29 mag 2022 · 8 min read

La nuova Stablecoin di Justin Sun è solo un clone di UST?

 

Justin Sun
Fonte: AdobeStock / Jason Bennee

UST, una stablecoin che dovrebbe mantenere un prezzo fisso con il dollaro USA 1:1, questo mese è andata fuori controllo fino a raggiungere un minimo di 0,10 USD. Dopo la notevole ascesa in pochi mesi di UST, solo pochi avevano previsto il suo crollo monumentale, soprattutto per il predominio che le stablecoin stavano guadagnando sul mercato.

Le stablecoin sono diventate una forza dominante nel crypto market in quanto consentono agli investitori di detenere fondi in dollari senza lasciare il crypto market. La finanza decentralizzata (DeFi) è uno dei principali beneficiari delle stablecoin, in quanto alimentano la maggior parte dei prestiti e la fornitura di liquidità in molti protocolli DeFi.

Sulla scia del crollo di UST, è arrivata sul mercato un'altra stablecoin sostenuta da un importante imprenditore di criptovalute, che punta a giocare la carta algoritmica meglio di UST.

Continua a leggere per conoscere la nuova stablecoin di Justin Sun, USDD, e come appare stranamente simile a UST.

Cosa sono le stablecoin algoritmiche?

Prima di entrare nel merito della nuova stablecoin, approfondiamo il concetto di stablecoin algoritmiche.

Le stablecoin sono generalmente definite come "valute digitali che mantengono un prezzo fisso con altri asset tenendoli come garanzia". Sappiamo già che questa definizione non si applica sempre, in quanto esistono diversi tipi di stablecoin. Diamo una rapida occhiata a ciascuna.

Le stablecoin garantite da Fiat sono garantite da valuta fiat detenuta nelle riserve da un'entità centrale. Spesso vengono criticate dagli appassionati crypto per la loro centralizzazione e mancanza di trasparenza, poiché le loro riserve sono fuori catena.

Le stablecoin garantite da materie prime sono garantite da asset fisici come petrolio, metalli preziosi, immobili, ecc. attraverso un'entità centrale. Affrontano le stesse critiche delle stablecoin collateralizzate fiat.

Le stablecoin garantite da criptovalute sono supportate dalla detenzione di altre criptovalute come garanzia tramite uno smart contract. Sebbene si adattino al modello di decentramento e consentano la trasparenza, non sono efficienti in termini di capitale, poiché devono essere eccessivamente garantite per mantenere la stabilità.

Le stablecoin algoritmiche mirano a risolvere le sfide viste da altre stablecoin eliminando la necessità di qualsiasi forma di garanzia o dipendenza da un emittente centrale. Mantengono un prezzo fisso con altri asset attraverso un processo che richiede un meccanismo di masterizzazione e conio di token crypto.

Il processo in genere richiede due token - uno che funga da stablecoin e un altro per aiutare a mantenerne la stabilità - per mantenere il prezzo fisso regolando la domanda e l'offerta tra i due token. Alcuni protocolli scelgono un po' di entrambi i mondi impiegando un meccanismo algoritmico e mantenendo comunque le criptovalute in una riserva.

Uno sguardo più da vicino alle stablecoin algoritmiche, tuttavia, mostra la possibilità di una spirale mortale quando il loro prezzo si rompe, come rivelato con UST e il suo token gemello, LUNA di Terra.

Nonostante ciò, le stablecoin supportate da algoritmi non stanno cercando di lasciare il crypto market a breve. Nel bel mezzo degli eventi che hanno portato al de-peg di UST, il controverso imprenditore crypto e fondatore della blockchain di Tron (TRX), Justin Sun, insieme a Tron DAO (organizzazione autonoma decentralizzata), ha lanciato una nuova stablecoin algoritmica chiamata USDD.

La nuova stablecoin di Justin Sun, USDD

USDD è una nuova stablecoin algoritmica che mira a mantenere un prezzo strettamente ancorato al dollaro USA attraverso un algoritmo che incentiva i trader di arbitraggio a fare trading tra TRX, il token nativo di Tron, e USDD.

Il processo di conio/bruciatura prevede la combustione di 1 USD di TRX per 1 USDD, quando il prezzo di USDD aumenta al di sopra del peg. Quindi, riducendo l'offerta di TRX e aumentando l'offerta di USDD. Quando il prezzo di USDD scende, 1 USDD verrà bruciato per un valore di 1 USD di token TRX, riducendo l'offerta di USDD e aumentando quella di TRX nel processo.

Secondo Justin Sun, USDD è nato dalla visione di creare stablecoin nel settore crypto altrettanto "decentralizzate come bitcoin".

USDD è gestita da Tron DAO, che sta aiutando ad amministrare un tasso di interesse fino al 30% (più di UST) quando scommetti su USDD. Tron DAO aiuterà anche a mantenere la stabilità di USDD in tempi di crollo del mercato che potrebbe causare il fallimento dell'algoritmo, accumulando 10 miliardi di dollari in bitcoin, TRX e altre stablecoin in una riserva.

