09 ott 2021 · 5 min read

Svelati i complici dei criminali della finanza tradizionale

criminali
Fonte: Adobe/zwiebackesser

L'indagine Pandora Papers dell'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), una redazione senza scopo di lucro e una rete di giornalisti con sede a Washington, DC, ha rivelato che ci sono ancora alcuni paradisi ideali per coloro che cercano di nascondere la ricchezza illecita.

Le persone che non vengono menzionate tanto nella copertura mediatica dei Pandora Papers, tuttavia, sono gli elementi abilitanti dedicati ad aiutare le persone più ricche del mondo a diventare più ricche e arricchire la loro ricchezza evitando o evadendo le tasse. Questi facilitatori aiutano criminali e cleptocrati a riciclare i loro guadagni illeciti.

Potrebbero non essere ricchi come i loro clienti ma vengono pagati milioni per nascondere trilioni.

I complici dei criminali della finanza tradizionale

Da molti anni esiste una consolidata industria della difesa della ricchezzacomposta da una coalizione di professionisti – che vanno da consulenti e banchieri ad avvocati, commercialisti, notai e agenti immobiliari – che utilizzano società di comodo anonime, family office, conti offshore e trust per aiutare le persone più ricche del mondo a proteggere la loro ricchezza dagli esattori delle tasse.

Questi "abilitatori" altamente compensati stanno assistendo oligarchi, dittatori e criminali in tutto il mondo.

Ci sono state molte segnalazioni tradizionali su crimini, abusi e misfatti finanziari reali di stati stranieri malintenzionati e individui facoltosi. Ma che dire degli intermediari del sistema finanziario che gestiscono i dettagli e forniscono i meccanismi di fuga per i criminali?

Pandora paper

I keniani leggono i giornali del mattino che riportano una dichiarazione rilasciata dal presidente Uhuru Kenyatta a seguito dei rapporti secondo cui è tra più di 330 politici attuali ed ex identificati come beneficiari di conti finanziari segreti nei Pandora Papers. (Foto AP / Brian Inganga)

 

Alcune élite pagano professionisti e aziende rispettati per aprire porte politiche, fare pressioni contro le sanzioni, combattere battaglie legali e riciclare denaro e reputazione. In tal modo, queste istituzioni e individui spingono i confini della legge e degradano i principi della nostra democrazia.

Secondo il Deloitte Anti-Money Laundering Preparedness Survey Report 2020, la quantità di denaro riciclato in un anno è stimata tra il 2% e il 5% del PIL globale, o tra 800 miliardi di dollari e 2 trilioni di dollari all'anno.

I file FinCEN dell'ICIJ offrono informazioni senza precedenti su un mondo segreto di banche internazionali, clienti anonimi e, in molti casi, crimini finanziari.

Mostrano come le banche spostano alla cieca denaro attraverso i loro conti per persone che non possono identificare, non segnalando le transazioni con tutti i segni distintivi del riciclaggio di denaro fino ad anni dopo il fatto e persino facendo affari con clienti coinvolti in frodi finanziarie e scandali di corruzione pubblica.

Reprimere il crimine finanziario

La corruzione e gli illeciti finanziari sono per loro natura riservati e spesso profondamente complessi. Il denaro nero - essenzialmente la spesa destinata a influenzare i risultati politici senza informazioni sulla fonte del denaro - compra l'accesso a tribunali e politici, rendendo di conseguenza la società meno giusta e più iniqua.

Ciò che spesso distingue i ricchi comuni dall'oligarchia è che tutti gli oligarchi investono nella difesa della ricchezza. Usano il loro potere e la loro ricchezza per accumulare più potere e ricchezza, per fare pressioni e per truccare le regole intorno a loro.

Una delle sfide nel reprimere il crimine finanziario è la corsa globale al ribasso tra i paradisi fiscali che stanno cercando di attirare i clienti offrendo incentivi più redditizi e un maggiore grado di segretezza per le aziende. I facilitatori che fanno parte del settore della difesa del patrimonio sviluppano e commercializzano strategie, strutture e schemi per evitare passività fiscali e controlli normativi.

I database di titolarità effettiva volti a combattere il riciclaggio di denaro sono diventati una riforma sempre più popolare in tutto il mondo a seguito dei Panama Papers, che hanno focalizzato l'attenzione internazionale su come l'anonimato aziendale può consentire una serie di mali sociali.

Mentre questa tendenza continua, c'è la speranza che, man mano che più giurisdizioni istituiscono maggiori iniziative di proprietà effettiva e trasparenza fiscale, le destinazioni offshore "anomalie" come le Bermuda, le Isole Cayman e Malta saranno sanzionate in conformità dalla minaccia di esclusione dal sistema finanziario globale.

Paradisi fiscali

I turisti camminano lungo la riva di Seven Mile Beach nell'isola di Grand Cayman. (Foto AP/David McFadden)

Segni promettenti 

Nel frattempo, molte giurisdizioni continuano a eludere le forze dell'ordine che inseguono le tracce segrete del denaro di evasori fiscali e criminali.

A causa di tutte le ovvie lacune normative e di applicazione e dell'apparente mancanza di volontà politica di affrontare tali lacune in modo attivo e pratico, ci sono alcuni segnali incoraggianti che suggeriscono che i governi di tutto il mondo sono costretti ad agire.

Ora c'è una crescente domanda globale di maggiore trasparenza e responsabilità, combinata con richieste di affrontare la crescente disparità di ricchezza, nonché richieste da parte degli investitori per l'adozione di principi ESG (ambientali, sociali e di governance).

Mentre questi fattori giocano un ruolo nell'attirare l'attenzione dei leader politici di alto livello, la realtà cinica è che la probabile motivazione principale di questi leader è la tendenza seria e allarmante di una riduzione delle entrate fiscali. L'approvazione del concetto di un'aliquota fiscale globale minima del 15% da parte dei leader del G7 al vertice del giugno 2021 è una chiara indicazione che i venti del cambiamento stanno arrivando.

G7

I leader delle nazioni del G7 posano per una foto in Cornovaglia, in Inghilterra, nel giugno 2021. (Leon Neal/Pool Photo via AP)

Il modello attuale non è sostenibile. Le realtà fiscali, insieme alle pressioni e alle necessità politiche, costringeranno i leader politici ad agire. Presto dovranno fare molto di più che servire a parole la disuguaglianza della ricchezza e lo squilibrio di potere, che consente all'industria della difesa della ricchezza e ai loro clienti di sovvertire il sistema ed evitare di pagare la loro giusta quota.

Sono necessarie maggiore trasparenza e responsabilità per esporre i fattori abilitanti e ridurre le scappatoie che consentono a individui facoltosi e criminali, insieme alle entità aziendali, di operare impunemente.

 

Marc Tassé, Professore, Contabilità, L'Université d'Ottawa/Università di Ottawa.

 

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_____
Per saperne di più:
- Pandora Paper: rivelati i segreti dell'élite mondiale
- Tether risponde al rapporto di Bloomberg contro la moneta
- US Crypto Tax Loss Harvesters Make Hay While the Sun Shines – But the Clock’s Ticking
- Tax Haven Citizenship Loophole for US Crypto Folk May Not Stay Open for Long 

- Pay Tax on Your Bitcoin Profits or Face Punishment, Mexican Auditor Warns
-Sfatare i 4 grandi miti su bitcoin promossi dalle banche centrali nel 2021