto un traguardo significativo nel 2023.

Questa settimana, il totale di BTC presso questi indirizzi ha toccato il nuovo massimo annuale raggiungendo i 7,67 milioni di BTC, al cambio attuale circa 275 miliardi di dollari.

Nel corso dell’anno il patrimonio è tornato a crescere in barba al pessimismo diffuso dal crac di istituzioni come Alameda Research, Genesis ed FTX. Questo significa che il mercato istituzionale di Bitcoin continua ad avere una certa rilevanza.

In crescita anche i titoli posseduti per un lungo termine, valore che di solito si associa all’arrivo del ciclo toro di Bitcoin. Prevale l’ottimismo tra gli investitori che si attendono ulteriore crescita dei prezzi.

Entro fine dicembre il prezzo potrebbe arrivare a 40.000$ e alcune stime prevedono addirittura 45.000$.

La SEC posticipa il termine per decidere sulla richiesta di Global X di un ETF di Bitcoin


La Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense continua a rimandare le decisioni in merito alle richieste di quotazione di un fondo in borsa associato al prezzo di Bitcoin. Stavolta si tratta delle richieste di ETF di BTC presentate da Global X e Franklin Templeton.

In una nota di venerdì, termine prefissato, l’agenzia ha dichiarato che la data per esprimere un’opinione in merito è stata spostata di 35 giorni, fissando la nuova scadenza al 22 dicembre.

L’analista di ETF James Seyffart ha confermato la notizia con un post su X (ex Twitter).

Seyffart ha spiegato che l’estensione della finestra in cui è possibile raccogliere commenti pubblici in merito alla richiesta lascia intendere che il verdetto sulla richiesta di Global X non arriverà prima della fine del 2023.

L’uscita di Sam Altman da OpenAI si riflette sulle performance di Worldcoin: cosa sta succedendo?


Si susseguono notizie concitate dopo l’improvvisa notizia di venerdì che Sam Altman è stato rimosso dal consiglio d’amministrazione di OpenAi dal ruolo di CEO.

Sam Altman avrebbe mentito al consiglio, presentando un quadro inesatto dello stato della compagnia. Queste sono state le prime indiscrezioni riguardo le ragioni del siluramento.

Nella giornata di ieri, però, la compagnia di fatto una non profit, avrebbe aperto un nuovo spiraglio per le contrattazioni e Altman potrebbe tornare a essere il CEO di OpenAI. Lo ha confermato The Verge, in un articolo che fa riferimento a fonti vicine alle persone coinvolte nella vicenda.

Se Altman dovesse decidere di lasciare l’impresa porterebbe con sé molti dipendenti di OpenAI per fondare una nuova compagnia. Non ne ha fatto mistero Greg Brockman, presidente di OpenAI ed ex presidente del consiglio di amministrazione, che si è detto aperto alla possibilità di fondare un’altra società.

La compagnia potrebbe colare a picco senza Altman alla guida. Così è sembrato potesse succedere al token WLD di Worldcoin, il progetto crypto nato dall’intuizione dello stesso padre di ChatGPT.

Alla notizia del licenziamento, WLD è sceso violentemente a 1,86$ per poi tornare oggi a 2,42$ con un recupero di oltre il 23% nelle 24 ore. Probabilmente una reazione alle notizie che si susseguono veloci rispetto alla sorte di Altman e delle compagnie da lui guidate.

Previsione del prezzo di Bitcoin


La performance di Bitcoin il 19 novembre sembra non soffrire delle incertezze del mercato. Il prezzo si mantiene pressoché stabile con una variazione minima nelle 24 ore nell’ordine del -0,25%.

I livelli di resistenza chiave sono fissati a 36.675$, 37.160$ e una soglia più significativa a 38.000$, che gli operatori stanno monitorando attentamente.

Al ribasso, i livelli di supporto si individuano a 35.835$, 35.235$ e 34.522$, indicando potenziali aree in cui il prezzo potrebbe stabilizzarsi nel caso di una tendenza al ribasso.

Gli indicatori tecnici dipingono un quadro misto ma leggermente ottimista. L’indice di forza relativa (RSI) si attesta a 51, appena sopra il punto medio, e suggerisce un lieve sentimento rialzista. Ciò suggerisce che il mercato non è in territorio di ipercomprato o ipervenduto, ma piuttosto in uno stato di cauto equilibrio.

Bitcoin Price Chart

La media mobile esponenziale (EMA) a 50 giorni a 36.400$ rafforza questa ipotesi dato che il prezzo è vicino a questo indicatore chiave, suggerendo una potenziale tendenza rialzista a breve termine.

L’analisi dei grafici rivela un modello con canale leggermente ascendente, che indica una continuazione del momentum rialzista, sempre che il modello regga. In conclusione, sebbene la tendenza generale sia rialzista al di sopra della soglia dei 36.400$, il mercato rimane vigile.

I livelli di resistenza e supporto immediati sono cruciali nel breve termine, e c’è pari possibilità che Bitcoin testi resistenze più alte oppure si ritiri verso supporti più bassi nei prossimi giorni.

Crypto da tenere d’occhio


Investire in un progetto crypto nelle prime fasi potrebbe essere una buona idea per differenziare il portafoglio di investimento. È una buona idea tenere d’occhio i token che si trovano in fase di prevendita.

Il team dedicato agli Approfondimenti su Cryptonews ha curato un elenco delle crypto più promettenti del 2023, fornendo preziose informazioni su questi progetti.

L’elenco viene aggiornato ogni settimana per includere nuove altcoin e progetti in prevendita.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.