25 ott 2021 · 7 min read

Ci saranno ancora divieti come quello della Cina?

Divieti Cina

Fonte: Adobe/AlphonseLeong.Photos

Davvero si vedranno ancora dei divieti simili alla Cina?

  • "È probabile che assisteremo a ulteriori tentativi da parte dei paesi di vietare le criptovalute".
  • "Vietarle (le criptovalute) davvero significherebbe vietare anche Internet".
  • "La nostra speranza è che altri paesi si rendano conto dei vantaggi che queste reti cripto possono fornire".

Sta arrivando una resa dei conti regolamentare per le criptovalute. Mentre artisti del calibro di Stati Uniti e UE stanno preparando una legislazione, altre nazioni come Cina e Turchia stanno implementando vari divieti per l'industria delle criptovalute, sollevando la questione se altri possano seguire l'esempio.

Non c'è dubbio che la maggior parte dei governi e delle autorità di regolamentazione tendono a considerare le criptovalute più come un aspetto negativo che positivo, ma un numero significativo di loro prenderà effettivamente la strada della Cina e vieterà del tutto le criptovalute? Mentre i commentatori che parlano con Cryptonews.com concordano sul fatto che molte nazioni potrebbero introdurre una regolamentazione piuttosto severa prima o poi, la maggior parte si fermerà comodamente prima di divieti assoluti.

In effetti, numerosi analisti sospettano che una volta che il mercato delle criptovalute sarà maturo e saranno introdotte nuove normative, la minaccia di divieti effettivi diminuirà sempre più. E in parallelo, i governi capiranno che un mercato cripto regolamentato sarà un netto positivo per le nazioni che governano.

Proibire Internet

Per Nick Du Cros, Responsabile della Conformità e degli Affari Regolatori presso la grande società europea di investimenti in asset digitali CoinShares, è probabilmente solo una questione di tempo prima che Bitcoin (BTC) e divieti di criptovalute arrivino in altre nazioni. Soprattutto quando si tratta di governi più autoritari.

“Sì, è probabile che assisteremo a ulteriori tentativi da parte dei paesi di vietare le criptovalute, in particolare laddove si ritiene che le criptovalute minaccino il controllo statale. Ad esempio, dove la criptovaluta può essere utilizzata per eludere i controlli sui capitali o dove i dissidenti possono essere finanziati nonostante siano tagliati fuori dalla loro rete bancaria locale", ha detto a Cryptonews.com.

Ciò si adatta al disegno di legge in Turchia, ad esempio, dove il governo ha vietato i pagamenti in criptovalute, in gran parte perché i locali si sono riversati su BTC (così come sull'oro e sulle valute estere) dopo che la lira turca è crollata di valore. E per Kevin Werbach, professore di studi legali ed etica degli affari alla Wharton School della Pennsylvania, tali divieti stanno accadendo proprio ora e non sono semplicemente una remota possibilità futura.

Tuttavia, alcuni osservatori suggeriscono che non dovremmo essere troppo scoraggiati per la situazione attuale e che, sebbene molte nazioni possano introdurre una regolamentazione, molto probabilmente non arriveranno al punto di vietare le criptovalute.

"Penso che ci sia un grande divario tra il divieto di tutte le attività di mining e commerciali legate alle criptovalute, nel caso della Cina, e le misure che altre nazioni potrebbero intraprendere per ridurre o almeno regolamentare l'economia delle criptovalute. Come è evidente a chiunque comprenda le reti blockchain aperte, vietarle veramente significherebbe vietare anche Internet", ha affermato Kristin Smith, direttore esecutivo della Blockchain Association.

In effetti, ci sono già segnali che almeno alcune nazioni adotteranno un approccio più equilibrato.

I funzionari della Federal Reserve e della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, ad esempio, hanno recentemente dichiarato che gli Stati Uniti non seguiranno la Cina nel vietare le criptovalute. Tuttavia, il presidente della SEC Gary Gensler ha sottolineato che qualsiasi mossa simile alla Cina per emarginare le criptovalute a favore della creazione di una chiara corsa per un dollaro digitale "spetterebbe al Congresso".

Nel frattempo, un numero in costante crescita di nazioni (e alcuni stati degli Stati Uniti), da El Salvador all'Ucraina e a Cuba, ha recentemente approvato una legislazione che prende una posizione favorevole su Bitcoin e criptovalute.

Motivazioni diverse per bloccare le criptovalute

Naturalmente, non tutte le nazioni o giurisdizioni sono in grado di adottare un approccio positivo agli asset cripto. Alcuni hanno preoccupazioni che sembrano essere direttamente influenzate dalle criptovalute e quindi possono agire in vari modi.

