Home NewsBitcoin News

Ricerca: Bitcoin è ancora correlato ai mercati statunitensi, ma non per molto

Di Tim Alper
Ricerca: Bitcoin è ancora correlato ai mercati statunitensi, ma non per molto 101
Fonte: Adobe/Parilov

I prezzi di Bitcoin (BTC) sono stati correlati con le azioni americane negli ultimi tempi, ma tale situazione è destinata a cambiare, secondo un nuovo rapporto.

Questo è stato il punto chiave di uno studio pubblicato da Binance Research , un'unità dell'exchange globale di criptovalute, volta a scoprire il pieno effetto dell'attuale crisi finanziaria creata dal coronavirus sui mercati internazionali.

Gli autori del rapporto hanno affermato,

"Nonostante bitcoin abbia mostrato una significativa correlazione positiva con le azioni degli Stati Uniti nel primo trimestre del 2020, è improbabile che questo elevato coefficiente di correlazione persista nel medio-lungo termine."

I ricercatori affermano che la loro conclusione si basa sui dati relativi alle prestazioni del mercato cripto del primo trimestre dell'esercizio in corso (esercizio 2020).

Hanno aggiunto che c'era una correlazione "moderatamente positiva" con i mercati americani, sottolineando che il coefficiente del token con l'indice S&P 500 era di quasi 0,6 e che era anche di oltre 0,6 con l'indice Russell 2000. Le attività con una correlazione superiore a 0,5 sono considerate come aventi una relazione positiva.

Correlazione tra i rendimenti aziendali giornalieri di BTC, CMC200 e le attività finanziarie tradizionali nel primo trimestre 2020:

Ricerca: Bitcoin è ancora correlato ai mercati statunitensi, ma non per molto 102
Fonte: Binance Research, Coin Metrics, Yahoo Finance

Indipendentemente da ciò, Binance Research suggerisce che questa correlazione è molto a breve termine, il che significa che i mercati statunitensi e le principali criptovalute potrebbero essere in procinto di intraprendere due traiettorie molto diverse.

I risultati del rapporto hanno reso la lettura dura per gli appassionati di criptovalute, con bitcoin che ha perso oltre il 37% del suo valore di mercato, quando è sceso a 4.000 USD.

C'è stato un qualcosa di positivo, tuttavia, ovvero una recente ripresa che ha visto il calo totale di BTC per il trimestre ridotto a poco meno dell'11%.

Si è parlato anche di gennaio e febbraio, periodi in cui la maggior parte dei token ha ottenuto guadagni molto salutari prima che il virus facesse sentire la sua presenza in Europa e negli Stati Uniti.

E il rapporto menzionava che un certo numero di altcoin, tra cui tezos (XTZ) e bitcoin SV (BSV) hanno dimostrato che i loro prezzi erano stati influenzati da influenze" idiosincratiche ", tra cui lanci di mainnet, forchette e altre notizie - con alcuni risultati positivi.

Più Articoli