I dati di Coinmarketcap.com mostrano che USDD ha già una capitalizzazione di mercato di 542,9 milioni di dollari (alle 12:45 UTC di martedì 24 maggio). Sebbene ciò non sia affatto vicino alla capitalizzazione di mercato delle principali stablecoin come USDT (73,2 miliardi di USD), USDC (53,3 miliardi di USD), BUSD (18,4 miliardi di USD), DAI (6,6 miliardi di USD) o UST prima del suo crollo, suggerisce che il il mercato apparentemente ha più fiducia nella capacità di Justin Sun di mantenere il peg rispetto a Do Kwon di Terra.

Cosa è successo con UST?

Il 9 maggio 2022, UST ha perso il suo peg al dollaro USA per la prima volta da molto tempo, scambiando al di sotto di 92 centesimi. Nel tentativo di difendere il peg, Luna Foundation Guard (LFG) ha iniziato a vendere la sua riserva di BTC per acquistare UST.

Tuttavia, la strategia adottata da LFG si è rivelata controintuitiva, poiché UST alla fine è crollata a 0,1 USD, perdendo quasi tutto il suo valore in pochi giorni. L'effetto del crollo ha colpito drasticamente anche il token gemello di UST, LUNA, facendo precipitare il suo valore da oltre 84 USD a zero (0,0001 USD).

Esiste una teoria secondo la quale il crollo di UST sarebbe stato un attacco coordinato, in cui un aggressore avrebbe preso in prestito fondi per attaccare il peg di UST e poi avrebbe guadagnato su una posizione allo scoperto in BTC, sapendo che LFG avrebbe venduto le sue riserve di BTC nel tentativo di mantenere il peg di UST. Sebbene ciò non sia stato confermato, il consenso generale nella community è che questo è ciò che deve essere successo.

UST e LUNA hanno perso circa 60 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato combinata a causa del crollo.

USDD vs. UST: somiglianze e differenze

USDD e UST sono entrambe stablecoin algoritmiche che non sono supportate da garanzie. Considerando il recente crollo di UST, gli investitori stanno diventando scettici sulle stablecoin, in particolare quelle della categoria algoritmica.

USDD è stata presa di mira, poiché il suo algoritmo e il suo framework sembrano uguali a quelli di UST: conio USDD bruciando TRX e conio TRX bruciando USDD.

USDD è anche supportata da Tron DAO, che prevede di gestire una riserva di 10 miliardi di dollari in diverse criptovalute per supportare il suo peg. Questo è simile a LFG che prevedeva di detenere 10 miliardi di dollari in bitcoin e AVAX per supportare il peg di UST.

Sebbene i fondamenti di USDD appaiano esattamente gli stessi di UST, Justin Sun ha affermato, in una recente sessione di zoom, che la differenza operativa di USDD la rende abbastanza diversa da UST.

Ha sostenuto che UST sia cresciuta troppo rapidamente in breve tempo e ha utilizzato una leva eccessiva, citando la grande capitalizzazione di mercato di UST e la sua riserva relativamente piccola prima del crollo. Ha anche indicato gli alti rendimenti di Anchor Protocol e la mancanza di un'adeguata considerazione delle variabili di mercato come aree tecniche in cui UST ha fallito.

Secondo Justin Sun, USDD prevede di concentrarsi su una crescita sana, mantenendo la sua capitalizzazione di mercato inferiore a quella di TRX, della riserva Tron DAO e dell'intera capitalizzazione del crypto market. Ha affermato che la riserva comprenderà principalmente bitcoin e TRX e altre stablecoin come USDT, USDC, BUSD, DAI e TUSD. Le stablecoin possono essere implementate immediatamente nel caso in cui USDD scenda al di sotto del suo peg, guadagnando così tempo per liquidare gradualmente altri asset.

A differenza di Anchor Protocol, che aveva un tasso di interesse costante del 20% senza limiti di prelievo, Justin Sun ha affermato che USDD mira a mettere in atto strutture che influenzino il tasso di interesse e il limite di prelievo.

USDD di Justin Sun è destinata ad andare allo stesso modo di UST?

Considerando la somiglianza dei fondamentali di USDD e di UST, avrebbe senso presumere che USDD alla fine subirà la stessa sorte di UST. Inoltre, nessuna stablecoin algoritmica è riuscita finora a causa degli apparenti vettori di attacco che possiedono.

Allo stesso tempo, è importante riconoscere che le tasche di Justin Sun e Tron sono molto più profonde di quelle di Do Kwon e di LFG, il che significa che la loro capacità di mantenere il peg del dollaro è probabilmente maggiore.

Tuttavia, ora che esiste un playbook pubblico su come attaccare una stablecoin come questa, è aumentata anche la possibilità che più partecipanti al mercato tentino di farlo.

Sebbene una stablecoin algoritmica funzionante e stabile sarebbe un'aggiunta eccellente al mercato in crescita della DeFi, i recenti tentativi di crearne una suggeriscono che c'è ancora molto lavoro da fare prima che possa davvero avere successo.

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Le stablecoin lottano per mantenere il peg
- Fondatore di Tron lancia "la stablecoin più decentralizzata"
- CEO di Binance e le lezioni apprese dal crollo di Terra
- Tether è nuovamente sotto i riflettori
- Crollo LUNA e UST: Universo crypto riflette su asset Ponzi
- Sostenitori di Terra rompono il silenzio