“Le motivazioni avanzate dai governi sono numerose. Ad esempio, per fermare l'attività criminale, proteggere gli investitori dalla volatilità dei prezzi, ridurre la concorrenza ad una CBDC sostenuta dallo stato, prevenire il ransomware (ecc.)", ha affermato Nick Du Cros.

Ha aggiunto che diversi paesi imporranno quindi diverse restrizioni sulle criptovalute.

“Vedremo paesi diversi adottare approcci diversi. Ad esempio, oggi la Russia ha annunciato una sorta di divieto cercando di spingere l'attività di criptovaluta al di fuori della Russia", ha affermato.

Allo stesso modo, Kevin Werbach cita il desiderio di frenare l'attività illegale come il principale motore per i governi. Questo può essere considerato un segnale incoraggiante per l'industria, dal momento che è discutibile che la necessità di eliminare i cattivi attori punti più verso la regolamentazione che il divieto assoluto.

“Le principali preoccupazioni che motivano restrizioni significative sulle criptovalute sono la frode, le attività criminali come il riciclaggio di denaro sporco e l'evasione delle tasse o dei controlli sui capitali. Molti cosiddetti "divieti" sono più divieti contro gli exchange, perché non rientrano nel quadro normativo esistente per i servizi finanziari o restrizioni alle interazioni con il sistema bancario", ha affermato.

Detto questo, Nick Du Cros ricorda che l'attività criminale che coinvolge le criptovalute potrebbe non essere così diffusa come alcuni potrebbero suggerire, e che tale attività potrebbe essere usata come scusa dai governi gelosi per eliminare o limitare severamente le criptovalute.

“Quando guardi dietro i titoli politicamente motivati puoi vedere la diffusione del FUD (fear, uncertainty and doubt - paura, incertezza e dubbio). Ad esempio, l'importante azienda forense blockchain Chainalysis, ha stimato che l'attività criminale ha rappresentato solo lo 0,34% delle transazioni di criptovaluta nel 2020", ha affermato.

In effetti, Kristin Smith suggerisce che probabilmente il principale motore dell'attuale spinta verso la regolamentazione (o il divieto) è semplicemente il desiderio del governo di mantenere una presa monopolistica sul sistema finanziario.

"Se prendiamo l'esempio della Cina, sarebbe probabilmente mantenere uno stretto controllo statale sul sistema finanziario e soffocare qualsiasi tentativo non governativo di coltivare nuove reti finanziarie", ha affermato.

L'impossibilità di divieti generali

Anche se potremmo assistere a una tendenza a misure dure nei prossimi mesi, la maggior parte degli osservatori è più ottimista riguardo al futuro.

"Man mano che la regolamentazione si sviluppa per affrontare le legittime preoccupazioni sui mercati delle criptovalute, i divieti diventeranno meno comuni", ha affermato Kevin Werbach.

Allo stesso modo, Kristin Smith sospetta che, con il passare del tempo e con le criptovalute che avranno più successo senza mettere a repentaglio il sistema finanziario, i governi adotteranno una visione sempre più favorevole nei confronti delle criptovalute.

"La nostra speranza è che altri paesi si rendano conto dei vantaggi che queste reti cripto possono fornire ai propri cittadini e che abbraccino quelle reti, piuttosto che cercare di resistergli", ha spiegato.

Allo stesso tempo, è discutibile che la maggior parte dei governi non avrà altra scelta che abbracciare le criptovalute, dal momento che i divieti definitivi sono potenzialmente impraticabili e inapplicabili.

"Il segreto è fuori e una delle cose belle di un modello decentralizzato è che non può essere controllato dal governo", ha affermato Charlie Silver, amministratore delegato di Permission.io.

Kevin Werbach suggerisce che, anche in Cina, l'attuale divieto sulle criptovalute non sarà del tutto efficace, citando l'uso di VPN (in elusione del "Great Firewall" nazionale) come esempio di come le dichiarazioni legali non siano sempre pienamente applicate.

“Non c'è dubbio che prima d'ora gli utenti cinesi abbiano fatto trading in violazione del divieto del 2017 sugli exchange fiat-to-crypto. Dobbiamo vedere quanto sarà serio lo sforzo per fermare quel tipo di attività", ha detto.

È a causa di questa difficoltà che la maggior parte dei commentatori si aspetta che, in definitiva, la stragrande maggioranza delle nazioni democratiche implementerà la regolamentazione piuttosto che i divieti. E in teoria, questa potrebbe essere una vittoria per le criptovalute, le nazioni e allo stesso modo per i governi.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
_____
Per saperne di più:

- Il divieto cinese delle cripto potrebbe essere un bene a lungo termine per Bitcoin
- a16z presenta una proposta per regolamentare le crypto


- L'India Regolerà le Criptovalute, le Discussioni sul Divieto Sono Terminate
- Turkey Prepares Crypto Regulations Amid 'Disturbing' Money Outflows

- Le criptovalute resistono al controllo dei Regolatori