22 ott 2021 · 3 min read

Nuove linee guida del GAFI saranno su Stablecoin, NFT e DeFi

GAFI regolamentazione
Fonte: Adobe/xtock

La Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (GAFI) pubblicherà le sue linee guida aggiornate sulle politiche del settore delle criptovalute la prossima settimana e amplierà il suo campo di applicazione per includere stablecoin, piattaforme peer-to-peer (P2P), token non fungibili (NFT) e finanza decentralizzata (DeFi).

L'organismo vuole anche avere le prove che i paesi stanno effettivamente applicando la sua tanto diffamata Travel Rule, una misura chiave contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Il GAFI ha cercato feedback dal settore prima di un'importante revisione sulla sua guida crypto del 2019, che si è concentrata fortemente su ciò che definisce gli asset virtuali - token come bitcoin (BTC) - e fornitori di servizi di risorse virtuali (VASP), ovvero exchange di criptovalute e fornitori di wallet.

Ma il GAFI ha precedentemente riconosciuto che le linee guida non sono complete. E in un comunicato ufficiale, ha affermato che la sua sessione plenaria di ottobre, finita ieri, aveva concluso che il settore delle criptovalute era "in rapido movimento e tecnologicamente dinamico, il che significa che è necessario un monitoraggio e un impegno continui tra il settore pubblico e quello privato".

GAFI: "la nuova guida sarà pubblica il 28 ottobre"

L'organismo ha affermato che "in particolare" chiarisce le "definizioni di asset virtuali e VASP, e si basa sul rapporto GAFI al G20 per spiegare come gli standard GAFI si applicano alle stablecoin".

Il GAFI ha parlato della necessità di "affrontare i rischi per le transazioni peer-to-peer" e ha affermato che "illustrerà gli strumenti per scovare e mitigare questi rischi".

NFT e DeFi probabilmente cadranno sotto il microscopio, ma i regolamenti rigidi potrebbero essere ancora lontani, poiché l'organismo ha affermato che "sarà vigile e monitorerà da vicino gli asset virtuali e il settore VASP per eventuali cambiamenti materiali che richiedono un'ulteriore revisione o chiarimento del Standard GAFI” – in particolare per quanto riguarda la politica su NFT, P2P e DeFi.

Indipendentemente da ciò, sembra che alcuni regolatori del G20 si aspettino già una guida più chiara sul fronte NFT e DeFi. All'inizio di questo mese, il capo dell'Unità di informazione finanziaria (FIU) sudcoreana, Kim Jeong-gak, ha affermato che la nazione sta tenendo d'occhio le future raccomandazioni del GAFI su NFT e DeFi e cercherà di agire di conseguenza.

Gli Exchange, nel frattempo, si preparano ad un nuovo attacco normativo.

Il GAFI ha affermato che la sua nuova guida "riguarda la concessione di licenze e la registrazione dei VASP", così come la regola di viaggio (Travel Rule) e "include principi di condivisione delle informazioni e cooperazione tra i supervisori VASP".

Sebbene abbia parlato ancora della necessità di "assistere i paesi e il settore privato nell'attuazione degli attuali standard GAFI", ha sottolineato il fatto che si aspetta che i governi si allineino - o affrontino le conseguenze, scrivendo:

"Il GAFI si aspetta che i paesi e il settore privato implementeranno gli standard GAFI su asset virtuali e VASP il prima possibile, soprattutto alla luce di questa guida aggiornata".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Scopri di più:
- DeFi: la regolamentazione è in arrivo
- Commissione europea: i trasferimenti sospetti a un "wallet unhosted" richiedono la KYC

- "Grandi novità nella politica globale sulle criptovalute", il GAFI rimanda ad ottobre
- Countries Should Prevent 'Regulatory Arbitrage' for Stablecoins – FSB

- Approccio della SEC alle crypto è diviso da linee politiche
- In arrivo 6-12 mesi di volatilità nei regolamenti crypto