10 mar 2022 · 2 min read

Goldman Sachs lascia la Russia

Goldman
Fonte: Adobe/piter2121

 

Secondo quanto riferito, il gigante dell'investment banking Goldman Sachs sta intensificando il suo lavoro sulle criptovalute esplorando se dovrebbe offrire opzioni crypto over-the-counter (OTC). La notizia è arrivata quando l'azienda ha dichiarato che lascerà la Russia, diventando la prima grande banca di Wall Street a farlo dopo l'inizio della guerra in Ucraina.

Goldman Sachs intensifica il suo lavoro sulle criptovalute

L'esplorazione delle opzioni crypto da parte della banca d'investimento è un'indicazione dell'approfondimento della partecipazione della banca al mondo del trading di criptovalute. Bloomberg ha riferito, citando fonti non divulgate, che la banca è una delle poche grandi banche di investimento che stanno cercando di offrire tali prodotti derivati ​​​​dalle criptovalute.

Inoltre il rapporto aggiunge che il prodotto in esame, le cosiddette opzioni bilaterali, al momento consentirebbe di personalizzare le negoziazioni per gli holder di criptovalute istituzionali come hedge fund o miner, ad esempio per coprire i rischi.

La notizia della possibile nuova avventura nelle criptovalute arriva dopo che il capo del trading di criptovalute della banca, Andrei Kazantsev, ha affermato durante un panel ospitato da CoinDesk nel dicembre dello scorso anno che "il prossimo grande passo che stiamo immaginando è lo sviluppo dei mercati delle opzioni. "

Goldman Sachs lascia la Russia

Nel frattempo, oggi è emersa anche la notizia che la banca di investimento lascerà la Russia a causa delle sanzioni imposte al Paese.

"Goldman Sachs sta chiudendo la sua attività in Russia in conformità con i requisiti normativi e di licenza", ha affermato la banca d'investimento in un'e-mail inviata a Reuters.

La banca ha precedentemente comunicato di avere un'esposizione creditizia verso la Russia di 650 milioni di dollari.

Finora, nessun'altra grande banca americana ha dichiarato di voler chiudere le proprie operazioni in Russia a causa della guerra in Ucraina.

Citigroup ha dichiarato mercoledì di questa settimana che continuerà ad operare nel paese "su base più limitata". Il Financial Times ha riferito che la banca ha pianificato da tempo di vendere il suo franchising nel paese, ma ora i piani sono stati complicati dalle sanzioni.

Una fonte anonima, che ha detto di lavorare per Citigroup, ha affermato che "stiamo esaurendo le opzioni […] chiudere tutto potrebbe essere la nostra unica opzione".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Banche Russe, escluse da Visa e Mastercard, puntano UnionPay
- Russian Banks Eye CNY Solution as Central Bank Bars Forex Sales; New Sanctions Approved

- Goldman Sachs: l'adozione non fa più aumentare le crypto
- Perhaps the Goldman Sachs DeFi ETF Won’t Feature Nokia After All

- I clienti di Goldman Sachs mandano segnali cripto rialzisti
- Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin